5 caratteristiche dell’Homo Habilis

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L' Homo Habilis inizia a prendere la definizione di uomo proprio per delle determinante caratteristiche che lo contraddistinguono dai loro predecessori. Per chi affronta questa tipologia di studio deve sapere quali sono le varie differenze evolutive dell'uomo. Questa specie prende proprio la definizione di Homo grazie alle sue capacità intellettive e fisiche, in quanto il primo a collegare l'abilità manuale con il pensiero. Infatti egli viene definito il primo predecessore della nostra razza, il nostro più lontano antenato. In questa guida vedremo quali sono le 5 caratteristiche più salienti.

26

Camminare sulle gambe

Prima cosa che si potrà notare dell'uomo abilis è che riesce ad eregersi e camminare sulle due gambe. Mentre precedentemente il suo andamento era simile a quello della specie delle scimmie, come l'orango o il gorilla, quindi curvo appoggiando le nocche delle dita a terra, adesso con questa evoluzione si può vedere come la specie dell'Homo Habilis sia in grado di camminare con le due gambe, sviluppando una postura più eretta.

36

Essere più alto

Con il passaggio da una camminata curva con appoggio sui quattro arti ad una più eretta poggiandosi sui due arti inferior, l'homo abilis si contraddistingue per la sua altezza. Sviluppando una postura più verticale automaticamente il corpo riesce ad essere più alto e l'apparato scheletrico ha la possibilità di svilupparsi in altezza. Infatti l'altezza media dell'Homo Habilis è di circa 150 centimetri.

Continua la lettura
46

Sviluppare l'apparato nervoso

L'evoluzione non riguardava soltanto l'apparato musco-scheletrico ma anche quello nervoso. Infatti con il tempo inizia sviluppare una massa celebrare più grande, ed anche la scatola cranica si allarga divenendo più rotonda, cambiando anche l'articolazione tempio mandibolare. La mandibola infatti diventa più piccola ed inizia a rientrare all'interno della scatola cranica.

56

Sviluppare un intestino onnivoro

L'Homo Habilis iniziava a sviluppare una tipologia di intestino di tipo onnivoro. La sua alimentazione era prevalentemente di carne ma con il tempo ha integrato anche un'alimentazione di tipo vegetale come bacche, frutta ed erbe selvatiche.

66

Creare oggetti

Con la parola Habilis si fa riferimento ad un'altra importante caratteristica di questa specie, cioè la capacità di utilizzare le mani per creare oggetti. Infatti ciò che li contraddistingue dai loro predecessori è proprio il fatto che grazie al suo sviluppo mentale e fisico riesce a realizzare dei piccoli oggetti utili per la sopravvivenza, mentre prima i loro antenati usavano ciò che trovavano reperbile. Quindi la loro abilità era quella di unire la tecnica all'intelligenza.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

5 caratteristiche dell’Homo Sapiens

Ci sono tantissime teorie su come l'Homo Sapiens abbia avuto origine sul nostro pianeta. Una delle più accreditate è quella secondo la quale l'Homo Sapiens si sia evoluto in Africa, circa 125 mila anni fa. Oltre a questa teoria ne troviamo un'altra,...
Elementari e Medie

Le caratteristiche dei liquidi

I liquidi fanno parte di uno degli stati della materia, insieme ai gas e ai solidi. Ognuno di loro possiede delle specifiche caratteristiche, che si riferiscono alla possibilità dei loro atomi di spostarsi, di trasformarsi in altri stati della materia,...
Elementari e Medie

Le caratteristiche del metodo Montessori

Maria Montessori fu una scienziata, pedagogista ed educatrice. Sviluppò un metodo educativo che porta il suo nome. Il metodo Montessori è tuttora in uso in oltre 20000 scuole di tutto il mondo. Accompagna i bambini dalla loro nascita fino al compimento...
Elementari e Medie

Le caratteristiche del suono: il timbro

Per riuscire a comprendere la nascita del suono è opportuno tener presente il seguente esperimento. Se si alza la zona centrale di un elastico tenendolo ben disteso e poi si lascia esso subisce un'oscillazione veloce. Queste oscillazioni non sono altro...
Elementari e Medie

Scuola primaria: le caratteristiche del mito

Nella scuola primaria, racconti quali il mito e la leggenda, vengono spiegati attraverso quelle che sono le loro caratteristiche e differenze. In questo articolo esamineremo da vicino il mito (in greco, mythos), inteso come quella parte fantastica di...
Elementari e Medie

Le caratteristiche dei deserti

I deserti possono essere di vario tipo e a seconda della tipologia cambiano anche le sue caratteristiche fisiche. I deserti caldi sono principalmente composti da sabbia che con l'azione dei venti creano le classiche dune. I deserti freddi invece si...
Elementari e Medie

Le caratteristiche dell’acqua

L'acqua è il bene principale per la sopravvivenza sul pianeta terra, assieme al sole; essa infatti ricopre il 70% della superficie e grazie al suo ciclo continuo di trasformazione tra molecole di vapore acqueo, in stato liquido, permette di risanare...
Elementari e Medie

Caratteristiche del triangolo

Il triangolo è un poligono con tre vertici, tre lati e tre angoli, ed è la figura geometrica che ha meno lati (tre è infatti il minor numero di segmenti necessari a delimitare una superficie chiusa). La scienza che si occupa dello studio del triangolo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.