Appunti di fisica: gli urti

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Appunti di fisica. L'urto è definito come un evento circoscritto, poiché non agisce sul sistema alcuna forza esterna, nel quale più corpi, ma in linea di massima due, si urtano, interagendo fra di loro toccandosi ed esercitando per un tempo rapidissimo delle forze, dette forze impulsive. L'esempio più rappresentativo è l'urto fra due palle da biliardo. Questi eventi di urto vengono generalmente distinti in urti normali, che possono accadere tra due corpi lungo una linea retta o unidimensionale, ed obliqui, che avvengono in circostanze più complicate, perché coinvolgono più corpi e si svolgono nello spazio.

24

Forza impulsiva

La forza impulsiva è quella forza che viene generata durante un urto. Essa risulta massima in caso di urto elastico e minima in caso di urto anelastico. In particolar modo la forza impulsiva di un urto elastico risulta essere il doppio di quella di un urto anelastico. Invece l'energia cinetica rimane invariata in caso di urto elastico, mentre viene dispersa in modo parziale in caso di urto perfettamente anelastico. Questa quantità dispersa si potrà ritrovare nell'aumento dell'energia interna dei corpi, ossia si rileveranno un aumento del calore e la produzione di lavoro termodinamico (primo principio della termodinamica).

34

La regola di Newton

Secondo la regola di Newton la differenza tra le velocità finali dei due corpi sarà direttamente proporzionale alla differenza tra quelle iniziali. Tale costante di proporzionalità è solitamente indicata con la lettera greca ε, ovvero epsilon. Ossia, se consideriamo due palline che si scontrano lungo una linea, esse si sposteranno lungo la medesima direzione, ma nel modo opposto a quello che avevano prima dell'urto. ε è un valore compreso tra 0 e 1. Se ε=0 l'urto è detto totalmente anelastico, se ε=1 l'urto è detto elastico.

Continua la lettura
44

Il principio

Il principio secondo il quale la quantità di moto presente in un sistema isolato rimane costante nel tempo si chiama "legge di conservazione della quantità di moto". Questa legge vale per un numero qualunque di corpi che interagiscono fra di loro e presuppone che, sommando le quantità di moto iniziali dei due corpi, il risultato sia uguale a quello delle quantità di moto finali. La suddetta legge vale anche per quei sistemi, come quelli atomici, per i quali cessa di valere la meccanica classica ed è molto utile per studiare gli urti fra particelle elementari, permettendo di ricavare preziose informazioni sulle loro caratteristiche, per esempio le masse, che non sono direttamente misurabili.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Fisica: la legge di conservazione della quantità di moto

Nella fisica, la legge di conservazione della quantità di moto è quella legge che stabilisce che, in un sistema isolato, la quantità di moto rimane costante nel tempo. Per sistema isolato intendiamo che non vi siano forze esterne. Questo tipo di legge...
Superiori

Leggi della dinamica: appunti

Tra le sottoclassi più affascinanti della fisica c'è senza dubbio la dinamica. Se la cinematica studiava il moto dei corpi rigidi, la dinamica si occupa invece delle cause che generano tali moti. Le cause che permettono ai corpi rigidi (cioè a corpi...
Superiori

Appunti di astronomia: guida ai pianeti

Circa 5 miliardi di anni fa ebbe origine il nostro sistema solare, che deve il suo nome alla stella più grande e luminosa, il Sole. Attorno ad esso ruotano tutti i pianeti ed i rispettivi satelliti, tra cui ovviamente anche la Terra.Del sistema solare...
Superiori

Appunti di fisica: la termodinamica

Ogni corpo allo stato solido, liquido o gassoso risulta essere in relazione con gli altri precisamente attraverso degli scambi di energia e calore; inoltre, un insieme di almeno due corpi si chiama sistema fisico. La termodinamica è una parte della fisica,...
Superiori

Fisica: azione e reazione

La fisica moderna si basa sui cosiddetti ‘principi della dinamica’, i quali sono anche alla base della meccanica classica, ovvero quella branca che studia il rapporto tra il movimento dei corpi e gli elementi che li modificano. Queste leggi sono anche...
Superiori

Come calcolare la distanza di un fulmine

In questo breve articolo abbiamo l'intenzione di aiutare tutti i nostri lettori a riuscire a comprendere come poter calcolare, nella maniera più precisa possibile, la distanza di un fulmine, in modo tale da sapere dove è caduto e dove è partito. Cominciamo...
Superiori

I peggiori disatri aerei della storia

Secondo le statistiche la probabilità di perdere la vita durante un incidente aereo è molto più bassa rispetto alla probabilità di perderla durante un incidente in macchina. Questo principalmente perché un viaggio in aereo per la maggior parte della...
Superiori

L'Unità d'Italia in breve

L'Unità d'Italia non fu facile e, gli avvenimenti storici che portarono a questa unione, si protrassero per gran parte del 1800. Caduto Napoleone, si riunì il Congresso di Vienna (1814-1815) per dare all'Europa un nuovo assetto. Esso si propose di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.