Appunti di chimica: l'ossidoriduzione

Tramite: O2O 03/08/2017
Difficoltà: media
17
Introduzione

Si definisce ossidoriduzione una reazione chimica in cui si ha uno scambio di elettroni, da una specie chimica ad una altra, ed entrambe le specie coinvolte cambiano il loro numero di ossidazione. Il numero di ossidazione rappresenta la differenza tra il numero degli elettroni di valenza dell'atomo e il numero di elettroni rimanente, dopo l'assegnazione di tutti gli elettroni di legame all'elemento più elettronegativo di ogni coppia. Ecco alcuni appunti di chimica su l'ossidoriduzione. Vediamo dunque come affrontare questo argomento.

27
Occorrente
  • Libro di Chimica
37

Specie Ossidante

Innanzitutto si definisce specie ossidante quella che si riduce e che cede quindi gli elettroni all'altra specie coinvolta. Si definisce, invece, specie riducente quella che si ossida determinandone la riduzione dell'altra. Come si può riconoscere una redox? La cosa più semplice da verificare è se c'è stato un cambiamento del numero degli elettroni di entrambi gli elementi.  

47

Sale da Cucina esempio di ossidoriduzione

L'esempio più semplice da considerare è la formazione del cloruro di sodio, noto come il sale da cucina. Considerando la reazione: 2Na + Cl2 ? 2Na+Cl-. In NaCl il Na ha numero di ossidazione +1 e il Cloro -1. Il sodio (Na) perdendo un elettrone periferico si ossida e diviene ione sodio positivo. Il sodio iniziale, Na, era la forma ricca di elettroni è detta forma ridotta che si ossida facilmente in quanto ha una bassa affinità elettronica e un basso potenziale di ionizzazione. Lo ione sodio positivo che si ottiene, Na+, è la forma povera di elettroni ed è detta forma ossidata. Il Cloro (Cl) riceve l'elettrone, si riduce, diventando ione cloruro negativo. La forma Cl2 è detta forma ossidata mentre Cl- forma ridotta. Il Cloro si riduce in quanto ha una elevata affinità elettronica e un alto potenziale di ionizzazione: se trova gli elettroni liberi li cattura per completare il suo ottetto e trattiene fortemente gli elettroni. La regola dell'ottetto influenza l'affinità elettronica. Il cloro è un non metallo, alogeno, appartiene al settimo gruppo e tende ad acquisire un elettrone e formare lo ione cloruro per completare il proprio ottetto periferico ed assomigliare al gas nobile immediatamente seguente. Le reazioni redox sono alla base della vita, coinvolte nei più importanti processi biochimici, come la respirazione.  

Continua la lettura
57

La reazione Redox

Infine le reazioni di ossidoriduzione (dette anche "redox") si possono considerare come lo svolgere contemporaneo di due semireazioni, in quanto, una specie subisce una reazione di ossidazione mentre l'altra specie ne subisce una di riduzione. Per quanto riguarda la prima, avviene la perdita da parte di una specie chimica, ione o atomo di elettroni, che aumentano, così, il proprio di numero di ossidazione. Analogamente per quanto riguarda la reazione di riduzione, si ha l'acquisizione da parte dell'altra specie degli elettroni diminuendo il proprio numero di ossidazione. Non ci possono essere elettroni liberi, quindi, affinché avvenga una reazione redox ci deve essere necessariamente un elemento reagente che sia disposto a cedere elettroni ed una altro disposto ad acquisirli.  

67
Guarda il video
77
Consigli
Potrebbe interessarti anche
Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Appunti di chimica: il saggio di Tollens

Il saggio di Tollens è un test appartenente alla favolosa chimica organica e all'analisi dei medicinali, il quale viene condotto in presenza di un reattivo detto appunto "reattivo di Tollens", dal quale prende il nome. Tollens, il suo inventore, era...
Superiori

Appunti di chimica: l'esterificazione di Fischer

La chimica è una materia molto complessa ma allo stesso tempo affascinante. A scuola viene spesso messa in secondo piano, ma occorre studiarla bene se si decide di intraprendere un percorso scientifico all'università. Anche coloro che intendono studiare...
Superiori

Come calcolare le reazioni di ossidoriduzione

La chimica è una materia affascinante quanto insidiosa, soprattutto quando si studia a scuola. Per la stragrande maggioranza degli studenti i primi approcci con questo tipo di scienza sono sempre piuttosto problematici, poiché si tratta di argomenti...
Superiori

Appunti di chimica: la tensione superficiale

La chimica, come materia scolastica, propone una vastità di argomenti che sono molto utili nella comprensione del mondo che ci circonda. In questi appunti cercheremo di analizzare nello specifico il concetto di tensione superficiale, così da fornire...
Superiori

Appunti di chimica: la temperatura critica

Per molti studenti delle scuole superiori, soprattutto per quelli che hanno scelto il Liceo Classico, la chimica non rappresenta propriamente la materia preferita. Se approcciata nella maniera corretta però, questa materia è in grado di appassionare...
Superiori

Appunti di chimica: la teoria cinetica della materia

Gli stati di aggregazione sono proprietà macroscopiche della materia che possono essere colte dai nostri sensi senza l'aiuto di strumenti. Esse trovano la loro spiegazione, come sempre in chimica, al livello nanoscopico. La teoria che interpreta gli...
Superiori

Come calcolare i coefficienti stechiometrici di una reazione chimica

All'interno di questa breve guida vi illustrerò, con molta attenzione e cura, come riuscire ad calcolare i coefficienti stechiometrici di una determinata reazione chimica. Tale operazione, chiamata anche bilanciamento di una reazione chimica, viene eseguita...
Superiori

Chimica: la legge di Dalton

La legge di Dalton prende il nome dal famoso chimico John Dalton, che la formulò nel lontano 1807. Negli anni precedenti a questa formulazione il chimico cercò di dare spiegazioni inerenti l'atomo avvalendosi delle tre leggi fondamentali della chimica:...