Appunti di economia aziendale: la curva di Lorenz

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La curva di Lorenz è una rappresentazione grafica della funzione di distribuzione cumulativa della ricchezza; la curva di Lorenz viene utilizzata in economia. Questa curva è stata sviluppata da Max O. Lorenz nel 1905. Nel grafico viene mostrato la percentuale di distribuzione assunta dall'asse y % dei valori, anche se questa percentuale non è rigorosamente vera per una popolazione finita. Il grafico può essere molto spesso utilizzato anche per rappresentare il reddito della distribuzione delle famiglie e la percentuale del reddito totale che percepiscono; nel grafico la percentuale delle famiglie viene tracciata sull'asse x, mentre la percentuale di reddito viene tracciata sull'asse y. Grazie alla curva di Lorenz possiamo anche visualizzare la distribuzione dei beni. Ecco in questo articolo vi illutrerò gli appunti di economia aziendale: la curva di Lorenz.

24

Il primo appunto da conoscere è che bisogna sapere che i punti sulla curva di Lorenz rappresentano delle affermazioni come ad esempio "l'ultimo 20% di tutte le famiglie che hanno il 10% del reddito complessivo". Il concetto della curva di Lorenz è molto utile e importante per descrivere la disuguaglianza tra la dimensione degli individui e negli studi della biodiversità. Nel grafico la percentuale cumulativa dei gruppi sociali viene tracciata contro la percentuale cumulativa delle singole persone.

34

Il secondo appunto da conoscere riguarda il fatto che una distribuzione perfettamente uguale al reddito sarebbe quella in cui ogni persona ha lo stesso reddito. Nel caso ogni persona possiede lo stesso reddito, il fondo "N" % della società avrebbe sempre "N" % del reddito. In questo caso nel grafico ciò può essere rappresentato dalla retta y = x, chiamata "linea di perfetta uguaglianza". Esiste invece il caso in cui una distribuzione perfettamente iniqua sarebbe quella in cui una sola persona possiede tutto il reddito e tutti gli altri non ne hanno. In questo caso nel grafico la curva sarebbe y= 0 per ogni x <100%, e y = 100% quando x = 100%, chiamata "linea di perfetta disuguaglianza".

Continua la lettura
44

Il terzo e ultimo appunto da conoscere è che bisogna sapere cosa è il coefficiente Gini.
Il coefficiente Gini è l'area tra la linea di perfetta uguaglianza e la curva di Lorenz; questa area può essere osservata come la percentuale dell'area compresa tra la linea di perfetta uguaglianza e la linea di perfetta disuguaglianza. Bisogna ricordarsi che più alto è questo coefficiente e più disuguale è la distribuzione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Appunti di economia: La curva di Phillips

La Curva di Phillips è una delle argomentazioni principali per gli studenti che frequentano la facoltà di Economia o che, per qualsiasi motivazione, si trovano ad avere a che fare con tale materia. Il concetto su cui si basa questa "curva" non è tutto...
Università e Master

Appunti di economia aziendale: il supply chain management

Il Supply Chain Management è un concetto estremamente attuale e molto rilevante per l’economia di un’azienda di produzione; infatti, la gestione della catena di distribuzione all'interno di una realtà aziendale, sia essa di piccole, medie o grandi...
Università e Master

Appunti di economia aziendale: la banca dei poveri

Nell'era del capitalismo finanziario la banca dei poveri ha diritto ad uno spazio solo tra gli "appunti" di economia aziendale. I Paesi occidentali sono in una carreggiata che vieta un'inversione di marcia di questo tipo. Siamo nei tempi in cui le banche...
Università e Master

Appunti di economia aziendale: Management Buyout e Management Buyin

Per chi frequenta la facoltà di economia, soprattutto dal punto di vista dell'economia aziendale, deve avere ben chiaro di quale sia il concetto e le differenze tra Management Buyout e Management Buyin. Genericamente parlando entrambe svolgono un ruolo...
Università e Master

Appunti di economia aziendale: le prezzature delle opzioni

L'investimento in strumenti di risparmio è attualmente una delle soluzioni più attivabili dal mercato. Di contro, il ridotto appeal dei titoli del debito. Pertanto nei portafogli dei risparmiatori figurano sempre più le opzioni, il nuovo motore finanziario....
Università e Master

Appunti di economia aziendale: il Demurrage

Negli appunti di economia aziendale si sente spesso parlare di demurrage.In questa guida vi illustrurerò in particolare cos'è il demurrage.Il demurrage oltre ad avere un ben determinato carattere specifico ha anche aspetti di carattere storico.Infatti...
Università e Master

Appunti di economia aziendale: l'effetto Forrester

L'effetto Forrester è un fenomeno osservato nei canali distributivi di previsione "driven". Si riferisce ad un trend di oscillazioni in risposta ai cambiamenti della domanda dei clienti e della catena di fornitura di un prodotto. Il concetto fu esposto...
Università e Master

Come prepararsi all'esame di economia aziendale

L'esame di Economia Aziendale è uno dei primi che si affrontano nel corso della carriera universitaria di Economia e Commercio. Grazie alla conoscenza di questa materia, è possibile gettare le basi fondamentali che vi porteranno, in un secondo momento,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.