5 comportamenti che disturbano un insegnante

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Un buono studente dovrebbe essere in primo luogo rispettoso dei compagnie degli insegnanti, ma non in tutte le classi questo succede. Infatti spesso i ragazzi tendono ad avere dei comportamenti esagerati e irrispettosi che possono, nel tempo, andare anche a influire sul voto della condotta, portando a spiacevoli risultati. Se su alcune cose i professori tendono a chiudere un occhio, giustificando lo studente in questione, ci sono invece alcuni comportamenti che danno veramente fastidio e che sarebbe opportuno evitare, per non incorrere in spiacevoli conseguenze. In questa guida andremo quindi a vedere 5 comportamenti che disturbano un insegnante.

26

Parlare durante la spiegazione

Il primo è senz'altro il più ovvio. Parlare con i propri compagni durante la spiegazione, oppure gridare o continuare a bisbigliare ininterrottamente, oltre a disturbare l'apprendimento dei compagni, fa perdere anche il filo del discorso al professore, ed è per questo che dopo essere stati richiamati una volta, sarebbe opportuno tacere, per non incorrere nelle ire del professore.

36

Girovagare per la classe

Ad ogni studente viene assegnato un banco e la regola vorrebbe che ognuno stesse seduto al proprio posto, fino al termine della lezione. Alzarsi dal proprio banco, recarsi da un amico o semplicemente girovagare senza meta per la classe, sono comportamenti veramente fastidiosi ed irrispettosi verso il professore. Per questo camminare tra i banchi dovrebbe essere un'attività da svolgere al massimo nel cambio di lezione, giusto per sgranchirsi un po' le gambe.

Continua la lettura
46

Mantenere cappucci e cappelli sulla testa durante la lezione

Un comportamento fastidioso da mantener in classe, riguarda la pessima abitudine che hanno certi ragazzi di tenere in testa sempre il cappellino o il cappuccio della felpa. Se infatti, l'utilizzo di questi copricapo fa tendenza con gli amici, risulta molto fastidioso in aula e se il professore vi invita a togliervelo, fareste meglio ad obbedire all'istante.

56

Rispondere a tono

Il re degli atteggiamenti fastidiosi è la risposta a tono ad un rimprovero o ad un richiamo. Se il professore mette la sua attenzione su un vostro comportamento scorretto, è veramente da maleducati rispondere in modo sgarbato o accampare difese e scuse. Meglio quindi prendersi il rimprovero a testa bassa, mordendosi la lingua anzichè controbattere vivacemente.

66

Ignorare i richiami

Se state facendo una cosa sbagliata o state assumendo un comportamento errato e il professore vi rimprovera o vi richiama all'ordine, non c'è niente di più irritante che ignorarlo, oppure dire "non sono stato io". Girare le spalle, alzarle e fare a finta di non sentire, sono atteggiamenti maleducati ed immaturi, che darebbero fastidio a chiunque, poiché chiunque merita un po' della vostra attenzione.
Questi sono solo alcuni consigli per evitare comportamenti fastidiosi che potrebbero pregiudicare il buon andamento del vostro rendimento scolastico, poi ad ognuno in coscienza, spetta il compito di assumere un atteggiamento consono al luogo in cui si trova.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come rinunciare all'insegnante di sostegno

Ormai da molti anni per gli studenti con problemi di qualsiasi genere è possibile usufruire dell'insegnante di sostegno. Infatti agli studenti che presentano handicap di qualsiasi genere o problemi di apprendimento gli viene messo a disposizione un professore...
Elementari e Medie

Come scegliere un insegnante per ripetizioni

Quando i nostri figli hanno difficoltà in alcune materie scolastiche, c'è bisogno di un insegnante privato che li aiuti con delle ripetizioni. Lo scopo di questa guida è quello di fornire un aiuto nella scelta della figura adatta. I criteri di scelta...
Elementari e Medie

Come gestire i conflitti con l'insegnante

Può capitare che uno studente abbia la percezione di non andare d'accordo con un'insegnante o si sente essere preso di mira. In questa guida vi spiegheremo come riuscire a gestire i vari conflitti che possono insorgere con il proprio insegnante. Questi...
Elementari e Medie

Come Ottenere L'insegnante Di Sostegno

In ambito scolastico, un bambino disabile, ha il bisogno di avere una figura di riferimento che possa andare verso le sue necessità specifiche, e che lo possa costantemente accompagnare, nel suo percorso di apprendimento, con delle personalizzate metodologie....
Elementari e Medie

Nuovo insegnante: come presentarsi alla classe

Quando si entra per la prima volta in una classe si è un po' agitati, ma questa situazione non deve essere vissuta in maniera drammatica. È importante pianificare il piano di studio ed essere flessibili. La maggior parte degli insegnanti vuole dimostrare...
Elementari e Medie

Come gestire una classe indisciplinata

Diventare insegnanti è prima che un lavoro, un sogno e/o una passione da realizzare con impegno e sacrificio. Essere responsabili di classi, a volte con più di 20 alunni, è cosa assai complicata. Le difficoltà si possono incontrare sia che si...
Elementari e Medie

Come gestire una classe ribelle

Tantissimi insegnanti sono alle prese con ragazzi difficili; spesso sono proprio gli insegnanti ad essere le vittime designate dai ribelli. Comunque bambini e ragazzi difficili sono gestibili in quanto tali. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni...
Elementari e Medie

Come calcolare la media dei voti

Nelle valutazioni che gli insegnanti effettuano sugli alunni e sul loro percorso scolastico bisogna tener conto di molte cose. Fra queste vi è certamente l'abilità dello studente di capire la materia ed esporla in maniera più o meno chiara per iscritto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.