Appunti di diritto: usi e consuetudini

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Conoscere il Sistema Giuridico Italiano e come funziona la Giustizia non è certamente compito da poco. Molti sono i ragazzi che ogni anno si appiccicano al Sistema Giuridico, iscrivendosi alla Facoltà di Giurisprudenza. Conoscere ogni piccolo dettaglio richiede anni di studio e molta pazienza e in questa guida, ci proporremo di spiegare alcuni usi e consuetudini di diritto, attraverso alcuni semplici appunti. Nell’Ordinamento Giuridico Italiano esistono due categorie di usi o consuetudini: quelli Normativi, previsti dagli artt. 1 e 8 delle Disposizioni Preliminari al Codice Civile e quelli Negoziali e interpretativi, previsti dall’art. 1340 del Codice Civile in materia contrattuale. In questa guida forniremo appunti di diritto in merito ai primi, che costituiscono una delle fonti da cui origina il nostro Ordinamento Giuridico. Fra le fonti del Diritto atte a produrre Norme Giuridiche distinguiamo fra Fonti interne (o Nazionali, in pratica le Normative dello Stato) ed Esterne (o Sovranazionali, che derivano dal Diritto Comunitario).
Vediamo di approfondire di più questo argomento e fare molta più chiarezza sulla questione attraverso i pochi e semplici passaggi di questa guida.

27

Le regole

Usi e consuetudini sono fonti non scritte che nascono dalla pratica costante nel tempo da parte di una categoria sociale. Consistono in Regole di comportamento generalizzate, che vengono seguite spontaneamente ed in modo costante da un gruppo di persone, nella convinzione che corrispondano a Norme di Diritto. Alla luce della suddetta definizione i presupposti concomitanti e necessari affinché possano considerarsi come tali sono: a) “Diuturnitas” o elemento oggettivo, che il comportamento tenuto dai soggetti consociati sia generalizzato e si protragga nel tempo; b) “Opinio iuris” o elemento soggettivo che detto comportamento venga considerato dagli stessi come una pratica giuridicamente doverosa e vincolante.

37

La prassi

Occorre innanzitutto differenziarli dalla “prassi”, dato che quest’ultima consiste in un comportamento posto in essere da un gruppo di individui continuativamente, senza però che questi lo ritengano come obbligatorio (ad esempio: rientra nella categoria della prassi il comportamento di lasciare una mancia). Da un punto di vista comparativo è quindi doveroso fare una distinzione fra Paesi, quale l’Italia, il cui Sistema Giuridico rientra nella categoria della “Civil Law”, dove la Norma scritta ha un valore preminente e paesi come quelli anglosassoni detti di “Common Law” in cui la fonte principale del diritto è la Consuetudine. Usi e costumi sono tra le più antiche forme di regolamentazione ma nel nostro ordinamento sono fonti cosiddette di tipo terziario, di conseguenza sottoposte alle Normative gerarchicamente preminenti.

Continua la lettura
47

Gli usi

Gli usi sono infatti applicabili sia in materie non regolamentate da Leggi o Regolamenti, sia in materie laddove vengono da questi richiamati. Rispetto al Diritto positivo gli usi costituiscono fonte sussidiaria negli ambiti non disciplinati dalla Legge (“Consuetudo Praeter Legem”); nelle materie regolate dalla Legge o dai regolamenti hanno efficacia solo se espressamente richiamati (“Consuetudo Secundum Legem”); in questo caso sono intesi a chiarirne o specificarne la portata o il significato. Occorre peró sottolineare che gli usi contrari alla Legge “Consuetudo Contra Legem” non hanno validitá e, nel momento in cui una Legge o regolamento interviene a regolare la materia, gli usi perdono efficacia. L'art. 8 sancisce infatti che “nelle materie regolate dalle Leggi e dai regolamenti gli usi hanno efficacia solo in quanto sono da essi richiamati”.

57

Conclusioni

Certamente il Sistema Giuridico Italiano non è il più semplice da capire e conoscere. Molti ragazzi alle prese con il Diritto italiano hanno bisogno di un po 'di tempo per capirlo e apprenderlo, grazie a questa guida sarete in grado di iniziare a studiarlo con più semplicità, capendone i meccanismi più importanti. Se non riuscite a capirlo allora è meglio rivolgersi a qualcuno di esperto nel settore che possa farvi più chiarezza e risolvere ogni vostro dubbio in merito.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Appunti di diritto, le norme giuridiche e le norme sociali

In questa guida, forniremo degli utilissimi appunti di diritto, cioè di quali siano nello specifico, le norme giuridiche e le norme sociali, a cui ci si può rivolgere per risolvere dei problemi, legati a questo campo.Le norme giuridiche contengono al...
Superiori

Appunti di diritto: definizione di legittimato

Per definizione, il legittimato può procedere per legge contro un imputato. Tale presupposto sussiste in un qualsiasi processo (civile, penale, tributario) con un capo di imputazione attivo o passivo. Il primo caso, si definisce legittimazione sostanziale...
Superiori

Appunti di diritto: i contratti atipici

I contratti atipici sono quei contratti non espressamente disciplinati dal diritto privato, ma creati ad hoc dalle parti in base alle loro specifiche esigenze durante la fase di negoziazione. Si tratta di contratti particolari che permettono di sottostare...
Superiori

Appunti di diritto: le fonti di cognizione

Le fonti del diritto nel nostro ordinamento giuridico possono essere definite come l'insieme di atti o fatti cui viene attribuito un potere costitutivo, modificativo o estintivo di norme giuridiche. In altri termini, il potere di innovare l'ordinamento...
Superiori

Appunti di diritto privato: la famiglia

Il diritto pubblico si occupa di questioni che interessano la società nel suo complesso, oltretutto si suddivide in più rami: il diritto amministrativo, in cui governano le agenzie governative, come il Dipartimento della Pubblica Istruzione. Le leggi...
Superiori

Appunti di diritto: le forme di governo

Studiare il diritto vuol dire analizzare quelle che sono le diverse forme di governo previste dai vari ordinamenti giuridici. Lo scopo principale di questa guida è quello di fornire una indicazione generale delle forme di governo dando luogo a dei veri...
Superiori

Appunti di diritto: la situazione giuridica soggettiva

Anche se non studiamo diritto, non siamo interessati a fare studi giuridici e simili, è molto importante che ognuno di noi sappia e conosca abbastanza bene le cose basilari. Per esempio, cosa si intende per situazione giuridica soggettiva? In questa...
Superiori

Appunti di diritto: la forma di governo presidenziale

Per forma di governo si intende il differente modo in cui si articola e si distribuisce il potere politico tra i vari organi di vertice dello Stato, ed in modo particolare tra il Governo, il Parlamento ed il Capo dello Stato. La ratio che sta alla base...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.