Appunti di economia aziendale: le curve di indifferenza

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'Economia Aziendale è un ramo dell'economia che studia tutto quello che è collegato alle gestioni aziendali, in tutte le fasi che le compongono: questo studio è fondamentale, poiché avviene sotto una prospettiva sia qualitativa che quantitativa.
L'Economia Aziendale era una materia impiegata già dai tempi degli scribi egiziani e venne teorizzata inizialmente da personaggi veramente rinomati (come Platone e Socrate).
Le "curve di indifferenza" si studiano particolarmente nel corso di Microeconomia e sono adeguate a studiare come si comportano i differenti agenti economici, quando le risorse disponibili sono denominate come scarse.
Nella seguente pratica e dettagliata guida che vi andrò ad esplicare nei passaggi successivi, quindi, vi fornirò alcuni appunti su questo argomento di economia.

27

Prima di specificare il concetto di "curva di indifferenza", è necessario considerare cos'è quella che, in materia economica, viene denominata come "utilità".
Precisamente, quest'ultima è un'unità di misura che misura il livello di soddisfazione individuale, considerando quella che è o non è l'utilità di un bene, intesa come capacità di soddisfare la domanda, ovvero l'aspettativa.
In Economia Aziendale, inoltre, un bene non deve essere solamente utile, ma anche reperibile e limitato.

37

Al concetto di "utilità" è collegato quello delle "curve di indifferenza", che vengono rappresentate da insiemi di beni: quest'ultimi, però, devono assicurare la stessa utilità al consumatore finale.
Naturalmente esistono differenti livelli di "utilità" e, ad ognuno di essi, corrisponde una diversa "curva di indifferenza".

Continua la lettura
47

La "curva di indifferenza" ha sempre un andamento convesso, poiché viene considerata anche la cosiddetta "sostituzione", che si verifica quando c'è un'estrema scarsità del bene.
All'interno della stessa "curva di indifferenza", non avviene mai una variazione, perché lo scambio tra due beni deve sempre avvenire secondo un rapporto che non lo vada a modificare.
Tutto questo origina le inclinazioni sulla "curva di indifferenza" medesima, conosciute come "saggi marginali di sostituzione".

57

Osservando un grafico, più ci si sposta verso sinistra (ovvero in direzione dell'origine), più la quantità di beni sarà inferiore.
Alla stessa maniera, è possibile affermare che tutte le "curve di indifferenza" maggiormente esterne assicurano un maggiore livello in termini di "utilità", poiché contengono più beni: di conseguenza, ciò significa un maggior consumo.
Pertanto, sarà per la seguente "curva di indifferenza" che il consumatore finale dimostra di avere preferenza.

67

Oltre a quella d'essere sempre convessa, un'altra proprietà della "curva di indifferenza" è la propria inclinazione negativa.
Ciò avviene per la sua natura e definizione: se da un lato un bene è soggetto ad un consumo più elevato, dall'altro lato è presente un ulteriore bene soggetto ad un minor consumo.
Infine, dovete sapere che due o più "curve di indifferenza" non si intersecheranno mai tra loro, poiché ciascuna di esse si riferisce ad un differente livello d'utilità.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Appunti di economia aziendale: la curva di Lorenz

La curva di Lorenz è una rappresentazione grafica della funzione di distribuzione cumulativa della ricchezza; la curva di Lorenz viene utilizzata in economia. Questa curva è stata sviluppata da Max O. Lorenz nel 1905. Nel grafico viene mostrato la percentuale...
Superiori

Montale: vita e opere

Eugenio Montale è considerato uno dei più grandi poeti italiani del novecento. Nelle sue poesie, l'autore non parla di grandi cose, ma si sofferma sugli elementi di una realtà povera; a differenza di Pascoli che parlava delle stesse cose adottando...
Università e Master

La teoria delle scelte del consumatore

La teoria delle scelte del consumatore, a differenza di tante altre, è abbastanza recente.Nata in periodo neoclassico, essa si basa su alcuni concetti fondamentali.Parte dal presupposto che ogni consumatore può soddisfare i propri desideri scegliendo...
Superiori

Come calcolare il fabbisogno finanziario aziendale

Capita spesso, nelle interrogazioni, parlare del fabbisogno finanziario dell'azienda. Molte delle volte, questo concetto viene trascurato in molti programmi scolastici o non assimilato in maniera del tutto corretta dai ragazzi che, ahimè, dovrebbero...
Università e Master

Appunti di economia aziendale: il supply chain management

Il Supply Chain Management è un concetto estremamente attuale e molto rilevante per l’economia di un’azienda di produzione; infatti, la gestione della catena di distribuzione all'interno di una realtà aziendale, sia essa di piccole, medie o grandi...
Superiori

Storia inglese: Victorian Age

Quando si parla di Età Vittoria (chiamata anche Victorian Age) generalmente si intende quel periodo della storia inglese che va dal 1837 al 1901. Durante quest'epoca a governare l'Inghilterra è la regina Vittoria, molto amata ed apprezzata da tutto...
Superiori

Appunti di economia aziendale: il capitale circolante netto

Il termine "capitale circolante netto" indica la liquidità operativa a disposizione di un'attività o di un'organizzazione pubblica o privata. Mentre il capitale circolante lordo è pari alle attività correnti, il capitale circolante netto è calcolato...
Università e Master

Appunti di economia aziendale: la banca dei poveri

Nell'era del capitalismo finanziario la banca dei poveri ha diritto ad uno spazio solo tra gli "appunti" di economia aziendale. I Paesi occidentali sono in una carreggiata che vieta un'inversione di marcia di questo tipo. Siamo nei tempi in cui le banche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.