Appunti di elettronica: il trasformatore

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il trasformatore viene utilizzato solo ed esclusivamente nei circuiti a corrente alternata, dal momento che in un circuito a corrente continua non avrebbe alcun effetto, visto che non sono presenti variazioni di flusso elettromagnetico. Il trasformatore ha la finalità di modificare i due fattori della potenza, ossia la tensione e la corrente, mantenendo inalterato il valore della frequenza. Data una determinata potenza, se viene aumentata la tensione, la corrente elettrica viene ridotta proporzionalmente. Vale anche il discorso contrario. Al giorno d'oggi la distribuzione dell'energia elettrica avviene sotto forma di tensione e di corrente alternate, questo grazie al trasformatore che aumenta notevolmente la potenza, riducendo le dispersioni presenti. Ad esempio, la maggioranza della corrente che arriva fino agli utenti proviene dalle centrali elettriche. Le centrali che sono in grado di ridurre le dispersioni di corrente elettrica durante il tragitto, innalzano notevolmente la tensione (fino a raggiungere i 120.000 V), per ridurla successivamente in prossimità delle utenze. Ecco, pertanto, vari appunti di elettronica sul trasformatore.

26

Avvolgimenti

Iniziamo subito dicendo che l'avvolgimento "primario" è quello al quale sono applicate la tensione e la corrente in ingresso. Invece è definito "secondario" l'avvolgimento dal quale sono prelevate la tensione e la corrente in uscita. Questi avvolgimenti sono, a loro volta, avvolti intorno ad un nucleo di materiale ferromagnetico. Un trasformatore viene definito perfetto, quando l'intero flusso dovuto all'avvolgimento primario si concatena al secondario, senza siano presenti dispersioni di flusso. Analogamente, tutto quanto il flusso dovuto all'avvolgimento secondario si concatena soltanto al primario. Tra l'altro, il trasformatore perfetto a vuoto presenta una "corrente di magnetizzazione" non nulla al primario.

36

Funzionamento

Il trasformatore viene definito ideale quando rappresenta un modello astratto del suo funzionamento. Questo trasformatore possiede tutti quanti i requisiti di quello perfetto, ma in aggiunta (a vuoto) presenta una corrente elettrica nulla al primario. Invece è necessario precisare che nel trasformatore perfetto è presente una corrente definita "di magnetizzazione". Questo è dovuto all'ipotesi che l'induttanza, nota con la lettera "L", sia infinita, e che pertanto la riluttanza "R" sia nulla.

Continua la lettura
46

Permeabilità magnetica

Dal momento che l'induttanza L è infinita, anche la permeabilità magnetica presenta lo stesso valore, ossia è infinita. Invece la riluttanza R è sempre nulla. Il trasformatore reale è caratterizzato da vari fenomeni che andremo a citare a seguire. Innanzitutto sono presenti delle perdite ohmiche, provocate del cosiddetto effetto Joule. Poi è prevista una dispersione nei due avvolgimenti. Inoltre ci sono anche delle perdite, presenti nel ferro, a causa del fenomeno dell'isteresi magnetica. Per concludere, la riluttanza del nucleo è differente rispetto al valore nullo. In sostanza, concludiamo dicendo che il trasformatore ideale è chiaramente una condizione non fattibile, e nella realtà ci sono tutti i fattori appena indicati, da tenere in considerazione.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare l'induttanza di una bobina

L'induttanza rappresenta quella grandezza fisica, avente un ruolo davvero importante con riferimento allo studio dei fenomeni elettrici e magnetici. In buona sostanza essa si riferisce ai circuiti elettrici, e consiste nel rapporto tra le tensione (o...
Maturità

Come calcolare la corrente di cortocircuito

L'elettrotecnica è indubbiamente una delle materie più ostiche e complicate in generale, la cui principale difficoltà è dovuta soprattutto al fatto che ogni singolo concetto è strettamente collegato ad altri, per questo motivo è di fondamentale...
Superiori

Come funziona un circuito in corrente alternata

Quando parliamo di corrente alternata si intende il classico circuito elettrico cpresente nell'impianto di casa. Le differenze tra corrente alternata e corrente continua sono numerose, in particolare la prima viene solitamente usata per vantaggi economici...
Superiori

Come creare un semplice circuito elettrico

Un circuito elettrico semplice è un percorso che viene attraversato sostanzialmente da energia. L'energia in questione è generata da un flusso di elettroni. Vuoi creare un semplice circuito elettrico e capirne il funzionamento ma non sai come fare?...
Università e Master

Come generare un'onda sinusoidale

In questa guida, vi illustrerò dettagliatamente come generare un'onda sinusoidale. Ho approfondito gli studi in base a questa tecnica, per un anno, metterò le mie conoscenze a vostra disposizione. Spero di essere il più chiaro possibile in questa guida,...
Università e Master

Come Verificare Le Leggi Del Moto Uniforme

In fisica l'equazione del moto descrive il movimento di un sistema in funzione della posizione nello spazio e del tempo. L'equazione che caratterizza l'andamento della posizione in funzione del tempo è detta legge oraria. Un sistema meccanico con n gradi...
Università e Master

Come Verificare Sperimentalmente Le Leggi Del Moto Uniformemente Accelerato

La fisica è una scienza che ci permette di studiare tutti quei fenomeni che avvengono nella vita e che possono essere tradotti a delle formule matematiche, per capirne le dinamiche, con esperimenti che portano risultati utili a determinate funzioni....
Università e Master

Come Fare Un Immunocitochimica Indiretta

La reazione di immunocitochimica (ICC) permette di localizzare sostanze nelle cellule e nei tessuti mediante reazioni tra antigeni e anticorpi opportunamente marcati; grazie alle proprietà di determinati reagenti si formeranno prodotti di reazione colorati...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.