5 buone scuse per saltare educazione fisica

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La scuola volge ormai al termine anche quest'anno. Da adesso fino a settembre molti studenti avranno la possibilità di godersi le meritate vacanze estive, lontano dall'ansia per le interrogazioni e dalla sveglia che suona presto la mattina. Per alcuni le vacanze sono una liberazione da materie non proprio interessanti. Sembra strano, ma tra le discipline da evitare rientra anche educazione fisica. Durante l'anno molti ragazzi cercano di evitare quella faticosa ora di lezione per i motivi più impensabili. Talvolta si tratta di semplice pigrizia, mentre in altri casi ci sono vere e proprie problematiche. Solitamente le lezioni vanno seguite senza fare alcuna distinzione tra una materia e l'altra. Tuttavia, quando subentrano la stanchezza o i problemi di salute si cerca di mancare all'ora di ginnastica. Soltanto se il motivo è serio si può fare una cosa del genere, altrimenti non sarebbe tecnicamente onesto tirarsi indietro. Vediamo allora quali sono 5 buone scuse per saltare educazione fisica.

27

I dolori mestruali

Il problema più diffuso tra le ragazze, dalle scuole medie in poi, è quello dei crampi addominali dovuti al ciclo mestruale. I dolori sono la prima delle scuse utillizzate per saltare educazione fisica. Certamente l'attività fisica potrebbe peggiorare ulteriormente le cose, aumentando il fastidio. Però alcune volt si tende ad esagerare. Un'attività sportiva moderata si può comunque svolgere nonostante questo piccolo inconveniente mensile. Naturalmente non tutte le ragazze subiscono lo stesso livello di fastidio, quindi alcune hanno ragione a saltare la lezione. In linea di massima, però, si utilizzano queste condizioni fisiche come alibi per non scendere in palestra. Lo sport piace molto di più ai ragazzi, questo è vero. Per questa ragione la maggior parte degli studenti che inventa scuse per non fare ginnastica è di sesso femminile.

37

Il mal di testa

Tra le scuse per saltare educazione fisica, quella del mal di testa è una delle più classiche. Anche i ragazzi molto spesso accusano malesseri di questo tipo per evitare l'ora di ginnastica. Che si tratti di emicrania, cefalea o semplice affaticamento, il mal di testa è un pretesto assai gettonato e viene quasi sempre preso per buono dall'insegnante. Questa scusa si impiega solitamente per sfruttare l'ora di educazione fisica per il ripasso di altre materie. Il compito in classe di matematica occuperà le due ore successive? Ecco che improvvisamente spunterà fuori il mal di testa, un'ottima motivazione per non fare attività fisica e portare il libro in palestra. A volte il mal di testa non è neanche reale, infatti viene inscenato. Anche in quela caso però risulta credibile agli occhi del professore.

Continua la lettura
47

Gli infortuni

Ci sono scuse palesemente inventate per saltare educazione fisica, ma ne esistono anche di reali. Una di queste riguarda gli infortuni. Alcuni studenti fanno finta di aver subìto un trauma per mettersi a fare i compiti di altre materie. Altri invece, spesso e volentieri a malincuore, riportano un infortunio più o meno grave, reso veritiero da ingessature, fasciature o lesioni evidenti (come escoriazioni, lividi ed ematomi). Ovviamente in presenza di veri infortuni, l'insegnante non può di certo impedire allo studente di saltare la lezione. Questa scusa però, per quanto buona sia, non viene di certo apprezzata da coloro che ne sono vittime. Essere doloranti non proprio il massimo, soprattutto quando si devono fare giri di campo, riscaldamento, stretching o partite.

