Appunti di fisica: le equazioni di Maxwell

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Con gli appunti di fisica che seguono ci occuperemo di spiegarvi, in modo semplice e chiaro, tutto ciò che è indispensabile sapere sulle quattro equazioni di Maxwell. Tuttavia, prima di iniziare dobbiamo tenere in considerazione delle grandezze fisiche che vengono usate in esse: troviamo E che rappresenta il campo elettrico, B il campo magnetico, epsilon zero è la costante dielettrica e mu zero è la permeabilità magnetica. Ricordiamoci, inoltre, che tutte e quattro le leggi sono considerate calcolate attraverso una superficie chiusa, solitamente indicata con S. Andiamo a vedere meglio l'applicazione corretta di queste equazioni.

26

Le prime due equazioni

Cominciamo subito col dire che lo studio delle Equazioni di Maxwell è un argomento che viene affrontato sia in fisica che nell'elettrodinamica. Il loro nome deriva dal matematico e fisico scozzese James Clerk Maxwell, attivo nell'800, ed esse ci dicono sostanzialmente che l'elettricità, la luce e il magnetismo derivano tutte dallo stesso fenomeno, ovvero il campo elettromagnetico, che è costituito da campi magnetici ed elettrici: in particolare, i primi si vengono a creare quando circola una corrente elettrica, mentre i secondi sono creati da una differenza di potenziale elettrico.

36

La terza equazione

La terza equazione di Maxwell dice in che modo un campo magnetico variabile induce un campo elettrico, ossia la legge dell'induzione elettromagnetica di Faraday-Neumann: si tratta di un circuito elettrico immerso in un campo magnetico variabile o che transiti attraverso un campo magnetico fisso. Questo è in grado di generare un campo elettrico proporzionale all'intensità del campo magnetico stesso.

Continua la lettura
46

La quarta equazione

La quarta e ultima legge dice che una corrente qualsiasi, o continua o su un campo elettrico variabile nel tempo, genera un campo magnetico: praticamente sostiene il concetto contrario rispetto a quella precedente. Maxwell però non si fermò qui, dato che queste equazioni sono delle conseguenze di numerosi esperimenti di laboratorio, si chiese che forma avrebbero avuto se le avesse considerate nel vuoto, dove non troviamo cariche elettriche o correnti. Dopo aver fatto diverse considerazioni, intuì che nel vuoto non ci sono delle cariche elettriche, non ci sono dei monopoli magnetici, ma è presente un campo magnetico variabile che genera un campo elettrico e viceversa. Le prime due equazioni ci descrivono il campo elettrico e magnetico e ci dicono che essi sono prodotti da cariche: in particolare, la prima ci parla della variazione del campo elettrico al crescere o al diminuire della distanza (quindi ad esempio, più aumenta la distanza meno forte è il campo) e che esso è più intenso quanto è maggiore l'intensità di carica; la seconda stabilisce che non esistono delle cariche magnetiche isolate, ma che il polo nord di un magnete è sempre legato a un polo sud.

56

Guarda il video

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Il calcolo della distribuzione di Maxwell nei gas perfetti

La teoria cinetica descrive i gas perfetti come particelle, atomi e molecole costantemente in movimento. James Clerk Maxwell (1831-1879) studiò le velocità di queste particelle, intorno a quella quadratica media. Nel 1859, con un calcolo esponenziale,...
Università e Master

Come risolvere un circuito col metodo potenziali nodali

Per risolvere un circuito col metodo potenziali nodali, è necessario utilizzare la legge di Ohm, in moda da rilevare le correnti sconosciute dai potenziali nodi e dalle fonti di tensioni quando è necessario. Per tutte le correnti sconosciute, bisogna...
Superiori

Storia della fisica: crisi della fisica classica

Sul finire dell'Ottocento i problemi legati all'universo sembravano del tutto risolti. Negli ultimi decenni del secolo, però, a causa dell'avanzamento del sapere teorico e dello sviluppo delle tecniche di misura in laboratorio, esplosero nuovi problemi...
Superiori

Fisica: l'esperimento di Young

Thomas Young, nato nel giugno del 1773, è stato un importante scienziato inglese, divenuto celebre per i suoi studi in fisica. Egli si concentrò sui temi della meccanica dei solidi e sulla luce ed è inoltre ricordato anche per i suoi studi in ottica....
Superiori

Come generare un campo magnetico

Un campo magnetico è un campo di forze invisibili che viene generato nello spazio dal moto di una carica elettrica o da un campo elettrico variabile nel tempo. La sua unità di misura è il Tesla e si tratta di un campo vettoriale, ossia possiede un'intensità,...
Superiori

Fisica: la legge di Coloumb

La legge di Coloumb si definisce anche "legge dell'inverso del quadrato di Coulomb". Si tratta fondamentalmente di un postulato che riguarda l'interazione tra particelle dotate di carica elettrica. Nel 1785 Charles Augustin Coulomb dimostrò la sua teoria...
Università e Master

Come risolvere un circuito magnetico

Un circuito magnetico è un nucleo ferromagnetico nel quale si induce un campo magnetico per mezzo di avvolgimenti percorsi da corrente elettrica alternata o per mezzo di magneti permanenti. Tali circuiti vengono impiegati per trasferire potenza attiva...
Superiori

Appunti di fisica: il campo magnetico

Le proprietà magnetiche della materia, come quelle elettriche, sono note fin dall'antichità. Questo grazie alla magnetite, che si tratta di un minerale il cui nome deriva dalla località nella quale veniva estratto, ossia Magnesia, in Asia Minore. La...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.