Appunti di chimica: la sintesi di Kiliani-Fischer

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Come la matematica e altre materie particolarmente complesse, anche la chimica è una di quelle che, per essere compresa a fondo, ha bisogno di essere affrontata in maniera precisa, chiara e puntigliosa. Bisogna capirne l'essenza, comprenderne il meccanismo, imparare a memoria le regole principali e tanto altro ancora. Grazie a questo articolo impareremo a conoscerla meglio. Nello specifico ci occuperemo di offrire alcuni appunti di chimica, e in particolare sulla sintesi di Kiliani-Fischer. Siete laureandi o state ancora frequentando il liceo, questa guida potrà certamente esservi utili.

25

La prima cosa da sapere è la seguente: esistono due versioni della teoria di Kiliani-Fischer, una classica e una più moderna. Partiamo dalla sua definizione. La sintesi di Kiliani-Fischer è un metodo chimico utilizzato per la sintesi dei monosaccaridi, meglio conosciuti come zuccheri. Detto questo possiamo adesso approfondire la conoscenza di questa sintesi.

35

La versione classica, prevede la formazione di cianidrina e acido aldonico. A questo punto, la cianidrina che verrà fuori viene riscaldata in acqua, diventando acido carbossilico che, reagendo con dell'alcool, produce un legame ben più forte e solido rispetto a prima. Il risultato sono una serie di diastereomeri nella miscela di reazione, chiamati epimeri. Il rendimento di questo primo metodo è di quasi il trenta percento.

Continua la lettura
45

Se invece vogliamo una resa maggiore, utilizzando zuccheri di dimensioni maggiori, possiamo utilizzare la teoria moderna. Essa consiste nel ridurre la cianidrina in immina con un catalizzatore di palladio. Questa operazione permette di eseguire l'operazione in soli due passaggi piuttosto che in tre e quindi possiamo, alla fine, isolare direttametne lo zucchero iniziale, invece dei singoli lattoni, che prima si formavano non appena la cianidrina veniva riscaldata.

55

Entrambi i metodi sfruttano l'idrolisi della cianidrina con un atomo di carbonio, però, mentre il primo risulta essere molto più tecnico e meno funzionale, il secondo permette di ottenere un risultato migliore, utilizzando meno risorse, sia di tempo che di sfruttamento dei materiali necessari per avviare e gestire tutto il processo. Ricordiamo che questa guida si propone esclusivamente di dare dei semplici appunti. Dovrete testare con mano l'esperimento per verificare l'effettiva efficienza di ognuno e, nel caso, scegliere quale dei due, secondo voi, risulta molto più conveniente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come risolvere l'esercizio di sintesi del terz butanolo

La chimica organica è una materia complessa quindi spesso si ha bisogno di un aiuto oppure di qualche suggerimento utile. Se vi serve un aiuto in chimica organica, questa guida fa al caso vostro, in quanto parleremo di una reazione di sintesi di chimica...
Università e Master

Come risolvere l'esercizio di sintesi di un alcol da una aldeide

In questa guida, sarà specificatamente trattata una delle reazioni più conosciute che riguardano la chimica organica. Infatti, potrete osservare la reazione di un chetone per poter arrivare alla formazione di un composto alcolico. La reazione necessita...
Università e Master

Come Eseguire Una Sintesi Di Williamson

Per tutti gli appassionati della chimica qui di seguito c'è una guida che vi permetterà di provare nuove reazioni da poter realizzare in laboratorio o volendo a casa, tutto in maniera autodidatta. La chimica organica come ben si sa, è un argomento...
Superiori

Chimica: come risolvere i bilanciamenti

Si definisce equazione chimica la rappresentazione simbolica degli elementi chimici di una reazione. Ogni reazione chimica rispetta la legge di conservazione della massa che in sintesi afferma che nelle reazioni gli atomi non si creano e non si distruggono...
Superiori

La sintesi organica combinatoriale

La sintesi organica combinatoriale è una strategia che, come si evince dal nome, è tipica della chimica organica, ed essa consiste nel sintetizzare un grande numero di composti correlati legando in modo covalente, diverse serie di unità strutturali....
Università e Master

Appunti sul metabolismo cellulare

All'interno dei passi che comporranno questa guida, ci occuperemo di scienza, in quanto svilupperemo una tematica interna allo studio della biologia. Infatti, vi daremo alcuni appunti utili sul metabolismo cellulare. Cominciamo questo interessante percorso...
Università e Master

Come Sintetizzare Un Alchino Partendo Da Un Altro Alchino

Un alchino, in chimica, rappresenta un composto organico appartenente alla classe degli idrocarburi. Questo composto presenta lungo la catena carboniosa, tra l'altro, un'insaturazione abbastanza particolare. È presente, infatti, almeno uno (ma talvolta...
Università e Master

Come Sintetizzare Il 3,3-dimetil-2-butanolo

In questo articolo, vogliamo offrire un valido aiuto, concreto e duraturo, a tutti quegli studenti che dovranno affrontare questo genere di argomento, durante l'anno scolastico, che stanno vivendo. Nello specifico cvercheremo d'imparare insieme come e...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.