5 metodi per valorizzare la tesina scritta

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Gli esami di maturità sono sempre fonte di ansia e stress per tutti gli studenti che si accingono a concludere il loro percorso scolastico. In particolare, ciò che preoccupa di più sono le prove orali, poiché bisognerà affrontare faccia a faccia tutti i professori della commissione. È quindi importante prepararsi bene su tutti gli argomenti trattati nel corso dell'anno, ma altrettanto importante sarà presentare una buona tesina. Infatti, fare una bella impressione ai professori vi garantirà un buon risultato! La tesina deve essere originale e deve saper sorprendere i docenti anche a livello visivo. Vediamo allora 5 metodi per valorizzare la tesina scritta!

26

La copertina

Anche se si dice che non si giudica un libro dalla copertina, nel caso della tesina le cose non vanno allo stesso modo. Infatti, molti professori tendono a giudicare un lavoro basandosi su ciò che vedono alla prima occhiata. Per questo motivo, la scelta della copertina è un fattore molto importante! Innanzitutto, scrivete l'intestazione utilizzando una scrittura che sia chiara e leggibile. Dopodiché, bisogna scegliere il colore della copertina e un'eventuale immagine da inserire. Potete scegliere la tinta in base all'argomento trattato. Per esempio, se si tratta di un argomento molto serio, potete usare il bianco. Allo stesso modo, anche l'immagine deve ben collegarsi all'argomento centrale. Per esempio, se si sta parlando del tema della solitudine, una bella immagine evocativa potrebbe essere quella di un uomo seduto su una barca, solo in mezzo all'oceano.

36

L'introduzione

Il secondo metodo per valorizzare la tesina è l'introduzione. Molti professori, infatti, tendono a leggere soltanto quella, per avere un'idea di tutto il lavoro. Per scrivere un'introduzione efficace, bisogna seguire dei semplici criteri. Prima di tutto, non deve essere troppo lunga, altrimenti annoierebbe il lettore. In secondo luogo, deve essere capace di esprimere sinteticamente tutti gli argomenti che sono stati affrontati. Cominciate quindi a spiegare brevemente l'argomento centrale, poi il motivo per cui l'avete scelto e, infine, gli altri argomenti. Inoltre, cercate di rendere ben evidenti i collegamenti tra tutti gli argomenti e le materie. Per rendere l'introduzione ancora più accattivante, iniziate con la citazione di un autore, che ben si sposa con la tematica centrale.

Continua la lettura
46

L'impaginazione

Un altro metodo per valorizzare la tesina è l'impaginazione. Infatti, questo è uno dei primi fattori che spicca a livello visivo. Partiamo dal carattere: sceglietene uno che sia facilmente leggibile e comprensibile. I classici Times New Roman e Arial vanno più che bene, ma se volete dare un tocco più creativo e personale alla tesina, optate per altri font, come Book Antiqua, Century e Georgia. L'importante è che non siano troppo stravaganti, altrimenti i professori potrebbero infastidirsi. Dopo aver scelto il carattere, bisogna deciderne la dimensione. È consigliabile una dimensione di 16-18 pt per il titolo dei paragrafi, mentre 14 pt per il testo scritto. Infine, se volete dare un aspetto più elegante e ordinato alle pagine, giustificate il testo e utilizzate un'interlinea di 1,5.

56

Le immagini

Le immagini sono un altro fattore da non trascurare. I commissari, piuttosto che leggere tutta la vostra tesina, la sfoglieranno per dare un'occhiata generale. La presenza di immagini sicuramente attirerà subito la loro attenzione e arricchirà anche il vostro lavoro, rendendolo più intrigante e piacevole alla vista. Fate però attenzione a non eccedere: troppe immagini renderanno la tesina troppo pacchiana. Scegliete delle immagini originali e capaci di evocare immediatamente l'argomento a cui si riferiscono. Inoltre, devono essere nitide e di una dimensione sufficiente per poter essere osservate senza affaticare la vista. Infine, è bene alternare immagini molto colorate e immagini che lo sono meno, per equilibrare il testo.

66

I grafici

L'ultimo metodo per valorizzare la vostra tesina è quello di inserire grafici e tabelle. Così come le immagini, anche i grafici hanno la capacità di catturare l'attenzione dei professori. Inoltre, conferiscono maggiore serietà alla tesina e rendono più comprensibile il testo. In particolare, sono più apprezzati i grafici e le tabelle che sono stati creati dallo studente stesso, per esempio tramite Word o Excel. Se invece si tratta di grafici presi da altri lavori, bisogna specificarne la fonte. Inoltre, devono essere tutti numerati in ordine progressivo e devono avere la stessa risoluzione. Un altro accorgimento da seguire è quello di inserire il titolo sopra il grafico stesso. Per ultimo, ricordate che essi devono sempre essere citati all'interno del testo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Maturità

Come strutturare la tesina

La tesina rappresenta un lavoro di approfondimento su uno o più argomenti appresi dallo studente che la effettua nel corso dell'anno scolastico. Solitamente viene utilizzata nel corso di prove d'esame, per meglio caratterizzare il lavoro dello studente....
Maturità

5 errori da non fare nella stesura della tesina

La tesina scolastica è un lavoro molto importante, per dimostrare agli insegnanti la propria competenza e la propria capacità nel collegare tutti gli argomenti e le materie scolastiche tra loro. Per eseguire una buona tesina, bisogna impegnarsi molto...
Maturità

Come fare una tesina sulla Seconda Guerra Mondiale

Con l'approssimarsi della fine dell'anno scolastico si avvicina anche il tempo della stesura delle tesine per il conseguimento del diploma di maturità, al termine di un lungo percorso iniziato al termine della frequentazione triennale delle scuole medie....
Maturità

Tesina d'esame: come impressionare la commissione

La tesina d'esame è uno degli elementi più importanti nella preparazione dell'esame di maturità, dal momento che è fondamentale per la riuscita complessiva dell'impresa. L'importante è partire con il piede giusto al colloquio. Presentando così,...
Maturità

Come collegare tutte le materie della tesina

In questa guida vi spiegherò come collegare tutte le materie della tesina. Infatti, si dà il caso, che quando si deve affrontare l'ultimo esame scolastico, succede questo. Che sia licenza media o diploma, bisogna portare una tesina. In questa tesina...
Maturità

Come collegare gli argomenti della propria tesina di maturità

Come tutti voi lettori e lettrici ben saprete, la tesina di maturità è un passo fondamentale per uno studente che sta per concludere, una volta per tutte, il ciclo della scuola superiore. La tesina di maturità è un vero e proprio resoconto importante...
Maturità

Come iniziare la tesina di maturità

Tutti quanti prima o poi abbiamo a che fare con il tanto temuto esame di maturita', che decreta la fine di un periodo di studi forzato, e non sempre amato dagli studenti. Infatti molti non vedono l'ora di finire per poter iniziare qualcosa che piace di...
Maturità

Come presentare la propria tesina

Il pensiero di come presentare la tesina ti tormenta? Non sai da dove cominciare? Non preoccuparti, non sei il solo in balia di queste ansie.Per molti ragazzi il momento della maturità è tanto atteso quanto temuto. Infatti, la maturità è uno degli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.