5 regole per non sbagliare il congiuntivo

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Come voi lettori e lettrici ben saprete, uno dei tempi verbali più complessi da imparare è certamente il congiuntivo. Il congiuntivo è un modo verbale che indica eventi non oggettivi, surreali, insicuri o non rilevanti Il congiuntivo (non solo per i più piccoli, ma anche per molti adulti!) è un tempo verbale decisamente "ostile", che non sempre è facile da riconoscere o da utilizzare correttamente. Soprattutto, è difficile coniugare sempre nel modo giusto i verbi al congiuntivo. Per questo motivo ho deciso di scrivere questa semplice e breve (ma allo stesso tempo interessante e, spero, utile) lista nella quale andrò ad inserire 5 semplici regole per non sbagliare il congiuntivo. Buona lettura!

26

Conoscere l'uso dei tempi

Innanzitutto dovete sempre ricordare a quali tempi possiamo usare il congiuntivo. I tempi ai quali possiamo utilizzare il congiuntivo sono i seguenti: il tempo "presente", cioè quello che indica una possibilità in dipendenza di un verbo presente o futuro ("che io arrivi"). Il tempo "imperfetto": che indica una possibilità in dipendenza da un verbo al passato o condizionale ("che io arrivassi"). Il tempo passato, che indica una possibilità che dipende da un verbo presente o futuro (può essersi già realizzata ("che io sia arrivato"). Infine, il tempo "tra-passato", che ci indica una possibilità, che ancora non è stata verificata, in dipendenza solamente da un verbo passato ("che io fossi arrivato").

36

Usare il congiuntivo quando c'è dubbio

Nelle frasi di dubbio, va sempre (sempre!) utilizzato il congiuntivo! Facciamo qualche esempio: "se andassi a giocare ora, non avrei tempo per studiare, o forse sì?". O ancora: "se domani piovesse, potremmo comunque vederci per fare una passeggiata?". Infine: "chi mi ha scritto? Che sia stato Luigi?".

Continua la lettura
46

Usare il congiuntivo nei "comandi"

Quando usiamo il "lei di cortesia" per fare dei comandi o degli ordini, allora è sempre corretto sfruttare il congiuntivo. Facciamo degli esempi: "Professoressa, mi faccia andare in bagno!". Oppure: "Dottore, per favore, mi faccia parlare con un suo collega!".

56

Ricordare le espressioni che richiedono il congiuntivo

Ci sono delle espressioni verbali le quali, seguite dalla congiunzione "che", devono essere sempre e comunque seguite dal modo verbale congiuntivo: sono delle espressioni facili da ricordare poiché nel parlato quotidiano le utilizziamo piuttosto frequentemente. Potete trovare moltissimi esempi a questo indirizzo link.

66

Non confondere il congiuntivo con l'indicativo imperfetto

L'errore più grave (ma, ahimè, più comune!) è certamente quello di confondere il congiuntivo con l'indicativo imperfetto e, dunque, compiere un errore gravissimo dal punto di vista grammaticale. Vediamo un esempio di frase scorretta: "Non pensavo che oggi c'era la verifica di inglese", abbiamo usato l'imperfetto e ciò è SCORRETTO. La frase CORRETTA è la seguente: "Non pensavo che oggi ci fosse la verifica di inglese".

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Regole per l'uso del congiuntivo

La lingua italiana è tra le più affascinanti e complesse del mondo. La sua grammatica è ricca di regole e le forme verbali presentano molti modi e tempi. Apprendere queste regole è fondamentale per comunicare con un buon italiano. Tuttavia troppo...
Elementari e Medie

Grammatica: l'uso del congiuntivo

La grammatica italiana, presenta numerose sfaccettature e regole ben precise. Per tale ragione essere in grado di scriverla e parlarla in modo corretto, specialmente per persone di lingua diversa, non è un impresa molto semplice! In questa breve guida,...
Elementari e Medie

Come fare per non sbagliare la concordanza dei verbi

Spesso ci capita, anche involontariamente, di ascoltare i discorsi delle persone che incontriamo quando andiamo a fare la spesa, al pub e alla televisione. Non vi è mai capitato di pensare "ma come parla questa persona?". Personalmente l'ho pensato spesso...
Elementari e Medie

Come fare a non sbagliare la coniugazione dei verbi

La lingua italiana risulta essere una delle più complicate tra quelle parlate in tutto quanto il mondo. La sua grammatica, infatti, non è sicuramente semplice e molte sono le persone che sono portate a sbagliare, compresi diversi madrelingua. In questa...
Elementari e Medie

5 trucchi per non sbagliare le doppie

Se avete problemi nel riconoscere e scandire le consonanti doppie, non temete! Nei passi che seguono, vi indicheremo alcuni semplici trucchi per non sbagliare. Prima di tutto, dovete apprendere correttamente alcune regole grammaticali. Imparate a memoria...
Elementari e Medie

5 dritte per non sbagliare la concordanza dei verbi

Spesso si sente dire che la nostra lingua è una delle più complete ma anche complesse. Questo è vero, e rappresenta anche il motivo del fatto che molte persone, seppur ben istruite, non riescano a concordare correttamente i verbi. Sbagliare la concordanza...
Elementari e Medie

Come coniugare i congiuntivi in italiano

La grammatica italiana si compone di diverse regole ed eccezioni. Lingua neolatina conta svariati tempi e modi verbali. Il primo approccio all'italiano sarà sicuramente traumatico, specie con il congiuntivo, difficile da coniugare anche per i madrelingua....
Elementari e Medie

10 regole per parlare bene l'italiano

Si possono fare tante affermazioni sulla lingua italiana: è poetica, è ricca di vocaboli, è interessante, è composta, è antica e bella. Ma non si può sicuramente affermare che l'italiano sia una lingua semplice: tutt'altro. Infatti, nonostante sia...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.