Analisi del periodo: come procedere

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

L'italiano è sicuramente una delle lingue più difficili da imparare, poiché ci sono moltissime regole che dovremo necessariamente conoscere per riuscire a parlarla correttamente. Su internet, potremo ricercare moltissime guide, che ci spiegheranno molto semplicemente tutte le varie regole, magari con qualche piccolo esempio che ci permetterà di comprendere molto meglio l'argomento trattato. In questa guida, in particolare, vedremo come procedere per riuscire a svolgere correttamente l'analisi del periodo.

24

Innanzitutto occorre riconoscere qual è la frase principale all'interno di un periodo. Facciamo un esempio: nel periodo "Ho aperto la porta e non c'era nessuno" la preposizione principale è chiaramente la frase "Ho aperto la porta", in quanto il suo significato non dipende dalle altre preposizioni (che invece hanno il ruolo di ampliarla e renderla più chiara). Nel nostro caso, infatti la frase "e non c'era nessuno" da sola non avrebbe un significato logico ed ha quindi bisogno di una frase reggente che ne spiega il senso.

34

Va precisato, inoltre, che nell'esempio appena citato, la frase secondaria è legata alla principale da una congiunzione ("e"), che se rimossa renderebbe la frase secondaria stessa di senso compiuto e quindi una preposizione principale: "non c'era nessuno". In questo caso la frase secondaria si definisce Coordinata, da distinguere dalla Subordinata, che invece non potrebbe mai avere senso se lasciata da sola, come in questo esempio: "Ho aperto la porta perché me lo ha ordinato l'insegnante". In questo caso infatti la seconda frase "perché me lo ha chiesto l'insegnante" diventa comprensibile solo ed esclusivamente grazie alla prima frase "Ho aperto la porta".

Continua la lettura
44

A questo punto andiamo ad analizzare le varie preposizioni coordinate e subordinate che si possono trovare in un periodo. Queste infatti vengono distinte in vari gruppi o categorie a seconda del tipo di rapporto che instaurano con la principale. Si possono quindi trovare le seguenti frasi coordinate: Copulative (quando aggiungono un contenuto negativo o positivo alla frase principale attraverso le congiunzioni "e", "né", "non... Né", "né... Né"), Avversative (quando contraddicono il contenuto principale attraverso i "ma", "però", "tuttavia"), Disgiuntive (quando propongono un'alternativa alla principale con "o", "oppure"), Conclusive (quando rappresentano una deduzione logica alla principale con "quindi", "dunque", "pertanto"), Esplicativa (quando forniscono spiegazioni alla principale con "infatti", "difatti").

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Ortografia: guida all'uso delle preposizioni

La grammatica è una materia importantissima che viene insegnata a partire dalle scuole elementari fino ad arrivare alle superiori, ma nonostante ciò, ci sono molti diplomati che commettono ancora degli errori a livello di ortografia. L'ortografia è...
Elementari e Medie

Come usare le preposizioni di luogo in inglese

Le preposizioni di luogo sono delle componenti invariabili di una frase in qualsiasi lingua. La loro conoscenza e padronanza di utilizzo rientra nel programma di base per chi studia l'inglese. Infatti, esse sono fondamentali per mettere in relazione gli...
Lingue

Tedesco: i verbi reggenti preposizione

Nella lingua tedesca, la grammatica si costituisce di quattro casi: nominativo, genitivo, dativo ed accusativo. Ognuno di essi indica la specifica funzione di un vocabolo all'interno della frase. Per la costituzione dei complementi, il tedesco sfrutta...
Elementari e Medie

Come Usare Le Preposizioni Di Tempo In Inglese

In inglese, le preposizioni di tempo esprimono un azione compiuta. Per poterle utilizzare correttamente, è necessario conoscere alcune particolari regole grammaticali. A tale proposito ecco una guida, in cui viene spiegato come imparare velocemente l'uso...
Lingue

Tedesco: le preposizioni che reggono il dativo

Le preposizioni in tedesco hanno un utilizzo differente dall'italiano, a partire dalla presenza di tre casi. Queste infatti vengono divise in gruppi in base al caso che reggono, cioè con cosa si abbinano. Le principali preposizioni che reggono solo...
Lingue

Come usare col dativo le preposizioni tedesche

Studiare le lingue è un modo utile per passare il tempo e per comprendere lo stile di vita di popolazioni differenti. Le lingue sono tantissime, ma per tutte all'inizio bisogna imparare le regole fondamentali. Le preposizioni rappresentano una parte...
Lingue

Come usare le preposizioni in Spagnolo

Imparare una nuova lingua non è mai un'impresa molto facile, perché dovremo necessariamente studiare ed imparare tutte le varie regole grammaticali per riuscire a parlarla correttamente. Per fare ciò potremo seguire degli appositi corsi a pagamento,...
Elementari e Medie

Come riconoscere il complemento di specificazione e di denominazione

Le frasi sono composte da più componenti ed è attraverso l' analisi logica che è possibile individuare la loro funzione all' interno della frase stessa. I primi elementi da individuare in una frase sono: soggetto, predicato verbale o nominale, (a...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.