10 errori da evitare durante la discussione della tesi

tramite: O2O
Difficoltà: media
111

Introduzione

Il momento della discussione della tesi è agognato e temuto allo stesso tempo da parte di tutti gli studenti universitari. Agognato perché pone fine a diversi anni di studio, ma temuto perché si tratta dell'esame più importante, fino a quel momento, della propria vita. È fondamentale, quel giorno, riuscire a controllare il nervosismo e cercare di non strafare. A proposito dell'esposizione della tesi, nella presente guida verranno indicati 10 errori da evitare durante la discussione.

211

Parlare senza tenere conto di chi si ha davanti

Molte volte il candidato inizia ad esporre la tesi come se nella sala in cui si svolge la discussione ci sia soltanto lui. In realtà, è molto importante rivolgersi ai membri della commissione; il consiglio è di osservarli negli occhi mentre si parla, cercando di posare lo sguardo a desta e a sinistra, in modo da coinvolgere tutti. Questo atteggiamento denoterà sicurezza e, inoltre, permetterà di conquistare l'attenzione delle persone.

311

Abusare di termini tecnici

Se è fondamentale esporre la tesi facendo uso di una terminologia adeguata, altrettanto importante è non abusarne; non tutti i membri della commissione, infatti, conoscono l'argomento della tesi approfonditamente, e potrebbero sentirsi estranei, perdendo interesse. Un'idea potrebbe essere quella di preparare una slide introduttiva che illustri i punti salienti del lavoro, consentendo ai professori di entrare maggiormente in contatto con la tesi stessa.

Continua la lettura
411

Dilungarsi eccessivamente

L'esposizione deve risultare chiara e dettagliata, ma non deve essere eccessivamente lunga e tediosa. Per tale motivo è opportuno allenarsi i giorni precedenti la discussione esponendo più volte il lavoro ai propri parenti o agli amici, cercando di lavorare per "sottrazione", ossia accorciando il discorso per raggiungere il minutaggio previsto.

511

Esporre fatti non rilevanti

A volte può essere interessante indicare alla commissione cosa abbia spinto il candidato a parlare di un determinato argomento; questo se la motivazione è valida e rilevante. Nel caso in cui, invece, tutto sia nato da un suggerimento di un professore, meglio non arrampicarsi sugli specchi nel tentativo di inventare un falso interesse.

611

Recitare la tesi come se si trattasse di una poesia

Una cosa è studiare approfonditamente una tesi, un'altra è esporla da cima a fondo a memoria. Il rischio, infatti, è quello di trovarsi impreparati ad eventuali domande. Iniziare l'esposizione con un breve discorso e poi fare uso, se possibile, di diapositive; questo potrebbe diminuire il rischio di apparire come dei semplici "robot".

711

Parlare come ad un comizio

È possibile che l'argomento della tesi appassioni lo studente a tal punto da entusiasmarlo durante l'esposizione; evitare, però, di fare troppi gesti con le braccia, di alzare la voce e di rivolgersi al pubblico alle spalle. Cercare di mantenere un comportamento il più possibile rispettoso di chi si ha davanti.

811

Dare per scontati determinati passaggi

Uno studente che lavora ad una tesi da molti mesi finisce, inevitabilmente, per sapere ogni argomento come se non avesse studiato altro nella sua vita. I membri della commissione, però, non possono essere preparati allo stesso modo, in particolare chi insegna materie totalmente diverse da quella scelta. Per tale motivo sarebbe opportuno spiegare con precisione certi passaggi, oppure evitarli e passare ad illustrare altri punti.

911

Rimanere in silenzio perché si è finito troppo in fretta

Si tratta di un evento raro, ma alcuni studenti riescono ad esporre la tesi senza la minima esitazione, rispondendo senza problemi anche alle domande dei relatori. In questo caso potrebbe accadere di non avere più nulla da dire, rimanendo qualche secondo in silenzio. Per fare in modo che questo non accada è possibile preparare, nei giorni precedenti, un "piano B", che permetta di aggiungere una postilla al discorso principale.

1011

Farsi prendere dal panico pensando ai punti da raggiungere

Già dalla prima stesura molti studenti non pensano altro che a raggiungere un determinato punteggio finale, strutturando la tesi proprio per arrivare ad un obiettivo ben mirato. Il giorno della tesi questo potrebbe rappresentare un problema nel caso in cui l'esposizione non dovesse iniziare nel migliore dei modi. Il candidato, infatti, potrebbe capire di non essere più in grado di raggiungere il punteggio agognato, andando nel panico. Occorre iniziare l'esposizione pensando che, comunque vada, sarà un successo.

1111

Esporre la tesi parlando troppo velocemente

Può accadere che, a causa dell'eccessiva agitazione, si tenda ad aumentare la velocità delle parole pronunciate, ma è necessario cercare di non rendere il discorso un accumulo di frasi senza pausa, tali da rendere impossibile per la commissione capire di cosa si stia parlando. L'unico risultato sarebbe quello di essere interrotti più volte, finendo per perdere il filo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come discutere la tesi di laurea

Ogni percorso di laurea termina sempre con la discussione della propria tesi, cioè l'ultimo esame che uno studente deve affrontare per poter ottenere il titolo per cui ha studiato duramente. Senza ombra di dubbio, il giorno più atteso e più voluto...
Università e Master

Come scrivere la tesi di laurea

La fine del percorso di studi è segnato solitamente dalla discussione della propria tesi di laurea, un esame finale che prevede di raccontare e spiegare il proprio lavoro che raccoglie in se tutto ciò che si è studiato durante il percorso di studi....
Università e Master

Come realizzare la copertina della tesi

La discussione di una tesi di laurea rappresenta quel passo che corona l'intero percorso di studi, dall'inizio alla fine. Per questo motivo è importante che ogni cosa sia curata fin nei minimi dettagli e per fare ciò è indispensabile, innanzitutto,...
Università e Master

Come prepararsi all'esame di dottorato

Eccoci qui, bellie pronti, per leggere con voi una nuova ed interessante guida, mediante cui poter capire ed immagazzinare, come prepararsi all'esame di dottorato, nel migliore dei modi e nella maniera più semplice possibile.Molti studenti, una volta...
Università e Master

Come sviluppare una tesi di laurea sperimentale

Dopo esservi sacrificati e rimboccati le maniche per tutto il vostro percorso di studi universitari, siete finalmente giunti al punto di stesura della tesi di laurea? Il passo conclusivo del vostro percorso universitario non è meno arduo e impegnativo...
Università e Master

Come scrivere i ringraziamenti della tesi di laurea

I ringraziamenti della tesi di laurea sono la pagina personale del proprio lavoro. Questo spazio è dedicato alle persone che ci hanno accompagnato durante il percorso didattico. A volte, però, presi dall'ansia per la discussione si manca di ispirazione...
Università e Master

5 consigli per prepararsi alla seduta di laurea

Il fatidico momento della laurea si avvicina: l'ansia s'impadronisce delle giornate ed il cuore sembra battere all'impazzata. Nonostante l'iter scolastico, la maturità conseguita, e gli esami sostenuti, l'emozione la fa da padrona. La consapevolezza...
Università e Master

Come organizzare una festa di laurea in 10 mosse

Finalmente! Dopo anni e anni di lezioni, appunti, sessioni di esame, estati passate a studiare e nottate spese sui libri, è arrivato il tanto agognato momento della laurea. Nel periodo che precede questo importante avvenimento, sarete probabilmente occupati...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.