Angoli formati da rette tagliate da una trasversale

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il compito di geometria è sempre più vicino e voi non vi sentite assolutamente in grado di affrontarlo? Se siete disperati ogni qual volta vi si presenta un problema di geometria da risolvere, non preoccupatevi, questa guida è ciò che fa al caso vostro. Nei successivi passi, infatti, vi saranno illustrati, in maniera semplice e veloce, tutti i passaggi fondamentali da compiere per calcolare gli angoli formati da rette tagliate da una trasversale. Continuiamo nella lettura di questa interessante guida per scoprire come fare.

26

Retta

Per poter calcolare gli angoli formati da rette tagliate da una trasversale, occorre innanzitutto specificare cos'è una retta e quando due rette si dicono parallele. Per retta si intende un'insieme di punti allineati che non hanno né inizio, né fine. Due rette si dicono parallele se tutti i punti dell'una sono equidistanti dall'altra. Per cominciare, verificate se esse siano parallele o incidenti. Tagliate le rette in questione con una trasversale, e subito osserverete che si formano degli angoli. Se le rette sono parallele si formeranno i seguenti angoli: alterni interni, alterni esterni, corrispondenti, coniugati interni e infine, coniugati esterni.

36

Angoli coniugati

Gli angoli coniugati sono così chiamati, perché stanno dalla stessa parte. In figura, gli angoli 3 e 6, 4 e 5 sono coniugati o anche detti supplementari, dato che la loro somma è di 180°. Gli angoli alterni sono chiamati in questo modo, perché si trovano da parti opposte rispetto a t e sono: 3-5, 4-6, 2-8, 1-7. Le prime coppie 3-5 e 4-6 sono alterni interni; le altre due sono invece esterni. Infine le coppie 2-6, 1-5, 4-8 e 3-7 si dicono corrispondenti, perché si trovano contemporaneamente sopra o sotto la retta a (oppure b).

Continua la lettura
46

Teorema

Se invece le rette non sono parallele, le coppie di angoli uguali si identificano nel seguente teorema: due angoli costruiti l'uno sul prolungamento dei lati dell'altro, si dicono opposti al vertice e sono congruenti. Nella figura principale, si mostra tale situazione e gli angoli congruenti presentano lo stesso colore. Invece, nelle rette non parallele non c'è altra corrispondenza ed uguaglianza tra gli angoli. Concludendo, possiamo dire che il criterio di parallelismo è così formulato: due rette sono parallele se formano angoli alterni interni (o esterni) congruenti, oppure se formano angoli corrispondenti congruenti. Adesso sta a voi poter assimilare queste semplici relazioni, e sarete già a metà dell'opera, e con questi piccoli suggerimenti, sarete sicuramente in grado di risolvere la maggior parte dei problemi di geometria, anche i più ostici. Buon lavoro!

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare la distanza tra due rette parallele in un piano

La geometria è un ramo della matematica, in cui vengono studiate le figure piane geometriche oppure le figure solide e tridimensionali. Attraverso la geometria si studiano anche i perimetri, le aree e i volumi delle figure geometriche. Un altro studio...
Superiori

Come trovare la velocità massima di un'onda trasversale

Le leggi della fisica dimostrano che un'onda può propagarsi sia nel vuoto che in un mezzo fisico. Un'onda non è altro che una perturbazione che si propaga nello spazio e nel tempo. In entrambi i casi il moto dell'onda lo si può descrivere attraverso...
Superiori

Teorema sugli archi congruenti: dimostrazione

Il teorema sugli archi congruenti è un teorema che afferma che "ad archi congruenti corrispondono corde parallele". Per farne una dimostrazione abbiamo bisogno di un' ipotesi, ossia i dati forniti dallo stesso teorema e una tesi, ossia quello che va...
Superiori

Teorema degli angoli opposti al vertice: dimostrazione

Per superare un test di matematica occorre studiare bene le regole. Nel caso del teorema degli angoli opposti al vertice spiegheremo la dimostrazione. Dati due angoli opposti al vertice, i lati dell'uno sono i prolungamenti dei lati dell'altro. Da questa...
Superiori

Come dimostrare che due rette sono perpendicolari

In geometria analitica, una delle prime curve che viene trattata appena si inizia a lavorare con i piani cartesiani è la retta. La retta, ente geometrico fondamentale, è la base sia della geometria piana che dell'analisi matematica. Per affrontare,...
Superiori

Come calcolare il centro di un fascio di rette

La geometria euclidea formula una duplice definizione di "fascio di rette": "l'insieme delle infinite rette passanti per un punto fisso" oppure "l'insieme delle infinite rette parallele ad una retta data". Nel primo caso il punto fisso prende il nome...
Superiori

Come capire se due rette sono parallele tra loro

Si dicono parallele due rette che, prolungate all'infinito da entrambi i lati, non si incontrano mai. È una condizione presente molto spesso nei problemi di matematica. Spesso si chiede direttamente se le rette sono parallele, oppure questa verifica...
Superiori

Come trovare il punto di intersezione tra due rette perpendicolari

La matematica è una delle materie più complesse, gli esercizi affinché vengano fatti bene è necessario studiare la teoria, che poi collegata a tanti esercizi, quindi messa in pratica, risulterà del tutto semplice e piacevole oltre che gratificante...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.