Trucchi per memorizzare i paradigmi in tedesco

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
14

Introduzione

Lo studio delle lingue non è mai semplice, ma attualmente è una scelta obbligata per la commistione di culture che esiste in ogni paese. Il tedesco è una lingua abbastanza diffusa in Europa per la centralità che la Germania ha nella Comunità Europea, sia geograficamente che economicamente. Uno degli ostacoli della lingua tedesca è il paradigma dei verbi. Per declinarli correttamente è fondamentale memorizzare i paradigmi e ciò non sempre è facile. Se si utilizzano alcuni trucchi questa fase diventa più abbordabile. In questo tutorial viene spiegato, in modo semplice e corretto, come memorizzare i paradigmi in tedesco.

24

I verbi

I verbi sono distinti in due categorie: deboli e forti. Per quanto concerne i primi bisogna sapere che essi presentano molte modifiche nelle varie declinazioni di tempo. Ad esempio, machen diventa machte e gemacht. Come si può notare è l'aggiunta della lettera T che determina le declinazioni; si può quindi affermare che i verbi deboli si coniugano tutti allo stesso modo. Se prendiamo in considerazione un altro verbo, ad esempio bauen esso diventa prima baute e poi gebaut. Il comportamento di questo verbo è identico a quello precedente.

34

I verbi misti

Nella lingua tedesca abbiamo poi una terza categoria di verbi che vengono definiti misti. Il paradigma di questi ultimi comprende sia le mutazioni tipiche dei verbi deboli (aggiunta della lettera T) che quelle tipiche dei verbi forti (cambio di vocali). Un esempio di verbo misto è denken; quando esso viene declinato diventa dachte e gedacht. Un altro trucco per ricordare il paradigma dei verbi in tedesco è quello di prestare attenzione al suono. È indispensabile farsi guidare dai suoni che assumono i verbi nelle varie declinazioni.

Continua la lettura
44

La declinazione

Mentre il discorso è differente per i verbi forti. In questo caso per memorizzare un verbo occorre tener presente le vocali. Infatti, prendendo considerazione le vocali A E I O U, si nota come il cambio di queste ultime costituisce la base per le declinazioni. Inoltre, è importante sapere che questi verbi al tempo perfetto terminano tutti in -en. Se scegliamo di declinare il verbo reiten esso diventa prima ritt e poi geritten. Lo stesso succede se si declina un altro verbo forte: schreiben; esso diventa schrieb e poi geschrieben. È opportuno notare come le vocali ei diventano ie. Mentre se il verbo contiene le vocali ie come verlieren, per il suo paradigma si muta la vocale in quella successiva, cioè la o: prima verlor e poi verloren.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come Organizzare Un Ripasso Di Sintassi Latina Durante Il Periodo Estivo

Il latino ha la fama di essere una delle materie più antipatiche per gli studenti. Per questo motivo raggiungere buoni risultati è abbastanza faticoso. Lo studio del latino non è però da tralasciare, aiuta a sviluppare il ragionamento e può essere...
Superiori

Latino: verbi anomali

Nella lingua latina possiamo trovare un certo numero di verbi che non appartengono alla cosiddetta coniugazione regolare a causa di alcune anomalie nella flessione. Le anomalie possono riguardare i temi per la formazione dei tempi fondamentali o i mutamenti...
Elementari e Medie

Inglese: i verbi irregolari

Una prima classificazione, anche se un po' approssimativa, dei verbi inglesi, potrebbe distinguerli in: regolari, irregolari e ausiliari. Come dice la parola stessa, i verbi irregolari sono tali poiché non seguono le regole "standard" quando si tratta...
Lingue

Appunti di sintassi tedesca

In Europa si parlano tante lingue, ma quelle che vanno per la maggiore sono tre o quattro. Una di queste è il tedesco, che viene riconosciuto quale lingua ufficiale di Germania, Austria, Belgio, Lussemburgo, Svizzera e Liechtenstein. Nel corso della...
Lingue

Tedesco: verbi con cambi di vocale

Il tedesco è una lingua difficile da imparare per noi italiani, per via non solo della sua pronuncia o della sua sintassi, così diversa dall'italiano perché mette il verbo principale della frase alla fine; ma anche per alcune eccezioni e difficoltà...
Lingue

Tedesco: i verbi di posizione

Il Tedesco è la lingua più parlata dopo quella inglese. La grammatica tedesca è semplice, piuttosto precisa e si incontrano meno difficoltà rispetto alla lingua inglese, al francese e allo spagnolo. Questa guida ha l'obiettivo di fornire, con una...
Lingue

Come utilizzare il dizionario latino-italiano

Il latino è una lingua antica che oramai non si parla più nel mondo. Tuttavia, essa rappresenta la base di molte lingue odierne, tra cui l'italiano e lo spagnolo. Grazie allo studio della lingua latina, riusciamo a saperne di più sulla storia della...
Lingue

Tedesco: la coniugazione dei verbi deboli

La coniugazione dei verbi deboli e i tempi verbali in generale sono tuttavia uno degli argomenti più semplici da affrontare quando si decide di studiare la lingua tedesca. Il tedesco non è una lingua semplicissima da studiare. Eppure, studiando bene...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.