5 consigli per aiutare il bambino a tornare a scuola

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

È bene puntualizzare che ogni soggetto, sia adulto che meno cresciuto, non sempre riesce a vivere tranquillamente e organizzare le giornate per come dovrebbe svolgerle, tanto da dover essere capito e supportato. A tal proposito sarebbe giusto studiare il suo carattere, la rispettiva fragilità e relativo vissuto e cosa questo stesso ha determinato per capire i suoi disagi, voluti sicuramente per dei turbamenti emotivi e mentali che, in ultimo hanno generato comportamenti e scelte inaspettate. È un discorso che, come scritto prima, riguarda grandi e piccini ed oggi affronteremo il problema considerando gli ultimi citati, dando almeno 5 consigli per aiutare, in particolar modo, il bambino a tornare a scuola.

26

Non aggredirlo

Considerando quel che si è scritto inizialmente, il bambino potrebbe non voler andare a scuola non tanto per far capricci, ma per dei vari fattori, quali potrebbero essere paure, ansie, inadeguatezze che hanno determinato, infine il suo comportamento e scelta inaspettata. Quel che si consiglia, prima di ogni cosa è di non aggredirlo, nella maniera più assoluta.

36

Parlargli dando fiducia e sicurezza

È bene dire che il dialogo sta alla base di ogni rapporto e che bisogna organizzarlo, giornalmente sia se le cose vanno bene che meno serene. Questo perché solo con una sana comunicazione ci si può capire e, di conseguenza aiutare a risolvere ogni tipo di problema, come quello che potrebbe avere il bambino in questione che per parlare di sè e delle sue paure, in maniera completa deve provare fiducia e sicurezza verso il suo interlocutore che, a tal proposito deve agire con molta calma, serenità e buon tatto .

Continua la lettura
46

Non farlo sentire inadeguato

È importante, durante il dialogo, che il bambino si trovi a suo agio, come si è ben delineato precedentemente, per poter tirar fuori le sue paure, ansie e quant'altro che ha scaturito il suo rifiuto di andare a scuola. Mentre si parla con lui non si deve colpevolizzare o, farlo sentire inadeguato perché potrebbe chiudersi in se stesso.

56

Confortarlo

Un bambino che non vuole andare a scuola, di sicuro, ha paura di fare nuove conoscenze, considerando i compagni e gli insegnanti o, intraprendere uno studio e di, conseguenza affrontare le interrogazioni. Ecco che bisogna confortarlo ma in modo ben dosato, vale a dire senza esagerare per evitare di compiacerlo troppo.

66

Trovare la soluzione

Dopo che si è ben parlato, senza aggredire, confortandolo, non facendolo sentire inadeguato, si consiglia, in ultimo di trovare, insieme a lui, la soluzione ed è, normale che il bambino, per aprirsi così tanto e accettare quel che si sta chiedendo e facendo per lui, deve provare, in ogni momento, sicurezza e fiducia verso chi lo sta aiutando per tornare a scuola.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Cosa fare se il tuo bambino non vuole andare a scuola

Fare i genitori è il mestiere più difficile al mondo. Bisogna incutere fiducia ai propri bambini, sin dalla nascita; se si riesce in questo sarà più facile crescere i propri figli serenamente. Se i bambini si sentiranno sicuri e protetti dai genitori...
Elementari e Medie

Come aiutare un bambino ad imparare una poesia

Imparare una poesia a memoria, è sempre un cruccio per un bambino. Non è sempre facile, per un bambino, il compito di imparare una poesia studiata a scuola. Per un bambino imparare e recitare una poesia significa mettersi in gioco e dedicare grande...
Elementari e Medie

Come Incoraggiare Il Bambino Ad Andare A Scuola

Può capitare a tutti i bambini, anche ai più grandicelli, di lasciarsi cogliere dalla pigrizia o dalla paura per un'interrogazione e, inventare pretesti per rimanere a casa. Tuttavia, se è un caso sporadico, noi genitori potremo anche essere clementi...
Elementari e Medie

Come aiutare un bambino dislessico a fare i compiti

In questo tutorial vi spiegheremo come aiutare un bambino dislessico a fare i compiti. La dislessia è un disturbo dell'apprendimento che si manifesta con la difficoltà di decifrare ed anche comprendere un testo scritto, discriminando le caratteristiche...
Elementari e Medie

5 consigli per preparare i bambini alla scuola elementare

I cambiamenti posso aiutare i nostri bambini a crescere e maturare, tuttavia essi possono anche diventare fonte di stress ed ansia. Fra i cambiamenti che tutti i bambini devo prima o poi affrontare, troviamo il passaggio dall'asilo alla scuola elementare....
Elementari e Medie

5 consigli per scegliere la scuola primaria

È tempo di iscrizioni scolastiche e tutti gli studenti con i loro rispettivi genitori sono alle prese con la compilazione delle varie domande. Tra tutti gli alunni c'è chi è già iscritto presso un edificio scolastico e quindi dovrà solo rinnovare...
Elementari e Medie

Consigli utili per chi comincia la scuola elementare

Un bambino quando raggiunge l'età sufficiente per andare alle elementari, è importante che affronti questa nuova e prima esperienza di vita in modo corretto, e possibilmente con l'aiuto dei genitori. Per ottenere subito dei buoni risultati, è fondamentale...
Elementari e Medie

10 consigli utili sull'inserimento alla scuola materna

Chiunque abbia vissuto il momento in cui un figlio piccolo è entrato nella scuola materna, sa bene che questo è un passaggio fondamentale nella vita del bambino. Come capita nella maggior parte dei casi, il bambino passa dallo svolgere una giornata...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.