57

L'abbigliamento

Una delle 5 buone scuse er saltare educazione fisica riguarda l'abbigliamento. Anche in questo caso ci sono studenti che lo fanno apposta a tirarsi indietro durante l'ora di ginnastica. Altri invece per semplice sbadataggine dimenticano di indossare tuta e scarpe da ginnastica o comunque di portare con sé un cambio di vestiti per la lezione. Fare sport con jeans, maglioncino e anfibi non è di certo il massimo. Per questa materia serve un abbigliamento comodo, traspirante e non sacrificato. Ecco perché per saltare ginnastica basta presentarsi senza "divisa". Questa scusa viene utilizzata di meno rispetto alle altre, ma tra le ragazze va per la maggiore. I ragazzi non si fanno molti problemi sull'abbigliamento. Per saltare la lezione ricorrono a scuse meno ragionate di questa.

67

La giustificazione firmata

Quando si vuole saltare educazione fisica senza fare la figura dei furbetti, si ricorre ad una scusa deciamente migliore rispetto alle precedenti. Gli studenti che evitano la lezione in maniera più innocente scelgono la via dell'onestà. Portano una giustificazione firmata da un genitore o dal medico per dimostrare che si vedono costretti a saltare l'ora di ginnastica. Questa scusa funziona sempre, a patto che non se ne faccia abuso. Educazione fisica si può saltare qualche volta, ma meglio non esagerare. L'assenteismo non aiuta ad ottenere un buon voto in pagella, quindi i motivi per cui si salta devono essere reali e validi. Per il resto, un'ora passa in fretta. Meglio sfruttarla per sgranchirsi le gambe in vista delle prossime ore sui banchi di scuola.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Le migliori scuse per saltare un'interrogazione

Quello scolastico è uno dei periodi che segnano di più la nostra vita. Esso viene caratterizzato da momenti davvero unici che ci segneranno per sempre. Senza ombra di di dubbio, una volta terminati gli studi scolastici, ritornare con la nostra mente...
Superiori

Le migliori scuse per non andare a scuola

Tutti, almeno una volta nella nostra carriera scolastica, abbiamo tentato di marinare la scuola. Per certi ragazzi, l'obbligo della frequenza a lungo andare può essere monotono e causa di una piccola ribellione interna. Ma non solo, il fatto stesso di...
Superiori

Scuse originali per le assenze da scuola

A quale studente non è mai capitato, chi per un motivo chi per un altro, di voler saltare la scuola e prendersi un giorno di vacanza? Purtroppo, restare a casa non è poi così semplice. I ragazzi si trovano davanti l’esigenza di dover pensare ad una...
Superiori

Appunti di educazione stradale

L'educazione stradale è importante per vari motivi, soprattutto per la sicurezza propria e degli altri; è mirata a formare gli utenti della circolazione stradale, compresi i pedoni. La circolazione stradale è uno spostamento continuo e necessario per...
Superiori

Le migliori scuse per giustificare un ritardo a scuola

Se arrivate spesso in ritardo a scuola e non avete più scuse da inventare con i professori e con i compagni, eccovi una breve ed efficace guida che vi illustrerà quali sono le migliori scuse per giustificare il vostro ritardo a scuola. Spesso, molte...
Superiori

Storia della fisica: crisi della fisica classica

Sul finire dell'Ottocento i problemi legati all'universo sembravano del tutto risolti. Negli ultimi decenni del secolo, però, a causa dell'avanzamento del sapere teorico e dello sviluppo delle tecniche di misura in laboratorio, esplosero nuovi problemi...
Superiori

Appunti di educazione civica

L'educazione civica è una materia che studia le forme di governo e presta maggiore rilevanza alla funzione dei cittadini, alla gestione e allo Stato. Tale disciplina entrò a far parte delle scuole inferiori e superiori italiane nel 1958, su iniziativa...
Superiori

5 scuse plausibili per evitare l'interrogazione

La cosa più temuta per ogni studente sono, oltre ai compiti in classe, le interrogazioni. Soprattutto con l' avvicinarsi dei consigli di classe o alla fine del semestre il pericolo è sempre imminente. Se esse sono programmate non c' è nulla da...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.