Appunti di fisica: la forza di Coulomb

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Tutti i corpi della natura possono essere elettrizzati, con diversi mezzi, e assumere pertanto una carica elettrica positiva o negativa. Se due di tali corpi vengono messi uno in prossimità dell'altro, tra essi si eserciterà un'azione di tipo attrattivo o repulsivo. In questa guida saranno spiegati gli appunti di fisica che riguardano la forza di Coulomb, dal nome dello scienziato che l'ha scoperta, ossia Charles Augustin de Coulomb.

26

Per studiare l'azione che due cariche elettriche si esercitano, Coulomb si servì di un dispositivo che prende il nome di 'bilancia di Coulomb', nella quale introdusse due piccole sfere abbastanza distanti tra loro, per cui le due cariche possono considerarsi puntiformi. Una delle due sferette è sospesa verticalmente mediante un filo, mentre l'altra è mobile, posta su un'asticciola che può ruotare orizzontalmente. Se le due sferette hanno cariche uguali, l'asticciola di quella mobile si sposta ruotando di un angolo che si può misurare.

36

Se si ripete l'esperimento più volte mantenendo invariata la distanza tra le cariche, si nota che raddoppiando, triplicando ecc. L'una o l'altra carica la forza raddoppia, triplica ecc.; viceversa, se le cariche sono sempre le stesse e si raddoppia, si triplica ecc. La distanza tra esse la forza si riduce a un quarto, a un nono e così via. Infine, se sia le cariche elettriche delle sferette sia la loro distanza restano invariate, la forza varia in conseguenza del mezzo nel quale sono immerse le sferette (dielettrico).

Continua la lettura
46

Questi risultati sperimentali portano a concludere che la forza che si esercita tra due corpi elettrizzati è direttamente proporzionale alla carica che possiedono e inversamente proporzionale al quadrato della loro distanza. La formula che racchiude tutto ciò è la seguente: F = (k*q1*q2)/r^2, dove q1 e q2 sono le due cariche elettriche e r la loro distanza.
La forza è diretta lungo la congiungente le cariche e il verso dipende dal loro segno: se sono di segno opposto si attraggono, se sono di segno uguale si respingono.

56

Il coefficiente k che compare nella formula rende conto delle proprietà fisiche del mezzo (dielettrico) nel quale si trovano le cariche elettriche. Questo mezzo può anche essere il vuoto, che rappresenta quindi il mezzo 'campione' con il quale si confrontano tutti gli altri dielettrici.
Per quanto riguarda le unità di misura, nel Sistema Internazionale (SI) la forza si misura in newton (N), la distanza in metri (m) e le cariche elettriche in coulomb (C), per cui k ha le dimensioni di (N*m^2)/C^2.

66

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

L'equazione fondamentale dell'elettrostatica

L'elettrostatica è una branca dell'elettromagnetismo che si occupa dello studio delle cariche elettriche.Esperimenti sull'elettrostatica furono fatti già nell'antica Grecia da Talete, ma esperimenti significativi furono condotti da Cavendish prima e,...
Superiori

Come Calcolare L'intensità Di Un Campo Elettrico

Nell'ambito della materia della fisica, il campo elettrico ha una sua precisa definizione. Si tratta di un campo che si genera in uno spazio tramite la presenza di una carica elettrica. Oppure di un campo magnetico mutabile nel tempo. Il campo elettrico,...
Superiori

Appunti di fisica: l'induzione elettrostatica

L' induzione elettrostatica consiste nell'elettrizzazione dei corpi senza strofinio, questo fenomeno è dato dal bipolarismo, ovvero dalla presenza in natura di due cariche che si differenziano da un segno positivo o negativo, attraverso i quali è possibile...
Superiori

Appunti di fisica sull'elettricità

L'elettricità e l' energia elettrica sono argomenti che vengono trattati nelle scuole durante le ore di fisica, ma spesso agli studenti questa materia non è del tutto chiara, perché ricevono troppe informazioni e in poco tempo. Per fare chiarezza...
Superiori

Come calcolare il momento di dipolo elettrico

Quando si studia l'elettromagnetismo, si scopre che tutto ciò che ci circonda è costituito da cariche elettriche, solitamente in equilibrio tra loro. Gli atomi, infatti, la parte più piccola della materia, sono formati da un nucleo fatto di cariche...
Maturità

Cos'è la forza di Lorentz

Si definisce forza di Lorentz quella che si sviluppa tra un corpo carico ed un campo elettromagnetico. Oggi affronteremo per grandi linee il concetto di forza di Lorentz. Per prima cosa notiamo che la forza prende il nome dall'omonimo fisico, Hendrik...
Superiori

Come Calcolare La Capacità Di Un Condensatore

Quando si parla di condensatore, si fa riferimento ad una coppia di conduttori che ricevano una carica particolare. Deve cioè crearsi una differenza di potenziale tra ciascuno dei due conduttori, i quali si trovano isolati in forma arbitraria. Ciascun...
Superiori

Appunti di elettronica: il condensatore

Il condensatore è un elemento base di ogni circuito elettrico. Infatti, grazie alla sua capacità di assorbire, contenere o immagazzinare energia elettrica, esso può essere utilizzato per filtrare segnali elettrici di base o, in alternativa, per garantire...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.