Appunti di chimica: i gas nobili

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Quando si parla di gas in chimica si intendono quelle sostanze che si trovano in uno stato aeriforme e che non hanno un proprio volume e una propria forma, quindi non occupano tutto lo spazio a disposizione. Nella seguente guida pertanto verranno dati alcuni semplici appunti di chimica in particolare sui gas nobili.

26

Occorrente

  • Un buon manuale di chimica
36

Definizione

Si definiscono gas nobili, oppure gas inerti, tutte quelle sostanze aeriformi che reagiscono difficilmente con altri elementi presenti in natura. In chimica si aggruppano nella categoria 18 della tavola periodica. Si tratta di gas monoatomici, liberamente presenti nell'atmosfera. In totale sono sei e ne fanno parte elio, neon, argon, kripton, xeno e radon. Per la loro struttura chimica particolarmente stabile i gas nobili non fluidificano facilmente. La caratteristica che li differenza dagli altri gas infatti è proprio la loro completezza energetica. La maggior parte si costituisce di ben otto elettroni all'ultimo livello. L'unica eccezione è rappresentata dall'elio con due soli elettroni. La loro stabilità elettronica li spinge a rimanere inerti e a non ricercare altri legami.

46

Caratteristiche

Per la loro configurazione chimica, i gas nobili hanno una forza interatomica di attrazione estremamente limitata. Questo comporta che, in condizioni normali di pressione e temperatura, il punto di ebollizione è molto basso. Lo stesso avviene per la fusione.
I gas nobili non sono infiammabili e sono assolutamente privi di sapore, odore e colore. Raggiungono lo stato liquido solo se sottoposti a stati estremi di pressione e temperatura. Questa caratteristica ne permette l’ampio utilizzo allo stato liquido come refrigeranti. Ad esempio l'elio è senz'altro più leggero rispetto all'aria e per questo spesso viene utilizzato per gonfiare i palloni sonda.

Continua la lettura
56

Legami

Per la completezza dei loro orbitali un tempo si è pensato che i gas nobili non potessero reagire ed unirsi con altri elementi. Con gli anni, però, alcuni studi nel campo della chimica hanno contraddetto poi questa tesi. Nel 1933 è stato Linus Pauling ad intuire per la prima volta la possibilità di reazione dei gas nobili più pesanti. Nell'arco di un trentennio la sua teoria ha trovato fondamenti di verità. I gas nobili più pesanti hanno un buon numero di gusci elettronici. Gli elettroni esterni tendono ad una facile ionizzazione, che li spinge a creare legami. Essi prediligono principalmente sostanze con carica negativa, come ad esempio ossigeno e fluoro.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Determinare La Composizione Di Miscele Gassose Con Il Metodo Di Assorbimento

I metodi di cui la chimica analitica si avvale per determinare la composizione di miscele gassose sono sostanzialmente due: il metodo di assorbimento e il metodo di combustione. Generalmente i gas inerti, quali l'azoto e i gas nobili (ad esempio elio,...
Superiori

Chimica: regola dell'ottetto ed eccezioni

L'universo della chimica è un mondo pieno di varianti, spiegazioni e regole, nonché di persone, oggi molto famose, che ne hanno delineato i principi fondamentali. Hanno enunciato leggi, dissolto dubbi, scoperto nuove cose. Fra questi chimici c'è anche...
Università e Master

Come determinare le caratteristiche chimiche degli elementi

Gentili lettori, all'interno della guida che seguirà, mi dedicherò a parlare di una materia specifica: la chimica. Nel particolare, questa sarà l'occasione per scrivere qualcosa sulla determinazione delle caratteristiche chimiche degli elementi.Ma...
Superiori

Appunti di chimica: i legami

La chimica spesso risulta di difficile comprensione e spesso non è un materia particolarmente gradita agli studenti delle scuole superiori: il motivo di questa sorta di antipatia verso tale scienza sta nel fatto che la descrizione dei fenomeni mediante...
Università e Master

Chimica: la teoria degli orbitali molecolari

Ciascun elettrone perciò si muoverà non più attorno al proprio orbitale atomico, ma intorno ad uno molecolare che coinvolge anche l’altro atomo dove si verifica il legame. Se si considera che l’orbitale (che indicheremo con il simbolo "Ψ"), è...
Superiori

Come leggere una tavola periodica

La tavola periodica è stata ordinata per la prima volta dallo studioso e scienziato Mendeleev, il quale capì che gli elementi chimici avevano fra loro delle caratteristiche simili, e via via che studiava nuovi elementi, decise di accostarli per queste...
Superiori

Come calcolare il raggio di un atomo

Sicuramente quando si parla di atomi, bisogna fare attenzione a come si studia questo argomento e a tutti gli approfondimenti che devono essere fatti studiando, per capire un po' come funziona questa materia e questo argomento specifico. La chimica è...
Superiori

Chimica: la struttura dell'atomo

Tutto ciò che ci circonda è composto da piccolissime unità di materia, chiamate "atomi", invisibili all'occhio umano ma visibili al SuperSTEM, un microscopio elettronico ad altissima precisione made in UK. Queste unità possono formare legami tra loro,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.