Teorema della curva di Jordan: dimostrazione

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

Teorema ricorrente negli studi di materie universitarie come la geometria, l'analisi e la topologia di spazi euclidei è il Teorema della Curva di Jordan. Sono infatti moltissimi gli enunciati che, a partire da questo teorema, ci restituiscono soluzioni a problemi più complicati. Di per sè, il teorema può apparire banale: vedremo che non è così, fornendo esempi e una rigorosa dimostrazione.

27

Prima di introdurre il teorema, è necessario capire il concetto di curva di Jordan. Una curva nel piano è detta di Jordan se e solo se è chiusa e semplice, ossia gli estremi sono coincidenti e nessun punto interno interseca un altro punto interno.

37

Il Teorema di Jordan ci dice che, data una qualsiasi curva di Jordan nel piano, questa lo divide in due parti: una interna e una esterna, la cui frontiera è delimitata dalla curva stessa. Sebbene possa sembrare molto banale come enunciato, possiamo vedere come, per figure complesse (ad esempio, un frattale) il lemma ci assicura che vi è una divisione netta tra interno ed esterno della curva, cosa che all'occhio potrebbe non apparire immediata.

Continua la lettura
47

Lungo il corso degli anni vi sono state numerose dimostrazioni, ma nessuna soddisfacente fino al 1905. Le dimostrazioni moderne utilizzano concetti complessi di teoria degli spazi euclidei e di topologia matematica. Nel 2005 un team di matematici è riuscito a provare il Teorema della Curva di Jordan in 6500 righe utilizzando, per la verifica, un potente software di controllo matematico.

57

Una delle dimostrazioni più semplici ed intuitive si basa su quattro lemmi. Il primo lemma afferma che, definito un poligono di Jordan, ossia un poligono nel piano avente le stesse proprietà delle curve (chiusura e semplicità), il teorema di Jordan vale per un qualsiasi poligono di Jordan. Il secondo lemma invece ci è d'aiuto nell'approssimazione di una curva di Jordan a un poligono di Jordan: questo rappresenta il passaggio intuitivo fondamentale che ci permette di estendere la dimostrazione al caso in cui la curva non sia un poligono. Il terzo lemma è puramente dimostrativo e ci dice che, data una qualsiasi curva di Jordan, la componente interna contiene un disco sulla cui frontiera è possibile prendere due punti tali che la distanza tra essi sia maggiore o uguale alla radice di 3. Il quarto lemma ci dice che, sotto le ipotesi considerate, esiste un percorso che copre i punti suddetti tale che per ogni punto la distanza tra la frontiera della curva e i punti sia minore di uno.

67

Una volta enunciati e dimostrati i quattro lemmi, si possono utilizzare nella dimostrazione, che forniamo in inglese al link delle risorse. Vi è presente anche una tesi di laurea con una trattazione approfondita della storia del teorema e una sua dimostrazione alternativa.

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema del punto fisso di Brouwer: dimostrazione

Luitzen Brouwer, nato nel 1881, fu un matematico olandese da sempre appassionato dell'algebra e della geometria, tanto da conseguire la cattedra di professore all'università di Amsterdam. Questa grande passione per la matematica e la logica, lo portarono...
Università e Master

Teorema di Bézout: dimostrazione

La matematica è una materia piuttosto complessa e di non facile comprensione per la maggior parte degli degli studenti. Per poterla capire a fondo sono necessari diversi anni di studio ed esercizio, soprattutto per la gran quantità di teoremi di cui...
Università e Master

Teorema di Stokes: dimostrazione

Nella geometria differenziale, ossia lo studio di oggetti geometrici come curve e superfici, il Teorema di Stokes è un enunciato riguardante l'integrazione delle forme differenziali. In particolare è volto a generalizzare i teoremi di calcolo vettoriale...
Università e Master

Teorema di Gelfond: dimostrazione

L'ambito dello studio delle scienze matematiche ha da sempre avuto grande successo in quanto, al contrario di quello che si pensa comunemente, l'applicazione della matematica, delle sue formule e delle dimostrazioni, risulta particolarmente utile nella...
Università e Master

Teorema di esistenza e unicità per un problema di Cauchy: dimostrazione

La matematica è da sempre la materia più complicata sia ai bambini delle elementari, sia per gli studenti delle superiori e delle facoltà universitarie. Questa difficoltà sta soprattutto nel fatto che i concetti sono strettamente collegati fra di...
Università e Master

Teorema di indefinibilità di Tarski: dimostrazione

Il teorema di Tarski sull'indefinibilità della verità dell'aritmetica è strettamente legato ai teoremi di Godel ed ai suoi studi: per questo partiremo dalla sua "matematica" per poi arrivare alle dimostrazioni di Tarski. La dimostrazione del teorema...
Università e Master

Teorema di Heine-Borel: dimostrazione

Il Teorema di Heine-Borel afferma che un sottospazio di R^n (con la solita topologia) è compatto se e solo se è chiuso e limitato. Tale teorema può essere dimostrato mediante quello di Bolzano-Weierstrass. Inoltre, in chiave moderna è certamente possibile...
Università e Master

Teorema di Bolzano-Weierstrass: dimostrazione

Quando si studia alcuni argomenti molto complessi che riguardano le materie scientifiche come la matematica, la fisica, ecc., potrebbe capitare di non riuscire a comprendere tutto, in questi casi trovare ulteriori informazioni potrebbe sicuramente facilitarci...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.