Analisi de "Il sabato del villaggio" di Leopardi

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

"Il sabato del villaggio" è una delle liriche più famose di Giacomo Leopardi. Composta nel 1829 a Recanati, è raccolta nei "Canti". La sua forma metrica è quella della canzone libera, costituita da quattro strofe di settenari ed endecasillabi alternati e rimati. Il tema de "Il sabato del villaggio" di Leopardi è quello della felicità che viene generata dall'attesa di qualcosa di futuro, che però alla fine si rivela ingannevole e fugace. Ecco di seguito una breve analisi de "il sabato del villaggio" di Leopardi.

24

La prima parte della lirica è occupata dalla descrizione della natura con una breve galleria di figure umane. La prima è la donzelletta, che torna dai campi con l'erba e i fiori e poi troviamo la vecchiarella, che ricorda le feste giovanili con un sentimento magico e favoloso. Tra la donezzelletta e la vecchiarella c'è un parallelismo, ossia gli atti della prima sembrano accendere la nostalgia della seconda. Per sottolineare la somiglianza tra le due figure, Leopardi le indica entrambe con un diminutivo ed usa le stesse forme verbali in riferimento all'una e all'altra. In questo modo riesce ad evidenziare la fugacità della vita e lo scorrere del tempo.

34

Segue la descrizione del villaggio all'imbrunire. Sono quindi presentati i personaggi ossia i bambini che, correndo e saltando, sono i primi a gioire della festa tanto attesa, lo zappatore che torna fischiando a casa, l'artigiano che continua a lavorare nella sua bottega di notte in modo da terminare prima che cominci il giorno di festa. Nelle coppie dei personaggi è evidente la contrapposizione (la giovane alla vecchia, dai bambini all'uomo maturo) e insieme la simmetria.
A questo punto de "il sabato del villaggio" interviene Leopardi con una triste affermazione: Tutta questa felicità generata dell'attesa della domenica, che è il più gradito dei sette giorni della settimana, finirà presto, lasciando il posto alla tristezza, alla noia e alla rassegnazione di dover tornare presto al proprio lavoro e alla quotidianità.

Continua la lettura
44

La conclusione finale del "sabato del villaggio" di Leopardi è rivolta al “garzoncello scherzoso” la quale figura rappresenta l'impazienza da parte dei giovani rispetto a coloro che giovani non lo sono più. Questa rappresentazione viene espressa da Leopardi nella forma di un'amorevole insegnamento, senza toni polemici e critiche contro la natura, la quale non turba l'incanto della poesia. Il "sabato del villaggio" termina con Leopardi che invita il lettore ad una riflessione, esortando il bambino a godere della sua età.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Analisi de "La ginestra" di Leopardi

Giacomo Leopardi, poeta che vive lo spirito romantico di quell'epoca storica che traccia i suoi avvenimenti tra il 1798, data della sua nascita, e il 1837, data della sua morte. Giacomo Leopardi inizia la sua produzione poetica con una serie di Canzoni...
Superiori

Letteratura italiana: il realismo dell' Ottocento

Nella letteratura italiana, l'Ottocento rappresenta un periodo di notevole interesse. La produzione letteraria conosce il realismo ed il verismo. Queste correnti nascono dalla degenerazione del primo Romanticismo. Dopo l'Unità, si diffondono idee positivistiche....
Superiori

Appunti sulle Operette morali di Leopardi

Giacomo Leopardi nato a Recanati il 29 giugno del 1798, è stato uno scrittore, filologo, poeta, filosofo italiano.È uno dei poeti maggiori dell'Ottocento in Italia e tra le figure più importanti della letteratura mondiale. Giacomo Leopardi è diventato...
Superiori

A Silvia di Giacomo Leopardi: commento e analisi

Commento e analisi della poesia "A Silvia". Giacomo Leopardi, scrivendo da Pisa alla sorella Paolina il 2 maggio 1828, le annunciava di aver fatto dei versi "all'antica e con quel suo cuore di una volta", dopo sei anni di silenzio poetico pressoché totale....
Superiori

Il pessimismo cosmico di Leopardi

Il pessimismo è l'aspetto che caratterizza tutta l'opera di Leopardi, assumendo nel tempo connotazioni differenti. In particolare sono distinguibili tre grandi fasi: una fase di pessimismo individuale, una fase di pessimismo storico e una fase di pessimismo...
Superiori

"Gli idilli" di Leopardi in pillole

Senza ombra di dubbio Giacomo Leopardi è uno degli scrittori o poeti più studiati e più conosciuti di Italia. Molte delle sue opere sono entrate di diritto nella storia della prosa; le sue tematiche dettate dal disagio che provava verso se stesso,...
Superiori

Lo Zibaldone di Leopardi: riassunto

All'interno della presente guida, andremo a parlare di Giacomo Leopardi. Nello specifico, come avrete già potuto scoprire attraverso la semplicissima lettura del titolo stesso della guida, ora andremo a spiegarvi Lo Zibaldone di Leopardi: riassunto.Giacomo...
Superiori

Breve analisi de "L'Infinito di Leopardi"

Giacomo Leopardi nacque a Recanati dal conte Monaldo e dalla marchesa Adelaide Antici. La madre di Leopardi fu una donna piena di vigore ed energia, e dal carattere austero, nonostante questo, la madre manifestò dolcezza, tenerezza e un profondo affetto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.