Appunti di economia aziendale: l'elasticità incrociata

Tramite: O2O 17/11/2021
Difficoltà: media
114

Introduzione

In economia aziendale, l'elasticità incrociata della domanda, o elasticità incrociata della domanda rispetto al prezzo, misura la reattività (cioè la propensione a variare in maniera maggiore o minore) della quantità richiesta per un bene a una variazione del prezzo di un altro bene, a parità di tutte le altre condizioni. Negli appunti che seguono vi illustreremo il concetto.

214

L'elasticità in generale

In generale, l'elasticità della domanda (o dell'offerta) misura in che modo la domanda di un certo bene varia in funzione della variazione del suo prezzo. Se, ad esempio, un piccolo aumento del prezzo di un certo bene fa diminuire molto la domanda di quel certo bene, vuol dire che la domanda è elastica rispetto al prezzo. Viceversa, se anche variazioni consistenti di prezzo non fanno variare più di tanto la domanda, vuol dire che la domanda di quel bene è poco elastica (o "inelastica" o "rigida") rispetto al prezzo.

314

Fattori che determinano l'elasticità

Il principale fattore che determina l'elasticità della domanda di un certo bene rispetto al prezzo è la sostituibilità di quel bene con un altro (il cui prezzo non è variato). Consideriamo, ad esempio, il prezzo della pasta. Se il prezzo della pasta aumenta di molto i consumatori potranno acquistare, ad esempio, il riso (c.d. "bene succedaneo"), quindi la quantità di pasta venduta diminuirà drasticamente (domanda elastica). Se invece parliamo del prezzo della benzina o di un farmaco per il quale non esistono sostituti, anche se il prezzo aumenta i consumatori saranno comunque costretti ad acquistare quel prodotto. La domanda è "inelastica" o "rigida".

Continua la lettura
414

Altri fattori che determinano l'elasticità

Altri fattori che determinano l'elasticità sono: l'orizzonte temporale di riferimento (nel breve periodo la domanda è rigida ma nel lungo periodo il mercato fornirà nuovi sostituti per cui la domanda diventerà più elastica), l'ampiezza della classificazione del bene (se aumenta il prezzo di una certa marca di scarpe i consumatori potranno acquistare altre marche -domanda elastica- ma se aumenta il prezzo di tutte le scarpe i consumatori non potranno rimanere scalzi -domanda inelastica-), la natura del bene (beni di necessità: domanda inelastica perché non posso farne a meno; beni di lusso: domanda elastica) e la rilevanza del costo di quel bene rispetto al budget del consumatore (piccola rilevanza: domanda inelastica, grande rilevanza: domanda elastica).

514

Elasticità incrociata, concetto

Abbiamo visto che il fattore principale che determina l'elasticità della domanda di un certo bene rispetto al prezzo è la sostituibilità di quel bene con un altro. Esempio: cresce il prezzo del burro e allora io invece del burro compro la margarina. Da ciò deriva che, se il prezzo del burro resta uguale ed aumenta il prezzo della margarina, i consumatori saranno portati a comprare più burro. Quindi la quantità di burro domandata dal mercato non dipende solo dal prezzo del burro ma anche da quello della margarina. In generale, la quantità domandata di un certo bene dipende non solo dal prezzo del bene stesso ma anche da quello dei suoi sostituti (o "succedanei").

614

Elasticità incrociata, definizione

Possiamo dunque definire elasticità incrociata della domanda del bene A rispetto al prezzo del bene B la variazione della domanda del bene A al variare del prezzo del bene B.
Una elasticità incrociata positiva (>0) vuol dire che all'aumentare del prezzo del bene B, aumenta la quantità domandata del bene A.Una elasticità incrociata negativa (Una elasticità incrociata pari a zero vuol dire che la variazione di prezzo del bene B non influisce sulla quantità domandata del bene A.

714

Elasticità incrociata, spiegazione pratica

In base alle definizioni date al punto precedente possiamo capire che se due bene sono sostituti (o succedanei) avremo una elasticità incrociata positiva. Se aumenta il prezzo del riso (prezzo del bene B) aumenta la quantità domandata di pasta (domanda del bene A).
Se invece i due bene sono complementari (cioè vengono acquistati spesso insieme) vale il contrario. Se aumenta il prezzo del ketchup (prezzo del bene B) diminuirà la quantità domandata di hamburger (domanda del bene A).
Infine, l'elasticità incrociata è pari a zero per due beni completamente indipendenti.

