Appunti di economia aziendale: il supply chain management

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il Supply Chain Management è un concetto estremamente attuale e molto rilevante per l’economia di un’azienda di produzione; infatti, la gestione della catena di distribuzione all'interno di una realtà aziendale, sia essa di piccole, medie o grandi dimensioni, è un aspetto fondamentale, che ha come obiettivo quello di stabilire rapporti di collaborazione tra i fornitori, potenziare la competitività e fornire al cliente un servizio sempre più adeguato e distintivo. Tramite questo tutorial, vi mostreremo una serie di appunti principali, per spiegare in cosa consiste il Supply Chain Management.

25

Occorrente

  • Un buon libro di economia aziendale
35

Il concetto di Supply Chain si è sviluppato intorno agli anni ’80, a causa di una rapida evoluzione del mercato, che ha comportato una maggiore richiesta di prodotti, con tempi di consegna sempre più ridotti. Di fronte a tali cambiamenti, le aziende si sono rese conto che, senza un adeguato piano organizzativo, che le portasse ad avere rapporti con gli altri componenti della filiera produttiva, avrebbero perso in breve tempo la loro competitività sul mercato.

45

Se ne deduce che il Supply Chain Management consiste nel coordinare i vari processi della filiera di produzione, così da armonizzare e collegare l’attività dei vari elementi che la compongono, sia interni (ad esempio, i reparti di una stessa azienda), sia esterni (i fornitori, i clienti, la logistica), con lo scopo di incrementare la produzione e la qualità dei beni prodotti. Tramite il concetto di Supply Chain Management, la catena di fornitura viene quindi vista come un’entità unica, e qualsiasi possibile inefficienza, durante il processo, deve essere risolta o eliminata, così da assicurare l’assoluta potenzialità del metodo produttivo. Il principale mezzo utilizzato per lo svolgimento dell’attività di coordinamento è, naturalmente, la tecnologia, essenziale per condividere qualsiasi informazione, dai fabbisogni di un fornitore, alle più svariate richieste di mercato.

Continua la lettura
55

Da qui, è nata l’esigenza del Supply Chain, che letteralmente significa “catena di fornitura”: si tratta semplicemente di una filiera, che comprende tutte quelle attività legate alla produzione di un bene, a partire dall'acquisto della materia prima, fino alla realizzazione del prodotto finale, con tutta una serie di passaggi intermedi, che possono riguardare la produzione, l’assemblaggio dei vari componenti, la sistemazione dei prodotti all'interno di magazzini, il controllo e la gestione degli ordini, la distribuzione, le eventuali spedizioni al cliente, nonché la gestione di servizi informatici, essenziali per organizzare ogni singolo passaggio della catena produttiva. In poche parole, la Supply Chain parte dalla materia prima ed arriva direttamente al consumatore, che può usufruire del prodotto finito.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Appunti di economia aziendale

L'economia aziendale è una materia di base di molti percorsi universitari e scolastici. Approfondiace tutto ciò che riguarda l'azienda in termine economico. Si occupa dell'organizzazione, della gestione e rilevazione dell'azienda. Se volessimo darle...
Università e Master

Appunti di economia aziendale: l'effetto Forrester

L'effetto Forrester è un fenomeno osservato nei canali distributivi di previsione "driven". Si riferisce ad un trend di oscillazioni in risposta ai cambiamenti della domanda dei clienti e della catena di fornitura di un prodotto. Il concetto fu esposto...
Università e Master

Appunti di economia aziendale: la banca dei poveri

Nell'era del capitalismo finanziario la banca dei poveri ha diritto ad uno spazio solo tra gli "appunti" di economia aziendale. I Paesi occidentali sono in una carreggiata che vieta un'inversione di marcia di questo tipo. Siamo nei tempi in cui le banche...
Università e Master

Appunti di economia aziendale: le prezzature delle opzioni

L'investimento in strumenti di risparmio è attualmente una delle soluzioni più attivabili dal mercato. Di contro, il ridotto appeal dei titoli del debito. Pertanto nei portafogli dei risparmiatori figurano sempre più le opzioni, il nuovo motore finanziario....
Università e Master

Appunti di economia aziendale: la curva di Lorenz

La curva di Lorenz è una rappresentazione grafica della funzione di distribuzione cumulativa della ricchezza; la curva di Lorenz viene utilizzata in economia. Questa curva è stata sviluppata da Max O. Lorenz nel 1905. Nel grafico viene mostrato la percentuale...
Università e Master

Appunti di economia aziendale: il Demurrage

Negli appunti di economia aziendale si sente spesso parlare di demurrage.In questa guida vi illustrurerò in particolare cos'è il demurrage.Il demurrage oltre ad avere un ben determinato carattere specifico ha anche aspetti di carattere storico.Infatti...
Università e Master

Come prepararsi all'esame di economia aziendale

L'esame di Economia Aziendale è uno dei primi che si affrontano nel corso della carriera universitaria di Economia e Commercio. Grazie alla conoscenza di questa materia, è possibile gettare le basi fondamentali che vi porteranno, in un secondo momento,...
Università e Master

Appunti di economia del turismo

Al giorno d'oggi esistono molte lauree universitarie create appositamente per branche specifiche. Lauree che differiscono in modo netto rispetto al passato e che tendono sempre più ad una maggior specializzazione. Ciò comporta sia dei vantaggi che degli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.