10 consigli per prepararsi alla prima elementare

tramite: O2O
Difficoltà: media
19

Introduzione

L'inizio della scuola elementare rappresenta un passo importante nella crescita emotiva dei nostri figli. Le mamme, sempre più impegnate tra lavoro e cura della casa, non possono farsi trovare impreparate e si mobilitano chiedendo consigli e informazioni utili per accompagnare il proprio bambino in questa avventura che determinerà molto del suo futuro. In questo articolo vi daremo dieci consigli per prepararvi ad affrontare la prima elementare.

29

Stimolare ed esercitare la mente del bambino

Prima di iniziare la scuola il bambino, se non ha frequentato l'asilo, deve possedere delle conoscenze per quanto riguarda i numeri e l'alfabeto. Oltre a queste nozioni basilari, molto importante è stimolare ed esercitare fin da subito la mente del bambino e questo lo si può fare in vari modi: procedendo per gradi, fare sforzare il bambino ad imparare a leggere qualunque cosa, dalle etichette vicino al cibo fino ai segnali stradali; importante è anche il disegno con il quale il bambino immagina qualcosa e cerca di rappresentarlo sul foglio.

39

Scegliere il tempo pieno

Come prima cosa dobbiamo scegliere se optare per il tempo pieno o per le quattro ore mattutine e ciò dipende dal carattere del bambino: se è timido e introverso è preferibile un tempo pieno in modo che abbia tempo a disposizione per socializzare e abituarsi alla convivenza con i coetanei. Un altro fattore che incide sulla scelta delle ore di scuola elementare da frequentare è la previsione di attività extrascolastiche (piscina, calcio, musica). Molto importante è insegnare a nostro figlio a leggere e a scrivere perché avere già una discreta capacità di leggere e scrivere facilita molto l'adattamento del bambino e la sua capacità di apprendimento.

Continua la lettura
49

Correre ai ripari se il bambino presenta problemi psicologici

È' bene evidenziare fin da subito eventuali disturbi psicologici o di apprendimento (come la dislessia) perché influiscono sull'andamento del bambino: questi non sono delle vere e proprie malattie e possono essere sconfitte con numerose tecniche. È consigliabile spiegare al bambino che non è diverso dai suoi coetanei e che deve accettare questo piccolo problema, senza mortificarlo.

59

Ascoltare il proprio figlio e aiutarlo a svolgere i compiti

Parlare sempre con nostro figlio e ascoltare le sue lamentele e valutarle con neutralità, distinguendo i semplici capricci dalle problematiche serie. Impariamo anche a leggere i messaggi non verbali del bambino che potrebbe manifestare ansie immotivate, eccessivo stress, eccessiva timidezza o, al contrario, eccessiva iperattività. Fondamentale è seguirlo con gradualità nei compiti a casa che rappresentano il primo vero incubo dell'infanzia; insegniamogli, un po' alla volta, a pianificare il lavoro a casa e aiutiamolo se il carico di lavoro risulta troppo pesante.

69

Fare la conoscenza delle maestre

Fare colazione insieme risolverà molti problemi di ansia e cattiva digestione; osserviamo, con attenzione, se il bambino ha improvvisi cali di appetito che potrebbero indicare un malessere nell'affrontare l'impegno scolastico. Conoscere di persona le maestre è indispensabile: pochi sanno, infatti, che se i genitori hanno una conoscenza personale e dei rapporti cordiali con le maestre anche il bambino ne trarrà vantaggio perché non vedrà in loro delle sconosciute ma persone serie e benevole come se fossero di famiglia.

79

Scegliere la merenda adatta

Per mantenere in salute nostro figlio scegliamo anche la merenda giusta. In commercio esistono migliaia di merendine di ogni gusto e ingrediente: scegliamone una pratica da mangiare e che non sporchi eccessivamente. Inoltre curiamo anche lo sviluppo motorio: correre, camminare saltare sono tutte attività che nostro figlio deve fare in modo naturale e con una buona coordinazione; una eccessiva difficoltà nel compiere queste azioni può essere il sintomo di un problema fisico o mentale.

89

Evitare il confronto con altre mamme

Evitiamo il confronto con le altre mamme: in molti casi si instaura un malsano orgoglio tra madri che tendono a giudicare il proprio figlio sempre in maniera più che indulgente. Come ultimo consiglio vi suggeriamo di far crescere nel bambino il senso di autonomia e indipendenza. Ecco il vero segreto per affrontare con successo il percorso scolastico. Un buon genitore deve saper stimolare il proprio bambino sgridandolo quando non osserva le più banali norme di ordine ed educazione e incoraggiarlo laddove affronti attività nuove che lo vedano coinvolto sia da un punto di vista fisico che da un punto di vista mentale.

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Seguire attentamente i consigli della guida
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come preparare i bambini all'inizio della scuola elementare

Ormai ci siamo. I nostri bambini stanno per iniziare la scuola elementare. È un passaggio molto importante per loro. Dalla scuola materna, dedicata per lo più al gioco, si passa ora alla primaria, in cui si inizia a concentrarsi maggiormente sull'apprendimento....
Elementari e Medie

Come prepararsi alla scuola media

Già! Come prepararsi alla scuola media? Cosa dobbiamo raccomandare agli studenti che hanno terminato da poco la scuola elementare? Una nuova vita scolastica che magari può anche spaventare molti "piccoli adolescenti". Ciò significa diventare più grandi...
Università e Master

Come prepararsi all'esame di economia politica

Il periodo di esami è sempre un periodo molto difficile per ogni studente, soggetto a stress continuo e a lunghe ore di studio forzato che potrebbero far perdere la concentrazione a causa della stanchezza. Trovare un medoto per affrontare certe materie...
Elementari e Medie

Come spiegare le doppie in prima elementare

Spiegare le doppie ai bimbi di prima elementare è un compito difficile. Lo studio aiuta certamente ad acquisire le corrette regole grammaticali, ma non basta. Bisogna avere un buon orecchio, per distinguere i diversi suoni della pronuncia. Anche l’adeguata...
Elementari e Medie

Il sistema educativo giapponese

La struttura generale del sistema educativo giapponese conserva l'impostazione voluta dagli Americani durante l'occupazione e segue il sistema 6-3-3-4. L'anno scolastico, che coincide con quello fiscale, inizia il 1° di aprile e termina il 31 marzo ed...
Elementari e Medie

5 consigli per preparare i bambini alla scuola elementare

I cambiamenti posso aiutare i nostri bambini a crescere e maturare, tuttavia essi possono anche diventare fonte di stress ed ansia. Fra i cambiamenti che tutti i bambini devo prima o poi affrontare, troviamo il passaggio dall'asilo alla scuola elementare....
Elementari e Medie

Consigli utili per chi comincia la scuola elementare

Un bambino quando raggiunge l'età sufficiente per andare alle elementari, è importante che affronti questa nuova e prima esperienza di vita in modo corretto, e possibilmente con l'aiuto dei genitori. Per ottenere subito dei buoni risultati, è fondamentale...
Superiori

Come risolvere i sistemi simmetrici di secondo grado

Per risolvere il sistema elementare introduciamo la variabile ausiliaria {\displaystyle t} e scriviamo l'equazione {\displaystyle t^{2}-st+p}. Le due soluzioni {\displaystyle t_{1}} e {\displaystyle t_{2}} sono le soluzioni del sistema. Possiamo utilizzare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.