Appunti di letteratura greca: Apollonio Rodio

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Apollonio Rodio (295-215 a. C. Circa) è un poeta epico greco d'età ellenistica. Fu il secondo direttore della Biblioteca di Alessandria e precettore del principe ereditario, il futuro Tolomeo III Evergete. Si tramanda che fosse discepolo di Callimaco e che, in seguito ad una lite sorta col maestro e all'insuccesso della prima edizione del suo poema epico, le "Argonautiche", avesse abbandonato Alessandria per Rodi (di qui l'appellativo con cui è noto); in tale città avrebbe pubblicato una seconda edizione della sua opera. In questa guida tratterò alcuni appunti di letteratura greca riguardanti Apollonio.

25

Un'intensa attività

Come erudito, il poeta svolse un'intensa attività scrivendo di leggende locali, ma la sua fama resta affidata alle sole "Argonautiche", l'unico poema epico dell'antichità che ci sia giunto per intero fra Iliade, Odissea ed Eneide. Sono quattro libri, in esametri, dai 1300 ai 1700 versi ciascuno.

35

Il bisogno di razionalizzare

Apollonio cerca di giustificare e razionalizzare tutto nella trama del suo poema, e spiega in modo curioso, immaginifico, talvolta pedante. La sua è un'esigenza di coerenza quasi eroica: ogni evento che si verifica ha un perché che non va taciuto. C'è un proposito quasi filologico di non lasciare nulla di inesplicato; Apollonio distrugge l'ignoto, svela le cause, conferisce insieme spessore e un blasone di nobiltà a città, popolazioni, cose.

Continua la lettura
45

Le Argonautiche

Il compromesso attuato da Apollonio tra l'epos tradizionale e la rivoluzione culturale in atto (l'ellenismo e i suoi crismi di brevità e lavoro di cesello), rimase senza seguito in Grecia, anche se la sua opera fu letta fino a tarda epoca e corredata di commenti a carattere antiquario e linguistico. Tuttavia, le "Argonautiche" sono insieme ad Omero uno dei presupposti letterari dell'Eneide virgiliana, com'è evidente, tra l'altro dalle figure di Enea e Didone.

55

Il tema dell'amore

Apollonio Rodio introduce nel poema epico, come struttura portante, l'amore (tra Giasone e Medea). Esso è visto interamente da una parte sola, dalla parte di lei, filtrato attraverso Medea che si guarda e si strugge al di là della situazione oggettiva e carica il rapporto di una serie di fantasie: il rapporto si dilata a causa della sua immaginazione, delle sue turbate riflessioni. Non prevalgono fatti esterni, ma la contemplazione del proprio tormento: è un occhio rivolto tutto all'interno. L'amore è analizzato in tutti i suoi passi e sequenze, non è dato scontato una volta per sempre, è presentato in una gamma molto circostanziata. Il lato assolutamente originale è questo consumarsi in un pensiero dominante che cancella tutto il resto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Appunti su John Milton e il "Paradiso Perduto"

La letteratura è piena di scrittori che hanno lasciato traccia del loro pensiero attraverso le loro opere più famose. Studiare la vita di questi autori puo' aiutarci enormemente a comprendere meglio le scelte operate durante la stesura dei testi, capire...
Università e Master

Come Disegnare Il Setaccio Apolloniano

In questa guida vedremo come fare per riuscire a disegnare correttamente il setaccio apolloniano, uno dei più noti frattali. Un frattale è una curva irregolare che viene costruita mediante una serie infinita di operazioni, chiamate iterazioni. Questa...
Superiori

Virgilio: vita e opere

Virgilio era uno degli autori cardine della letteratura latina dell'età augustea. Nacque in un villaggio nei pressi di Mantova il 15 ottobre del 70 a. C. La sua formazione si svolse principalmente in due città, Roma e Napoli che furono anche i luoghi,...
Superiori

Appunti di epica: confronto tra l'Iliade, l'Odissea e l'Eneide

L'Iliade, l'Odissea e l'Eneide sono senza alcun ombra di dubbio i poemi più belli e famosi della letteratura in stile epico. Questi 3 poemi hanno tantissime similitudini che però si diversificano per lo stile della scrittura e per i temi che vengono...
Superiori

Antologia: l'epica

L'epica rappresenta una delle forme più antiche di narrazione. Racconta le imprese coraggiose ed eroiche di personaggi umani, storici o leggendari a cui si uniscono, molto spesso, dei personaggi soprannaturali. Poiché l'epica nasce anche per tramandare...
Superiori

Appunti di letteratura greca: Esiodo

Lo studio della letteratura greca, per parecchi studenti rappresenta un ostacolo insormontabile. Se infatti da un lato si tratta di una materia molto affascinante e carica di emozioni, dall'altra riuscire a ricordare tutti gli aspetti caratteristici di...
Superiori

Ulisse nella letteratura: appunti

"Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e conoscenza". Sono tre versi, dal 118 al 120, del XXVI canto dell'inferno di Dante che mette Ulisse nell'ottava bolgia perché non ha saputo resistere alla sete...
Maturità

Letteratura greca: l'elegia

In Grecia nel VII secolo a. C nacque un genere di letteratura chiamato lirica, formato a sua volta da diverse tendenze e generi decisamente distinti tra loro, perché impregnati di una diversa tradizione culturale: il giambo, la lirica monodica, la lirica...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.