814

Elasticità incrociata, esempi

Se in risposta ad un aumento del 10% del prezzo del carburante la domanda di vetture di nuova immatricolazione diminuisce del 20%, l'elasticità incrociata della domanda diventa di -20% : 10% = -2. Il risultato rappresenta un'elasticità incrociata di tipo negativo, secondo la quale due prodotti sono complementari. Al contrario, un'elasticità incrociata positiva avrebbe contrassegnato due prodotti sostitutivi.

914

Prodotti complementari e succedanei

Si presuppone infatti che i prodotti (carburante e vetture) siano complementari. Tutto ciò significa che un aumento della domanda del carburante nasce da un incremento della quantità domandata di auto. Di conseguenza, se il prezzo delle auto cala, la curva della domanda si sposta verso destra e cresce. Quindi, si ha un valore negativo per l'elasticità incrociata della domanda. Lo stesso ragionamento è valido anche per i prodotti sostitutivi.

1014

Il caso dei sostituti perfetti

Un caso particolare è quello dei sostituti c.d. "perfetti". Se due beni sono perfettamente sostituibili, all'aumento anche minimo del prezzo di uno dei due, i consumatori compreranno in massa l'altro prodotto. In tal caso, l'elasticità incrociata della domanda è pari ad infinito positivo.

1114

Il caso dei beni indipendenti

Quando i due beni sono indipendenti l'uno dall'altro (es: pane e libri oppure vestiti e medicine), la variazione del prezzo di uno dei due non influisce in alcun modo sulla quantità domandata dell'altro. In questo caso l'elasticità incrociata è pari a zero.

1214

Elasticità incrociata dell'offerta

Analogamente a quanto speigato, il concetto di elasticità incrociata si può applicare all'offerta di un bene A rispetto al prezzo di un altro bene B. Anche qui si posso fare le stesse considerazioni su beni succedanei, complementari, indipendenti eccetera e sui fattori che determinano l'elasticità.

1314

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come andare bene in economia aziendale

L'economia aziendale è una materia, come molte altre, che crea molti problemi agli studenti delle scuole superiori. L'ostacolo più grande di questa materia si manifesta nella parte pratica della disciplina che viene imparata molto spesso meccanicamente,...
Superiori

Come calcolare il punto di equilibrio in economia aziendale

Che cosa è e come calcola il punto di equilibrio in economia aziendale? Come si usa e perché è una nozione utile a chiunque conduca un'attività economica? Nei prossimi paragrafi impareremo a calcolare il punto di equilibrio e capiremo perché è utile...
Superiori

Economia aziendale: classificazione delle aziende

L'economia aziendale studia il comportamento di organizzazioni (a partire dalla famiglia, per passare alle imprese, alle associazioni di volontariato ed assistenza, alle amministrazioni pubbliche) nelle scelte per l'utilizzo delle risorse con il fine...
Superiori

Come calcolare il fabbisogno finanziario aziendale

Tra gli argomenti di economia aziendale, la gestione di un'azienda viene proposta ed approfondita in più anni scolastici. Le aziende fanno parte del mondo del lavoro primario, secondario e terziario. Coinvolge molti aspetti della società moderna. L'azienda...
Superiori

Principi e teoremi dell'economia del benessere

L'economia del benessere o "welfare economy" è una branca della microeconomia che studia l'equilibrio e la dinamica del libero mercato, ponendolo in contrapposizione con quello che subisce ingerenze da parte dello Stato o che è obbligato ad adeguarsi...
Superiori

Come organizzare un quaderno di appunti

Tenere degli appunti ben ordinati può risultare davvero la migliore strategia per eccellere negli studi e nel lavoro. Generalmente tutto comincia con gli appunti. Il capo che ci spiega il lavoro da fare; l'analista che tiene una conferenza sul nostro...
Superiori

Appunti di anatomia: il tessuto osseo

Il tessuto osseo è quello più resistente che compone il corpo umano; infatti contribuisce alla struttura, la postura, ed essendo molto robusto e ben strutturato, costituisce una vera e propria impalcatura di sostegno, esattamente come i muscoli. La...
Superiori

Appunti sul Modernismo inglese

Il Modernismo è una corrente letteraria che nacque in Inghilterra prima della seconda guerra mondiale, e si sostituì al classico Romanticismo che lo aveva preceduto fino all'inizio del novecento. Il pensiero su cui era fondato trovò molti apprezzamenti...