Appunti di farmacologia : farmaci biotecnologici

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

I farmaci biotecnologici sono una classe di farmaci che soprattutto negli ultimi anni sta diventando molto importante. Appartengono a questa categoria farmaci utilizzati nel trattamento di svariate patologie (da diabete all’AIDS, dalle malattie neurodegenerative a quelle neoplastiche) e sono accomunati per la loro origine, biotecnologica appunto. Sono realizzati con differenti tecniche che hanno permesso di ottenere nuovi principi attivi già a partire dal 1982 quando venne realizzato il primo farmaco biotecnologico: l’insulina. Cercherò di illustrarveli in modo molto semplice, proprio perché questi costituiscono solo degli appunti nella grande branca della farmacologia.

25

Le tecniche maggiormente utilizzate sono tre: le fermentazioni, la tecnica degli ibridomi e soprattutto la tecnica del DNA ricombinante. Per “fermentazione” si intende un processo ossidativo anaerobico realizzato da vari organismi a carico dei carboidrati. La tecnica degli “ibridomi” invece prevede la creazione di cellule ingegnerizzate in grado di produrre anticorpi monoclonali. Infine la tecnica del “DNA ricombinante”, la più utilizzata, permette di inserire una porzione di DNA, precedentemente studiata e selezionata affinché esprima un dato gene, in un organismo o in una cellula ospite.

35

Attualmente possiamo trovare sul mercato internazionale quasi duecento farmaci biotecnologici che possiamo suddividere in otto categorie: antibiotici, fattori di coagulazione, ormoni, fattori di crescita, citochine, enzimi, vaccini e anticorpi monoclonali. I primi antibiotici ottenuti con metodiche biotecnologiche sono le famosissime penicilline, prodotte dai funghi appartenenti al genere “Penicillum” e le altrettanto famose cefalosporine, ottenute dai funghi appartenenti al genere “cephalosporium acremonium”.

Continua la lettura
45

Nell’ambito delle patologie neoplastiche e a carico del sistema immunitario vengono utilizzati immunomodulatori e antitumorali biotecnologici quali le citochine, le interleuchine e gli interferoni. Questi ultimi sono stati prodotti anche con delle varianti, infatti l’interferone alfa presenta attività virale, il beta immunomodulatrice e il gamma antitumorale.

55

La grande varietà dei farmaci biotecnologici ci fa capire l’enorme portata di questa scoperta, però bisogna ricordare che queste tecniche non sono prive di rischi e per questo devono essere utilizzate con molta cautela (per evitare effetti indesiderati), rispettando le normative vigenti nei vari paesi produttori. Ovviamente i costi di questi farmaci, sia in ambito di ricerca che di produzione, sono elevati ma nonostante questo la ricerca sta procedendo portando a risultati via via sempre più importanti!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Immunologia: come si sviluppa un'allergia

Negli ultimi anni sempre più persone lamentano manifestazioni allergiche nei confronti di alimenti, polline, acari, farmaci e altre sostanze. La manifestazione clinica, a carico principalmente del sistema respiratorio, intestinale e della cute, varia...
Superiori

La sintesi organica combinatoriale

La sintesi organica combinatoriale è una strategia che, come si evince dal nome, è tipica della chimica organica, ed essa consiste nel sintetizzare un grande numero di composti correlati legando in modo covalente, diverse serie di unità strutturali....
Università e Master

Come Saggiare La Sopravvivenza Cellulare In Colture Cellulari

La biologia è senza dubbio una delle materie più belle e affascinanti che si possa studiare. Tramite il suo studio possiamo comprendere meglio come si sviluppa la vita dalle sue parti più elementari. Ovviamente la biologia ha una vasta gamma di argomenti...
Elementari e Medie

Come assumere una posizione corretta tra i banchi di scuola

Quando si parla di scuola, genitori, insegnanti e studenti si concentrano soprattutto sui programmi, i risultati e l'apprendimento. Pur essendo queste prerogative essenziali nel raggiungimento di un'adeguata formazione dei ragazzi, c'è un'altro aspetto...
Università e Master

Come superare l'esame di oncologia

Andando subito all'etimologia della parola oncologia, scopriamo che essa nasce dall'unione di due parole. La prima è oncos, ovvero massa, e la seconda è logos, ovvero studio. Ne deriva che il significato di oncologia è la scienza che studia le masse...
Superiori

Storia: la Seconda Rivoluzione Industriale in pillole

In questa breve guida intendo proporvi delle pillole riguardo alle invenzioni e alle scoperte, che ha portato con sé la Seconda Rivoluzione Industriale. A differenza di quanto avvenne con la Prima Rivoluzione Industriale, la quale comportò benefici...
Università e Master

Come diventare psichiatra

La psichiatria è una branca della medicina, che si occupa di diagnosticare e curare disturbi cognitivi e comportamentali. Per quanto possa essere un ramo molto affascinante e interessante, il percorso di studi da intraprendere è molto lungo e impegnativo....
Università e Master

Come prevenire il tumore al seno

Per sconfiggere il temuto tumore al seno, oggi si hanno a disposizione nuove e raffinate indagini di laboratorio, utili sia per "scovarlo" al suo esordio sia per frenare la sua avanzata, con probabilità di successo sempre più elevate. In questa guida...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.