5 congiunzioni coordinative per l'analisi del periodo

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le congiunzioni sono dei punti chiave per l'analisi del periodo, esse si presentano innanzitutto come parti invariabili del discorso, ciò significa che non mutano restando sempre uguali. La loro funzione principale è congiungere fra loro due o più parole o proposizioni. Possiamo distinguere le congiunzioni secondo la forma o secondo il valore, in questa seconda categoria rientrano le congiunzioni coordinative, esse congiungono fra loro parole o proposizioni indipendenti. Possono congiungere soggetti, aggettivi, avverbi, proposizioni. Vediamo ora quali sono le cinque principali.

26

Congiunzioni copulative

Le congiunzioni coordinative copulative uniscono fra loro due parole o due frasi avvicinandole. Possono essere positive o affermative come: e, pure; oppure negative come: né, neanche, neppure, nemmeno. Facciamo due esempi di frasi per capire meglio: Affermativa: Andrea e Giulia giocano insieme. Negativa: Non suono il flauto né il violino.

36

Congiunzioni disgiuntive

Le congiunzioni coordinative disgiuntive congiungono delle parole o delle proposizioni mettendole in alternativa fra loro, o escludendone una. Rientrano in questa categoria: o, oppure, ovvero, altrimenti. Facciamo degli esempi con queste congiunzioni per capire meglio. Studio prima algebra o geometria? Lara mangia la banana oppure la fragola. Come possiamo notare dagli esempi appena fatti, le due congiunzioni pongono una scelta, nel primo caso fra algebra e geometria, nel secondo caso fra banana e fragola.

Continua la lettura
46

Congiunzioni avversative

Le congiunzioni coordinative avversative congiungono due parole o due proposizioni che sono tra loro in contrapposizione, o limitano la portata della frase o della parola precedente. Esse sono: ma, tuttavia, però, anzi, eppure, nondimeno, anzi, bensì. Vediamole all'interno di una frase: Io non gioco a calcio ma a tennis (funzione di opposizione). Oggi c'è il sole ma piove (funzione limitativa). Io non bevo i succhi di frutta tuttavia non mi dispiace la spremuta d'arancia. Emma è molto bella, però è troppo vanitosa.

56

Congiunzioni conclusive

Le congiunzioni coordinative conclusive, come dice la parola stessa, uniscono due parole o due proposizioni di cui il secondo elemento è a conclusione del primo. Sono: dunque, pertanto, quindi, perciò, allora, ebbene. Vediamo qualche esempio pratico: Thomas ha adottato un cucciolo, dunque dovrà portarlo a spasso tutti i giorni. Sara ha finito i compiti, quindi può uscire. Marco ha un brutto raffreddore, perciò non ha voglia di mangiare.

66

Congiunzioni correlative

Le congiunzioni coordinative correlative uniscono due parole o due proposizioni mettendole in correlazione fra loro, cioè in corrispondenza stabilendo una relazione fra più elementi. Esse sono: e... E, sia... Sia, o... O, né... Né, non solo... Ma anche. Facciamo alcuni esempi: Stasera o mangiamo pizza o mangiamo sushi. Non andrò né in macchina né in moto. Aurora non solo va a recitazione, ma anche a danza!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Analisi logica: il periodo

La grammatica italiana è molto complessa. È ricca di regole ed eccezioni, pertanto non rientra tra le materie più apprezzate dagli studenti. L'analisi grammaticale e del periodo richiedono un'ottima conoscenza della lingua e molto studio. In realtà,...
Elementari e Medie

Come svolgere l'analisi del periodo

Il periodo si può definire come un'espressione linguistica di senso compiuto, delimitata da segni di interpretazione (punti fermi, punti interrogativi e esclamativi, punti e virgola) e costituita da due o più preposizioni. Il numero di verbi nella frase...
Elementari e Medie

Come svolgere una buona analisi grammaticale

Come posso svolgere una buona analisi grammaticale? Niente paura, l'analisi grammaticale - all'apparenza - sembrerebbe una pratica inutile, complessa e noiosa. In realtà, è l'unico procedimento che permette di riconoscere le categorie grammaticali alle...
Elementari e Medie

Grammatica: la costruzione di un periodo

Il periodo serve per comporre un discorso di senso compiuto: si articola con delle frasi, al termine del quale troviamo un segno di punteggiatura. Il periodo ha le seguenti caratteristiche: è formato da tante frasi quanti sono i predicati verbali o nominali...
Elementari e Medie

Come fare l'analisi grammaticale

L'analisi grammaticale prevede l'associazione di una parte del discorso alle varie parole presenti all'interno di una frase. L'obiettivo è quello di analizzare tutte le singole parti di un discorso, andando ad individuare verbi, pronomi, aggettivi, sostantivi,...
Elementari e Medie

Come individuare il predicato in un periodo

Studiare una lingua significa saper analizzare le frasi in senso logico e grammaticale al fine da riconoscerne tutte le sue parti. Le frasi solitamente sono costituite da un soggetto, un verbo e un complemento. Se svolgiamo l'analisi logica è di notevole...
Elementari e Medie

Analisi logica: il complemento di luogo

L'analisi logica, a differenza dell'analisi grammaticale che analizza le singole parole, permette di studiare una frase, o un periodo, ed individuare al suo interno gli elementi che svolgono una determinata funzione logica. Ma analizziamo in dettaglio...
Elementari e Medie

Analisi logica: il complemento di denominazione

All'interno della presente guida andremo a occuparci di grammatica della lingua italiana. Nello specifico, tratteremo la tematica dell'analisi logica. Infatti, come avrete potuto notare dal titolo stesso che ha contraddistinto questa breve guida, ora...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.