A Zacinto di Ugo Foscolo: commento e analisi

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Uno dei sonetti più importanti e celebri dell'età dell'Ottocento è sicuramente "A Zacinto". Scritto da Ugo Foscolo, ha da subito riscontrato un notevole successo divenendo ai giorni nostri, una vera opera di notevole valore e rilevanza della classica letteraria italiana. L'autore italiano, deve la sua popolarità grazie alla stesura di un vero capolavoro: " Le ultime lettere di Jacopo Ortis", che fu il primo romanzo epistolare in lingua italiana. La guida che segue, si occuperà di effettuare una analisi accurata ed un completo commento su Zacinto di Ugo Foscolo. Questa poesia presenta una struttura metrica che divide l'opera in due quartine e due terzine, ottenendo una sommatoria di 12 versi venendo pertanto definito come sonetto!

24

Omaggio alla patria

" A Zacinto", rappresenta un vero e proprio omaggio alla patria di origine dell'autore. Si tratta infatti della città Greca, che rappresenta l'attuale Zante, nonché la patria del Foscolo. Nella frase: " Né più mai toccherò le sacre sponde", possiamo trarre l'invocazione di rimpianto del poeta che, trovatosi in esilio, non può più fare ritorno in Grecia. Estremamente legato alla sua terra, Uso Foscolo ricorda l'infanzia trascorsa ed i bei tempi sereni. Analizzando l'espressione "ove il mio corpo... Giacque" risulta palpabile il legame con la Grecia dovuto in primo luogo per enfatizzarne la cultura. Infatti il poeta scrive:"... Da cui vergine nacque Venere, e fea quelle isole feconde col suo primo sorriso". Questo è un esplicito riferimento mitologico a Venere, il cui nome latino risulta essere ciò che equivale al nome greco con cui fa riferimento ad Afrodite, la dea della vita, della sensualità, che per tradizione era nata in mare, "dal greco mar".

34

L'esilio di Ulisse

Inoltre, Foscolo fa riferimento ad Omero nei seguenti versi: "colui che non seppe tacere (non tacque) con il suo verso ma anzi cantò le acque fatali del mare greco, quel mare che fu teatro di disaccordi e di esili." E dopo qualche verso, fa anche riferimento all'esilio di Ulisse che però, a differenza del poeta avrà la possibilità e modo di far ritorno nella città di Itaca. Per tale raggione, i rispettivi esili dei due personaggi sono differenziati nel finale. Infatti, il poeta non avrà più la fortuna di rientrare nella sua città natale, Zante, come preannunciato nei primi versi del sonetto.

Continua la lettura
44

Versi conclusivi

Fino alla fine dell'opera, il poeta sottolinea l'espressione di questo "non ritorno". E nei versi conclusivi del sonetto, Foscolo si rivolge ancora a Zacinto, che viene dunque personificata, e prosegue: "tu, materna mia terra, non avrai altro che il mio canto perché a noi, il fato ha prescritto una sepoltura illacrimata". Da qui, si trae il grande rammarico e la disperazione dovuta al fatto che la sua terra, non potrà aver altro che il canto del figlio, vista la sua impossibilità di ritorno, dato che, il destino gli ha già scritto una morte che non verrà pianta da nessuno. Si tratta di un opera estremamente carica di sentimento ed amore per la propria patria ed il grande risentimento per non poterne fare ritorno!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Breve analisi di "Alla Sera" di Foscolo

In questa guida ci occuperemo di uno dei più importanti sonetti di Ugo Foscolo: questo sonetto è formato da due quartine e due terzine. Il sonetto fu pubblicato all'inizio dell'ottocento, nello specifico, nel 1803 e composto pochi mesi prima. Fu scritta...
Superiori

Ugo Foscolo: I Sepolcri

La letteratura italiana del periodo che va dal Settecento all'Ottocento vede il suo massimo esponente in Ugo Foscolo. Il poeta di Zante scrisse numerose opere, in particolare cermi. La poesia "Dei Sepolcri" è una delle più famose e venne pubblicata...
Superiori

Il 5 maggio: analisi e commento

Alessandro Manzoni fu uno dei più grandi esponenti del romanticismo. Tra i testi più importanti dell'autore, si annovera senza dubbio la poesia lirica "il 5 Maggio". Questa ode venne scritta da Manzoni in seguito alla notizia della morte di Napoleone...
Superiori

A Silvia di Giacomo Leopardi: commento e analisi

Commento e analisi della poesia "A Silvia". Giacomo Leopardi, scrivendo da Pisa alla sorella Paolina il 2 maggio 1828, le annunciava di aver fatto dei versi "all'antica e con quel suo cuore di una volta", dopo sei anni di silenzio poetico pressoché totale....
Superiori

"Le Odi" di Foscolo in breve

Molte volte soprattutto durante il periodo scolastico, ci troviamo a dover studiare i grandi poeti del passato e le loro opere. Spesso può risultare difficile capire il significato delle loro poesie per cui potremo cercare aiuto online, dove troveremo...
Superiori

Gelsomino notturno di Pascoli: commento e analisi

Pochi poeti come Giovanni Pascoli sono stati in grado di tracciare un solco tanto profondo nella letteratura italiana: definito da molti come il "poeta del Nido", Pascoli è stato il più squisito esempio della poesia simbolista italiana, dando il "la"...
Superiori

Commento e analisi di "Canto notturno" di Leopardi

Il "Canto notturno di un pastore errante dell'Asia" è considerato l'ultimo del filone dei canti pisano-recanatesi, composto tra l'ottobre del 1829 e l'aprile del 1830. Esso rappresenta uno dei momenti chiave dello sviluppo del pensiero di leopardi. Rimaniamo...
Superiori

Come fare il commento di una poesia

Molto spesso in ambito universitario o scolastico ci possiamo imbattere nell'analisi delle poesie. La poesia è una forma d'arte letteraria che produce un componimento fatto di versi strutturate e organizzate sulla base di particolari e specifiche leggi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.