7 frasi tipiche di Orazio

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Orazio è stato un poeta romano vissuto tra il 65 a. C. e il 27 a. C. È considerato uno dei maggiori compositori dell'età antica. È famoso per la sua eleganza stilistica e per l'ironia che caratterizzava tutti i suoi scritti: era infatti un seguace della filosofia epicurea, secondo la quale il piacere è l'elemento centrale della nostra esistenza.
Ci sono pervenuti molti suoi aforismi e frasi celebri, che affrontano la vita e le sue vicissitudini con leggerezza e semplicità. Ecco a voi una lista di 7 sue frasi tipiche.

28

Est modus in rebus

La prima delle 7 frasi tipiche è proprio questa, "est modus in rebus", la cui traduzione italiana è "c'è una giusta misura nelle cose". Fa parte della satira I ed esprime la necessità dell'utilizzo di una moderazione in tutte le faccende della vita, sia nel quotidiano delle giornate sia nelle attività pubbliche.

38

Carpe diem

Questo è un famosissimo aforisma di Orazio. Il "carpe diem" ha dato ispirazione ad una grande quantità di letteratura moderna e contemporanea, nonché al film americano "L'attimo fuggente".
"Dum loquimur fugerit invidia aetas: carpe diem, quam minimum credula postero": questa è la locuzione latina, il cui significato è "mentre parliamo, il tempo invidioso sarà già fuggito: cogli l'attimo, fiduciosa il meno possibile nel futuro."
Il poeta dunque ci esorta a non preoccuparci delle cose future, ma a concentrarci sul giorno presente, che presto se ne andrà.

Continua la lettura
48

Dum vitant stulti vitia, in cuntraria currunt

Questa locuzione latina è traducibile così: "per evitare un difetto, gli stolti cadono nel difetto contrario". Orazio la scrisse nelle Satire. Il suo intento era quello di far notare che le persone dotate di poca intelligenza tentano inutilmente di sfuggire ad un difetto, poiché incappano nel difetto opposto.

58

Aut prodesse volunt aut delectare poetae

"I poeti vogliono o giovare o divertire". Così si traduce questo tipico aforisma. Esso è diretto stavolta agli stessi poeti. Orazio ci dice che coloro che scrivono, come lui, non hanno altro intento se non quello di rallegrare l'anima ai lettori. Anche questa è una delle sue 7 frasi tipiche.

68

Aut insanit homo, aut versus facit

Anche con questa frase Orazio si rivolge agli scrittori e ai poeti: dice infatti che "l'uomo o impazzisce o scrive versi", offrendo la scrittura come unica via di fuga dalla vita quotidiana degli uomini, che talvolta può farli impazzire per la sua banalità.

78

Frangar, non flectar

Altro aforisma oggi molto celebre è il seguente: "mi spezzo, ma non mi piego". Dunque le avversità della vita potranno certamente colpirmi e spezzarmi, ma mai mi piegherò ad un volere diverso dal mio. Per Orazio dunque la propria capacità di giudizio e la propria volontà sono più importanti di qualsiasi altra cosa.

88

Dimidium facti qui coepit habet

"Cominciare è già metà dell'opera": aforisma famosissimo usato anche nel quotidiano delle nostre giornate, che ci sprona a non sprecare il nostro tempo e a non rimandare ciò che potremmo fare subito. Orazio è sempre pronto a ricordarci come vivere al meglio e con semplicità la nostra esistenza.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come costruire le frasi scisse

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori che sono degli studenti, a capire come poter costruire una frase scissa, nella maniera più corretta possibile. Cercheremo di eseguire il tutto seguendo le regole della grammatica italiana e senza...
Superiori

Le 5 frasi da non dire mai prima di un'interrogazione

Il periodo scolastico è uno dei più belli e al contempo più brutti della vita di ogni persona. Durante questo periodo ci si può godere la spensieratezza della giovinezza. Sicuramente molti di noi hanno passato molto tempo sui libri, cercando di prepararsi...
Superiori

7 motivi per scegliere di studiare greco antico

In tutte le scuole del mondo, ormai, si studia una seconda lingua straniera, come inglese o spagnolo o francese. Nei licei classici, invece, si studiano anche il latino e il greco antico. Molti ragazzi apprezzano questa lingua e la studiano con piacere,...
Superiori

Come tradurre al meglio le versioni di latino

La lingua latina è sostanzialmente diversa dall'italiano, soprattutto per quanto riguarda la sintassi.L'attività di traduzione da un linguaggio all'altro implica conoscenze lessicali, morfologiche, idiomatiche e sintattiche che a livello scolastico...
Superiori

Come Individuare Una Metonimia

Lo studio delle figure retoriche a volte può in un certo qual modo nascondere non pochi ostacoli, Infatti non è inusuale confonderle. A tal proposito occorre studiare approfonditamente per poter essere padroni dell'argomento e soprattutto essere in...
Superiori

Guida alla cultura degli antichi Romani

La cultura degli antichi romani fu ricca e variegata, ed ha influenzato le nostre moderne attitudini molto più di quanto si possa credere. Vedremo quali, in questa guida. Innanzitutto partiamo da un'affermazione di Orazio, che ha stigmatizzato il rapporto...
Superiori

Latino e greco: la costruzione della frase

All'interno di questa guida, andremo a dedicarci al greco ed al latino. Nello specifico, in questo determinato caso, ci occuperemo della costruzione della frase in queste due lingue. Quali sono le regole che stanno alla base della costruzione delle frasi...
Superiori

Come scrivere i dialoghi in una storia

Un testo narrativo di elevata qualità costituisce un insieme fluido e omogeneo di parti varie quali dialoghi, descrizioni, narrazioni, legate dall'intreccio. Scrivere i dialoghi di una storia vuol dire interrompere il flusso del racconto per apportare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.