Analisi de La pioggia nel pineto di D'Annunzio

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

"La pioggia nel pineto" è una delle poesie simbolo di Gabriele D'Annunzio poiché si può ammirare tutto il suo virtuosismo stilistico e l'attenzione per la sonorità dei versi. Scritta nell'estate del 1902, fa parte della collezione denominata "Alcyone". Quest'opera viene lodata dalla critica e spesso decantata per la sua incredibile musicalità. Il seguito si andrà a svolgere un'analisi de "La pioggia nel pineto" di D'Annunzio.

27

Occorrente

  • Conoscenza dell'ideologia di D'Annunzio e del contesto storico
37

Contesto letterario

"La pioggia nel pineto" è contenuta nel libro "Alcyone" il quale fa parte di un progetto molto più ampio, ovvero una raccolta di sette libri denominata "Laudi del cielo del mare della terra e degli eroi" (comunemente abbreviata in "Laudi") la quale iniziò nei primissimi anni del 900 e, però, non venne mai ultimata, fermandosi al quarto, più un quinto pubblicato dopo la morte del poeta."Alcyone" è il terzo libro di questa raccolta, pubblicato nel 1903, comprende 88 componimenti che raccolgono un'ideologica vacanza estiva nei territori cari a D'Annunzio. In questo libro il tema del supeomismo viene messo in ombra dal panismo, ovvero la fusione dell'Io con il Tutto (dal greco, "pan"=tutto): si ha una fusione della persona con la natura, in una sorta di evasione mista a contemplazione dove anche il Tempo assume un importanza rilevante. Secondo la critica questo libro risulta la vera espressione della poesia "pura", nonché una delle migliori opere del poeta.

47

La poesia

La poesia è composta da 4 strofe di 32 versi liberi, con rime e assonanze a ricorrenza irregolare. Il poeta si riferisce ad una donna, la quale viene denominata Ermione, nome ereditato dalla mitologia greca, e, con la quale, subisce una trasformazione in creature silvestri. La successiva pioggia rinfresca l'anime della coppia e genera nuovi pensieri, inoltre genera un suono musicale incessante che accompagna la loro trasformazione mentre il poeta la invita ad udire ogni sfaccettatura mantenendo il più totale silenzio. In questo gioco di suoni generati dalle varie piante si intromette il verso delle cicale, non fastidio bensì in armonia con l'ambiente, che, a poco a poco, viene coperto dal crescente "pianto celeste". La pioggia scorre sul volto di Ermione che pare pianga di gioia, e, al contempo, ricopre anche D'Annunzio stesso che, correndo tra la vegetazione assieme alla ragazza, si intrecciano con gli arbusti, le piante e le foglie. Ma bisogna sottolineare come il poeta veda l'amore come una bella illusione di piena felicità e quindi non prova un legame per la bella Ermione.

Continua la lettura
57

Analisi

Il tema principale di quest'opera è il panismo, la metamorfosi dell'uomo che si unisce al Tutto, alla natura, e nell'insieme fa parte dell'armonia che costituisce questo stato idilliaco di perfezione vegetale. Allo stesso modo, l'apparizione di Ermione si può ricondurre alla natura stessa, come le ninfe che appaiono dagli alberi. Infine, nelle ultime righe, si ha una totale identificazione tra uomo e natura con le similitudini eloquenti. In tutto ciò, la pioggia funge da sostanza purificatrice ed ispiratrice, inoltre la musica che scaturisce dal suo impatto con la vegetazione ricorda quella espressa tramite i versi, in un virtuosismo fenomenale che collega la poetica al tema in modo perfetto. Tutto ciò è ottenuto grazie ad una metrica completamente libera, con metri molto frammentati e di diversa lunghezza, rime senza schema fisso e modulazione fonica data da timbri chiari delle /a/ contrapposti a quelli cupi delle /o/. Infine si ha un vasto uso di figure retoriche, tra queste l'anafora, l'epifora, l'alliterazione e la ripetizione.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Si consiglia, prima di passare all'analisi del testo, di ascoltare la lettura della poesia per assaporare la cura musicale.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Analisi dei personaggi de "I promessi sposi"

"I promessi sposi", classico della letteratura italiana di Alessandro Manzoni, a distanza di tanto tempo, suscita l'interesse di tutti. Tanto che ne esistono delle versioni cinematografiche, riproposte ancora oggi in TV. La trama è più o meno nota a...
Superiori

Breve analisi de "Il gelsomino notturno" di Pascoli

Nato a San Mauro Pascoli nel 1855 (dal 1932 il nome del paese fu cambiato proprio in suo onore), Giovanni Pascoli fu inizialmente influenzato dalle teorie positivistiche ed edonistiche di D'Annunzio, da cui però si scostò ben presto per approcciarsi...
Superiori

Breve analisi de "Il nome della rosa"

Questo noto romanzo, scritto da Umberto Eco e pubblicato nel 1980, è considerato uno dei più grandi capolavori della letteratura italiana. Molti film si sono ispirati infatti a questa grande opera d'arte, espandendo ancor di più la conoscenza del...
Superiori

Breve analisi de "I Malavoglia" di Verga

"I Malavoglia" è una delle opere maggiori di Giovanni Verga, uno dei maestri della narrativa novecentesca. Il romanzo è tutto imperniato sulla storia di una famiglia di pescatori siciliani, i Toscano (chiamati in paese "Malavoglia", da qui il titolo),...
Superiori

Analisi de "Il sabato del villaggio" di Leopardi

"Il sabato del villaggio" è una delle liriche più famose di Giacomo Leopardi. Composta nel 1829 a Recanati, è raccolta nei "Canti". La sua forma metrica è quella della canzone libera, costituita da quattro strofe di settenari ed endecasillabi alternati...
Superiori

Gabriele D'Annunzio: appunti su Alcyone

"Laudi del cielo, del mare, della terra e degli eroi" è il titolo che Gabriele D'Annunzio scelse per la raccolta poetica della maturità, raccolta nella quale erano racchiuse celebrazioni della natura, della vita panica e dell'eroismo, quest'ultimo esasperato...
Superiori

Analisi del "De rerum natura" di Lucrezio

Lucrezio è una dei più famosi ed importanti poeti della letteratura latina. Oggi è universalmente riconosciuto come il primo poeta laico della nostra civiltà. Una delle sue opere più conosciute è il De rerum natura, trattato epico-filosofico nel...
Superiori

Breve analisi di "De Bello Gallico" di Giulio Cesare

Fra il 58 ed il 50 a. C. Giulio Cesare compose una delle sue opere più importanti: i "Commentarii De Bello Gallico". Sette libri, nei quali vengono narrati, secondo lo stile tipico dei "Commentari", gli eventi salienti di ogni battaglia durante la conquista...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.