Appunti di chimica: saponificazione degli esteri

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

In questa guida cercherò di spiegarvi con i miei appunti di chimica come funziona e cos'è la reazione di saponificazione degli esteri. Questa reazione è più propriamente chiamata "reazione di idrolisi basica degli esteri". Una soluzione di una base alcalina, come per esempio la soda caustica, reagisce con i nostri grassi, trasformandoli a tutti gli effetti in saponi; si può infatti notare che la zona dove abbiamo rovesciato la soda diventa scivolosa.

24

I composti organici

Molti composti organici si idrolizzano semplicemente in acqua, spesso calda. Per gli esteri questo non avviene, ma bisogna catalizzare la reazione aggiungendo qualche goccia di acido o di base. Si parla rispettivamente quindi di idrolisi acidi e idrolisi basica degli esteri. L'idrolisi basica o saponificazione è quella che andremo a trattare in questa guida. Questa reazione si basa sul carattere elettrofilo del carbonio carbonilico che, anche se non particolarmente spiccato, è sufficiente per legarsi con un nucleofilo forte come lo ione idrossido.

34

Importanti differenze

Il termine "saponificazione" indica il fatto che questa reazione viene sfruttata a livello industriale per produrre appunto i saponi. Inoltre questa è anche la reazione che avviene quando, per sbaglio, ci rovesciamo una base alcalina sulla pelle: infatti i grassi del nostro corpo sono composti da esteri a lunga catena. Vi sono delle importanti differenze tra l'idrolisi acida e basica degli esteri: la prima è il fatto che per l'idrolisi acida è sufficiente aggiungere quantità catalitiche di acido mentre nell'idrolisi basica sono necessarie quantità stechiometriche di base. In secondo luogo il fatto che l'idrolisi acida è una reazione reversibile, infatti in soluzione acida, un acido carbossilico reagisce con un alcol a formare un estere. L'idrolisi basica invece è irreversibile in quanto lo ione carbossilato non è per niente elettrofilo e non può quindi essere attaccato dall'alcol che è un nucleofilo debole.

Continua la lettura
44

Il meccanismo

Il meccanismo di questa reazione è un meccanismo di sostituzione nucleofila bimolecolare: non si assiste quindi alla formazione di un carbocatione. Dopo l'attacco dello ione idrossido al carbonio carbonilico si ha dunque la formazione di un intermedio tetraedrico di addizione al carbonile. Questo a sua volta collassa recidendo il legame carbonio-ossigeno del gruppo "etereo" portando così alla formazione di un acido carbossilico e di uno ione alcossido. Confrontando le pK degli acidi carbossilici e degli alcoli si nota che le prime sono notevolmente più basse. Pertanto tra l'acido carbossilico e lo ione alcossido si instaura un equilibrio acido-base quasi esclusivamente spostato a destra. Questo significa che alla fine in soluzione avremo un alcol e uno ione carbossilato.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Appunti di chimica: l'esterificazione di Fischer

La chimica è una materia molto complessa ma allo stesso tempo affascinante. A scuola viene spesso messa in secondo piano, ma occorre studiarla bene se si decide di intraprendere un percorso scientifico all'università. Anche coloro che intendono studiare...
Superiori

Come calcolare la concentrazione di un sale

Molte materie come la matematica, la fisica e la chimica, rimangono nell'arco degli anni scolastici come materie abbastanza difficoltose per decine e decine di studenti, che non si applicano in maniera logica e continuativa nello studio. All'interno di...
Università e Master

Come Idrolizzare Gli Alogenuri Acidi

L'idrolisi è un processo nel quale le molecole si scindono grazie a particolari forme di reazione determinate dall'acqua. Solitamente quindi, il processo di idrolisi si deve intendere come l'opposto rispetto a quello della condensazione. In questa guida...
Università e Master

Come calcolare il PH di una soluzione chimica

Ogni soluzione acquosa presenta una sua acidità o basicità. Il calcolo del pH serve appunto a definire se una soluzione è acida o basica. Questa scala fu introdotta nel 1909 da Sorensen, un chimico danese. Potete osservare che su tutte le tipologie...
Università e Master

Come Sintetizzare Il Benzoato Di Metile

Nel campo industriale le sostanze che possiedono un cattivo odore molto frequentemente sono costituite in parte da composti chimici chiamati esteri. In pratica tali composti organici possiedono una proprietà particolare, la volatilità. Molti di questi...
Università e Master

Come Idratare Le Aldeidi E I Chetoni

L'idratazione, ovvero l'aggiunta di una molecola d'acqua, è un processo che avviene naturalmente in molti organismi e sistemi biologici ogni secondo. Con questa guida ci occuperemo di spiegarvi, in particolare, come bisogna procedere per idratare le...
Università e Master

Come Effettuare La Reazione Di Cannizzaro

La reazione di Cannizzaro serve per effettuare un tipico processo della chimica inorganica che effettua la formazione di particolari prodotti chimici molto importanti per l' industria chimica e molto apprezzata per la versatilita' delle miscele di prodotti...
Maturità

Come calcolare il pH di una soluzione tampone

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i n ostri lettori e lettrici, a capire come poter calcolare il ph di una soluzione tampone. Iniziamo subito con il dire che nella pratica di laboratorio come anche nella didattica scolastica – universitaria...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.