Appunti di ingegneria: deformazione elastica e plastica

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

In ingegneria ed in particolare nella branca della scienza e della tecnologia dei materiali è importante studiare le proprietà meccaniche dei vari solidi e delle varie strutture in modi da poterne prevedere cedimenti o rotture. Uno studio molto utile è quello che si occupa del legame che è presente tra gli sforzi e le deformazioni dei vari materiali. Ecco dei pratici appunti di ingegneria: deformazione elastica e plastica.

27

Occorrente

  • Libro di testo
  • Calcolatrice
  • Foglio e penna
37

I principali sforzi di trazione, compressione e taglio

Lo studio delle deformazioni viene effettuato partendo dal concetto di sforzo, definito come la forza diviso la superficie del materiale. I principali sforzi sono quelli di trazione, compressione e taglio. Il legame tra sforzo e deformazione costituisce la caratteristica meccanica del materiale, rappresentata matematicamente dalla legge di Hooke: s=E*d in cui s rappresenta lo sforzo (pressione) e d la deformazione (valore adimensionale). E costituisce il modulo di elasticità o modulo di Young del materiale. Analogamente, per lo sforzo di taglio è possibile definire il modulo di taglio G. Esistono inoltre: il modulo di Poisson (v), che lega lo sforzo alle deformazioni laterali del campione, e il modulo di Bulk, utilizzato nella compressione idrostatica.

47

Deformazione lineare

Quando il modulo di elasticità E è costante la deformazione si definisce lineare. Una deformazione si definisce elastica se essa risulta reversibile. In una deformazione elastica, quindi, quando applichiamo il carico noteremo una deformazione d ma quando tale carico viene rimosso, il campione tornerà alle dimensioni originarie, come se la deformazione non fosse mai avvenuta. La caratteristica meccanica quindi, nel grafico sforzo-deformazione, continua a passare per l'origine anche dopo la rimozione del carico applicato. Tale esperimento viene effettuato mediante una prova di trazione su di un campione del materiale da studiare.

Continua la lettura
57

Deformazione plastica

Una deformazione viene invece definita plastica se, una volta rimosso il carico che era stato applicato in precedenza, il materiale presenta una deformazione residua apprezzabile, quindi pari ad almeno d=0,002. In questo caso, nel diagramma sforzo-deformazione che costituisce la caratteristica meccanica, dopo la rimozione del carico applicato, la linea del grafico attraverserà l'asse delle ascisse un po' più a destra rispetto all'origine. Il carico a partire dal quale è presente una deformazione residua e la deformazione potrà quindi essere considerata plastica, prenderà il nome di carico di snervamento.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Studiate la teoria sugli sforzi nominali in modo da comprendere meglio le deformazioni
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Gli sbocchi professionali di Ingegneria Civile

Di questi tempi trovare lavoro in Italia è particolarmente difficile, soprattutto per quanto concerne alcune professioni particolari come l'Architetto e l'Ingegnere Civile. Quest'ultima professione però ha sicuramente molti più sbocchi professionali...
Università e Master

Come prepararsi al test di ammissione di Ingegneria

La Facoltà di ingegneria è un ateneo abbastanza richiesto dai giovani studenti che vogliono intraprendere una carriera universitaria per introdursi nel mondo del lavoro. Questo motivo è dovuto al fatto che la laurea in Ingegneria apre la strada agli...
Università e Master

Le migliori Università italiane di Ingegneria

Uno dei maggiori dubbi di uno studente che si è appena diplomato riguarda la scelta dell'università, soprattutto per le prospettive future. Spesso la scelta ricade in ambito ingegneristico dove le possibilità lavorative e i campi di specializzazione...
Università e Master

Come organizzare il primo anno di ingegneria

Una delle facoltà più difficili e più lunghe da affrontare è sicuramente quella di Ingegneria. Per sua natura e per la sua conformazione questa facoltà, divisa in tutti i suoi diversi orientamenti, è un osso duro per tutti i neo-iscritti. Non c'è,...
Università e Master

Come prepararsi al test OFA di Ingegneria

Una volta iscritti alla facoltà di Ingegneria, qualsiasi sia il corso di studi che sceglieremo di intraprendere, lo spauracchio per tutti gli studenti è rappresentato da un test d'ingresso che, nonostante non precluda la possibilità di iscrizione alla...
Università e Master

Come riordinare gli appunti dopo la lezione

Gli studenti più meticolosi, che non vogliono perdersi la spiegazione del professore, sono soliti prendere appunti durante una lezione. In questo modo, ripassare a casa risulta essere molto più semplice e pratico. Tuttavia, poiché gli insegnanti tendono...
Università e Master

Come rilegare gli appunti come un libro

Gli appunti sono un elemento fondamentale per tutte quelle persone che sono chiamate ad assistere a delle lezioni, ad una conferenza oppure semplicemente ad una formazione di lavoro e molto spesso rappresentano un vero e proprio dilemma perché vengono...
Università e Master

Appunti di fisica tecnica ambientale

Quando si frequenta un istituto tecnico, le materie più apprezzate dagli studenti risultano sicuramente l'informatica e la fisica. Quest'ultima si diversifica in numerose tipologie (come matematica, nucleare, medica o atomica) e tratta principalmente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.