Teorema di Grassman

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Il Teorema di Grassman prende il suo nome da un matematico di origine tedesca, che si chiamava per l'appunto Hermann Grassmann. Si tratta di una relazione matematica con la quale le dimensioni dei sottospazi vettoriali sono legate alle dimensioni del loro relativo spazio vettoriale che li contiene. Svolgendo questa funzione attraverso lo sviluppo di due teoremi, ovvero quello della struttura e quello della dimensione, sarà possibile quindi ricavare la dimensione, la struttura ed il rango di un nuovo spazio vettoriale.

25

Occorrente

  • Conoscenze di base di geometria e algebra lineare
35

Formula

Il teorema di Grassman viene indicato con la seguente formula: dim (U+W) = dim U + dim W - dim (U int W). Essa può essere piegata in questo modo: Sia V uno spazio vettoriale e siano, invece, U e W i suoi sottospazi vettoriali, la dimensione di U + W risulterà pari alla somma delle dimensioni di U e di W meno la dimensione della loro intersezione.

45

Dimostrazione

Per dare una dimostrazione del Teorema di Grassman ci si rifà al teorema del completamento, il quale afferma che presa una base di uno spazio vettoriale, ovvero B, che sia costituita da n vettori v (B = v (1),..., v (n)), e un'altra base P, costituita da p vettori w (P= w (1),... W (p)) tali che p minori o uguali a n, esistono n-p vettori tali che aggiunti a P si possa creare una base di V. Presa infatti B base di (U int W) costituita da k vettori u avremo B (u)=u (1),..., u (k), u (k+1),... U (n) base di U e B (w)=u (1),..., u (k), v (k+1),... V (n) base di W.
Si può in pratica definire B (u) come la somma dei p+n vettori (B (u)=(p+n)) ovvero dei p vettori costituenti (U int W) insieme agli n vettori di U e conseguentemente si potrà trarre la stessa conclusione per B (w), congruente alla somma dei p+m vettori (B (w)=(p+m)) costituiti sempre dagli stessi p vettori di (U int W), sommati però agli m vettori di W.
Con questi elementi è possibile allora affermare che la dim (U+W) = p+n+p+m-p, si otterrà allora che dim (U+W)=p+n+m, ma p è proprio dim (U int W) mentre n e m sono rispettivamente dim (U) e dim (W), quindi è stato dimostrato che dim (U+W)=dim (U)+dim (W)-dim (U int W).

Continua la lettura
55

Spiegazione

Con lo sviluppo del Teorema di Grassman è stato possibile applicare nella geometria vettoriale tutto quello che in pratica veniva già applicato in matematica durante lo studio delle intersezioni degli insiemi. I due principi infatti non sono molto differenti l'uno dall'altro. Nella matematica di base però la somma di due insieme è univoca alla somma dei singoli insiemi dalla quale veniva sottratta l'intersezione dei due. Riportando ciò nella geometri vettoriale si può dedurre che due sottospazi avranno le stesse dimensioni dello spazio che li contiene oppure dimensioni minori.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare la risultante tra due o più vettori

In fisica capita molto spesso di dover eseguire operazioni con i vettori, ad esempio il calcolo della risultante. I vettori sono oggetti di uno spazio vettoriale che possono essere sommati fra di loro, o moltiplicati per uno scalare (il piano cartesiano...
Università e Master

Teorema della dimensione per spazi vettoriali: dimostrazione

Il teorema della dimensione per spazi vettoriali è un teorema fondamentale della geometria e dell'algebra lineare, utile a trovare la reale dimensione di uno spazio basandosi sulla conoscenza di un'applicazione lineare che, da uno spazio iniziale, raggiunge...
Università e Master

Come Verificare I Sottospazi Vettoriali

In questo articolo di oggi vi parleremo di come verificare i sottospazi vettoriali. In matematica questo sottospazio vettoriale è un sottoinsieme di uno spazio vettoriale, che ha proprietà tali da farne un altro spazio vettoriale a sua volta. Le rette...
Superiori

Come determinare il sottospazio generato dai vettori

Imparare ed apprendere nuovi concetti matematici non è affatto semplice e, a volte, risulta necessario un ripasso. Succede spesso che alcune teorie vengano solo accennate, lasciando molti dubbi a chi ha il compito di studiarle per bene. Un concetto abbastanza...
Università e Master

Teorema di diagonalizzabilità: dimostrazione

Il teorema di diagonalizzabilità è un pilastro dell'algebra lineare che ci aiuta a dare spiegazioni di tipo pratico in altri campi dello studio moderno come la meccanica strutturale o semplicemente a chiarirci come un comportamento fisico, descritto...
Superiori

Matematica: l'algebra dei vettori

L'algebra dei vettori è un argomento di matemativa, che si occupa dell'applicazione del calcolo vettoriale che varia dalla fisica alla matematica. In questa guida vedremo l'algebra dei vettori, il modulo della somma di due vettori, il vettore opposto...
Superiori

Fisica: il teorema di Varignon

Sono tantissimi gli studenti che ogni anno si trovano in difficoltà con i primi concetti, leggi e teoremi di fisica. Spesso questi argomenti non vengono vissuti dai ragazzi con lo spirito giusto, il che preclude le possibilità di apprendere le nozioni...
Superiori

Come risolvere i problemi di fisica sui vettori

Ecco pronta una pratica ed interessante guida, mediante il cui aiuto poter essere capaci ed anche in grado d'imparare come e cosa fare per risolvere nel modo corretto e nella maniera più semplice possibile, i problemi di fisica sui vettori, in modo tale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.