Appunti di elettronica: il trasformatore

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il trasformatore viene utilizzato solo ed esclusivamente nei circuiti a corrente alternata, dal momento che in un circuito a corrente continua non avrebbe alcun effetto, visto che non sono presenti variazioni di flusso elettromagnetico. Il trasformatore ha la finalità di modificare i due fattori della potenza, ossia la tensione e la corrente, mantenendo inalterato il valore della frequenza. Data una determinata potenza, se viene aumentata la tensione, la corrente elettrica viene ridotta proporzionalmente. Vale anche il discorso contrario. Al giorno d'oggi la distribuzione dell'energia elettrica avviene sotto forma di tensione e di corrente alternate, questo grazie al trasformatore che aumenta notevolmente la potenza, riducendo le dispersioni presenti. Ad esempio, la maggioranza della corrente che arriva fino agli utenti proviene dalle centrali elettriche. Le centrali che sono in grado di ridurre le dispersioni di corrente elettrica durante il tragitto, innalzano notevolmente la tensione (fino a raggiungere i 120.000 V), per ridurla successivamente in prossimità delle utenze. Ecco, pertanto, vari appunti di elettronica sul trasformatore.

26

Avvolgimenti

Iniziamo subito dicendo che l'avvolgimento "primario" è quello al quale sono applicate la tensione e la corrente in ingresso. Invece è definito "secondario" l'avvolgimento dal quale sono prelevate la tensione e la corrente in uscita. Questi avvolgimenti sono, a loro volta, avvolti intorno ad un nucleo di materiale ferromagnetico. Un trasformatore viene definito perfetto, quando l'intero flusso dovuto all'avvolgimento primario si concatena al secondario, senza siano presenti dispersioni di flusso. Analogamente, tutto quanto il flusso dovuto all'avvolgimento secondario si concatena soltanto al primario. Tra l'altro, il trasformatore perfetto a vuoto presenta una "corrente di magnetizzazione" non nulla al primario.

36

Funzionamento

Il trasformatore viene definito ideale quando rappresenta un modello astratto del suo funzionamento. Questo trasformatore possiede tutti quanti i requisiti di quello perfetto, ma in aggiunta (a vuoto) presenta una corrente elettrica nulla al primario. Invece è necessario precisare che nel trasformatore perfetto è presente una corrente definita "di magnetizzazione". Questo è dovuto all'ipotesi che l'induttanza, nota con la lettera "L", sia infinita, e che pertanto la riluttanza "R" sia nulla.

Continua la lettura
46

Permeabilità magnetica

Dal momento che l'induttanza L è infinita, anche la permeabilità magnetica presenta lo stesso valore, ossia è infinita. Invece la riluttanza R è sempre nulla. Il trasformatore reale è caratterizzato da vari fenomeni che andremo a citare a seguire. Innanzitutto sono presenti delle perdite ohmiche, provocate del cosiddetto effetto Joule. Poi è prevista una dispersione nei due avvolgimenti. Inoltre ci sono anche delle perdite, presenti nel ferro, a causa del fenomeno dell'isteresi magnetica. Per concludere, la riluttanza del nucleo è differente rispetto al valore nullo. In sostanza, concludiamo dicendo che il trasformatore ideale è chiaramente una condizione non fattibile, e nella realtà ci sono tutti i fattori appena indicati, da tenere in considerazione.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Appunti di elettronica: il diodo

L'elettronica è quella branca della tecnica che fa uso dei principi teorici della fisica dei semiconduttori per la realizzazione di dispositivi lineari e non lineari, utilissimi in svariate applicazioni tecniche e scientifiche. I diodi, detti anche "dispositivi...
Superiori

Appunti di elettronica: i filtri attivi

L'elettronica è una materia sicuramente molto interessante, ma allo stesso tempo molto complicata. Questo però non deve essere motivo di demoralizzazione per gli studenti che la devono studiare tutti i giorni. La comprensione di questa materia è importantissima,...
Superiori

Appunti di elettronica: gli amplificatori operazionali

L'aggettivo "operazionale" può essere ricondotto al ruolo fondamentale del componente in circuiti che effettuano operazioni matematiche su grandezze analogiche (per esempio circuiti che eseguono la somma o la differenza di tensioni, ecc.). Come ogni...
Superiori

Appunti di elettronica: le resistenze

Quando gli elettroni si muovono attraverso un materiale, trovano lungo la loro traiettoria una serie di ostacoli costituiti dai nuclei degli atomi di cui è composto il materiale stesso. In questa guida vi forniremo appunti di elettronica, e in particolare...
Superiori

Appunti di elettronica: oscillatore sinusoidale

L'elettronica è una materia scientifica studiata presso gli Istituti Tecnici Industriali. Le apparecchiature elettroniche, rispetto a quelle elettriche, funzionano con una corrente e una tensione molto più bassa ed utilizzano diversi componenti e circuiti,...
Superiori

Appunti di elettronica: alternatore

In questi appunti di elettronica analizzeremo uno strumento che trova un numero enorme di applicazioni, poiché è in grado di produrre direttamente corrente elettrica alternata: stiamo parlando dell'alternatore. Per capire cos'è l'alternatore, bisogna...
Superiori

Appunti di elettronica: i filtri passivi

Per "filtri", in elettronica, si intendono quei circuiti fondamentali a far funzionare quasi tutti i dispositivi che usiamo ogni giorno. Essi vengono utilizzati per vari scopi in apparecchi come radioricevitori, televisori, computer ed persino elettrodomestici....
Superiori

Prendere appunti: consigli per farlo al meglio

Prendere appunti è necessario in moltissime situazioni della vita quotidiana. Molti iniziano a prendere appunti fra i banchi di scuola, ma sicuramente non si finisce di prenderli lì. Anche nella vita lavorativa si può avere infatti l'esigenza di prendere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.