Appunti di fisica: il moto parabolico

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La fisica, si sa, risulta spesso essere una delle materie più ostiche per gli studenti delle scuole superiori. Le difficoltà principali derivano sicuramente dalla presenza di molti concetti matematici, che vengono spesso mal digeriti dai ragazzi. È bene però applicarsi sempre di più poiché lo studio della fisica permette di capire a fondo i fenomeni che ci circondano. In particolare, una buona parte del programma scolastico di fisica riguarda lo studio dei diversi tipo di moto, dal moto rettilineo uniforme a quello circolare, passando per il moto uniformemente accelerato. Ognuno di queati può rappresentare un caso pratico che possiamo osservare nell'ambiente che ci circonda. Ad esempio, il moto parabolico è il moto che compie qualsiasi oggetto che venga lanciato in aria, quando è possibile trascurare le forze d'attrito. Ecco alcuni appunti di fisica: il moto parabolico.

27

Occorrente

  • Libro di fisica
37

Considerazioni iniziali

Consideriamo un oggetto lanciato in aria che disegna un moto uniforme nella direzione orizzontale (asse x) e l'altro in caduta libera, con un accelerazione uniforme di 9,81 m/s^2, in direzione verticale (asse y). È necessario però, per facilitare lo studio, considerare due varianti: se l'oggetto lanciato viene sparato orizzontalmente oppure se al momento del lancio (sparo) gli viene data anche un'inclinazione.

47

Traiettoria orizzontale

Nel primo caso ipotizziamo che l'oggetto, che chiameremo "proiettile", sia sparato in orizzontale con velocità V0 e fissiamo un asse cartesiano con origine nel punto di sparo, l'asse x sarà orientato come la velocità e y verso il basso. Pertanto lungo le ascisse si ha la legge X=V= x T, mentre per le ordinate Y= 1/2 g T^2. A questo punto esplicitiamo T dalla prima e sostituiamolo nella seconda, avremo che Y= g/(2V_0^2) X^2. Con tale equazione avremo rappresentato una parabola di simmetria rispetto all'asse y.

Continua la lettura
57

Velocità nel moto parabolico

Prendiamo come esempio, una pietra. Se noi dovessimo gettare questa pietra, in maniera quasi perpendicolare al suolo, essa cadrà con una velocità che sarà l'addizione del vettore componente verticale, quindi della direzione in cui noi la stiamo lanciando, e del vettore orizzontale. Consideriamo un sistema di assi cartesiani come il precedente, noteremo che il proiettile, mentre si sposta in orizzontale con moto uniforme, si comporta come un oggetto lanciato verso l'alto. Poiché lungo l'asse x non agiscono forze, la velocità rimarrà costante, di contro l'asse y la velocità sarà decrescente, fino a raggiungere il punto più alto, dopo di che Vy cambierà di segno ed aumenterà nel valore assoluto.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ripassate bene la matematica e la fisica di base
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come risolvere un problema di fisica sul moto di un proiettile

La fisica è una delle materie più ostiche, ma anche più importanti, per tutti quegli studenti che intraprendono gli studi scientifici e che quindi decidono di frequentare l'istituto tecnico industriale oppure il liceo scientifico. La fisica comprende...
Superiori

Come calcolare un carico distribuito

La fisica è una materia che alla maggior parte degli studenti appare piuttosto difficile da comprendere, specie quando bisogna calcolare un carico distribuito in una struttura isostatica. Si tratta infatti, di un esercizio nel quale si parla proprio...
Superiori

Fisica: la cinematica

La cinematica è un ramo della fisica meccanica che si occupa dello studio del moto dei corpi, indipendentemente dalle cause che lo hanno provocato, allo scopo di determinare le equazioni e le leggi che lo descrivono. A tale scopo, la cinematica si può...
Superiori

Come calcolare la gittata massima di un corpo

Gli studenti possono imbattersi, all'università o a scuola, in alcuni argomenti piuttosto complessi che richiedono un certo grado di impegno per poterli apprendere in maniera congrua e corretta. A volte però il solo impegno non basta. Materie ad esempio...
Università e Master

Come Calcolare Il Momento Flettente

Quando consideriamo un corpo, come ad esempio una trave soggetta a forze esterne e reazioni ai vincoli che le vengono imposti, a noi può risultare immobile, perché tali azioni generano un sistema di forze in equilibrio; in realtà, caricando la struttura,...
Superiori

Fisica: la legge di conservazione della quantità di moto

Nella fisica, la legge di conservazione della quantità di moto è quella legge che stabilisce che, in un sistema isolato, la quantità di moto rimane costante nel tempo. Per sistema isolato intendiamo che non vi siano forze esterne. Questo tipo di legge...
Superiori

Fisica: il terzo principio della dinamica

Ecco una splendida e pratica guida sulla:Fisica: il terzo principio della dinamica, la dinamica è una disciplina della Fisica, alla base della meccanica classica, che studia il moto dei corpi e delle sue cause. Il terzo principio della dinamica, o...
Università e Master

come disegnare l'evoluta di una parabola

Parabola è una linea piana costituita da punti tutti equidistanti da un determinato punto fisso (messa a fuoco) e una data linea fissa (direttrice). Si tratta di una sezione conica tagliata da un piano parallelo a uno degli elementi del cono stesso....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.