Teorema dell'elemento primitivo: dimostrazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La dimostrazione di un teorema, in qualsiasi campo matematico, desta da sempre molte difficoltà. Spesso i passaggi vengono spiegati molto velocemente e questo è causa di incomprensione da parte di chi si avvicina alla loro risoluzione. È pur vero, però, che ogni teorema si trova alla base di un preciso processo matematico ed è quindi necessario capire bene sia l'enunciato che la dimostrazione, in modo da non avere problemi in futuro. Nella teoria dei campi, in matematica, il teorema dell'elemento primitivo caratterizza le estensioni considerate semplici (per semplificare possiamo dire che le estensioni semplici nascono dall'aggiunta di un solo elemento detto, appunto, elemento primitivo). In questo articolo spiegheremo la dimostrazione del teorema dell'elemento primitivo, un teorema che, a primo impatto, può risultare abbastanza difficile ma, un volta compresa la sua dimostrazione, può essere utilizzato con molta facilità.

26

Occorrente

  • Ripetere la dimostrazione più volte per capire il meccanismo
36

Questo teorema può essere considerato come il risultato della teoria dei campi. Prima di passare alla dimostrazione è opportuno citare il suo enunciato: consideriamo che F sia un campo e K sia una sua estensione. Siano α1, ..., αn ∈ (appartenenti) K degli elementi separabili su F. Date queste premesse si può dimostrare che α ∈ (appartiene) a K (che viene qui detto primitivo) in modo tale che F (α1, ..., αn) = F (α). Si può inoltre dimostrare che, se F è infinito, esistono c1, ....., cn ∈ (appartenenti) F in modo tale che ∑ (la sommatoria) ci αi risulti essere un elemento primitivo. Passiamo adesso alla sua dimostrazione.

46

Proviamo adesso a supporre che F sia infinito. Siano f1 (x), f2(x) e F [x] i polinomi minimi di α1, α2, su F; sia L un campo di spezzamento del polinomio tale che f (x) = f1(x) f2(x) su F (α1, α2). Siano ancora α1 = u1,... Ur (dove u è l elemento primitivo) e α2 = v1,... Vs le radici di L di f1 (x) e f2 (x). Avendo già dimostrato che α2 è separabile su F, le radici appena citate possono essere distinte a due e due. Consideriamo adesso c e F in modo tale che per x = c non debba essere verificata nessuna di queste equazioni: ui + xvj = u1+ xv1 dove i = 1,..., r e j = 2,...., s. Possiamo quindi provare che α = α, +cα2 risulta essere un elemento primitivo. Di conseguenza l'inclusione F (α) ⊂ f (α1, α2) è naturalmente valida.

Continua la lettura
56

Considerando F come un campo finito, di conseguenza essendo F (α1.... αn) di grado finito su F, anche F (α1.... αn) è considerato finito. Possiamo notare come il suo gruppo moltiplicativo risulti essere ciclico (e cioè un gruppo che viene generato da un unico elemento). Dal momento che a è un suo generatore allora segue che F (α1, .., αn) = F (α).

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ogni formula trascritta qui deve essere studiata su dei libri o su internet in quanto molti simboli non vengono inseriti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema di Löwenheim-Skolem: dimostrazione

In questo articolo vorrei illustrarvi la dimostrazione del Teorema di Löwenheim-Skolem. Il Teorema di Löwenheim-Skolem si chiama così perché prende il suo nome dai suoi matematici ideatori Leopold Löwenheim e Thoralf Skolem. Il Teorema di Löwenheim-Skolem...
Università e Master

Teorema di Lebesgue: dimostrazione

Il Teorema di Lebesgue, conosciuto anche come teorema di Vitali-Lebesgue, nel campo dell'analisi matematica è una proposizione che determina l'equivalenza tra una funzione e la derivata del suo integrale, ovvero un operatore che associa alla funzione...
Università e Master

Teorema di Desargues: dimostrazione

Come avrete già potuto comprendere leggendovi il titolo che accompagna la nostra guida, ora ci concentreremo su un tema davvero importante. La materia che tratteremo sarà la geometria analitica, in quanto proveremo, nei prossimi tre passi, a spiegare...
Università e Master

Teorema di Krasnoselskii: dimostrazione

Il Teorema di Krasnoselskii è uno dei teoremi di punto fisso che sono uno dei principali strumenti dell'analisi matematica non lineare. Questi teoremi hanno una miriade di applicazioni pratiche. I suoi risultati riguardano un operatore singolo; ma le...
Università e Master

Come dimostrare il Teorema di Bernstein

Prima di iniziare col discorrere del Teorema di Bernstein, è d'obbligo un piccolo chiarimento al fine di evitare ogni dubbio o fraintendimento nel lettore. Ed è bene aggiungere che i vari Bernstein non sono la stessa persona: si tratta di un curioso...
Università e Master

Teorema della divergenza: dimostrazione

Nel calcolo vettoriale un importante enunciato è il famoso teorema della divergenza. Conosciuto dagli studiosi delle varie Analisi Matematiche anche come il teorema di Ostrogradskij, è stato erroneamente accostato a Gauss poiché pensato dal grande...
Università e Master

Teorema di Lagrange: dimostrazione

Quante volte abbiamo provato la dimostrazione di un teorema ognuno con il proprio modo di dare risultati diversi. Il Teorema di Lagrange nella sua dimostrazione non è così intuitivo per chi non dimostra conoscenze matematiche e geometriche. C'è chi...
Università e Master

Teorema di Bolzano: dimostrazione

Il "Teorema di Bolzano" (o "teorema degli zeri per le funzioni continue") prende il nome dal matematico e filosofo boemo Bernard Bolzano, vissuto tra il XVIII ed il XIV secolo. Tale teorema (da non confondere con il "teorema di Bolzano-Weierstrass" sulle...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.