Teorema Del Seno e Coseno: dimostrazione

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

I teoremi del seno e del coseno (o di Carnot) sono due teoremi generalmente utilizzati per la determinazione di tutti gli elementi relativi a triangoli generici. Il teorema dei seni sviluppa un rapporto di proporzionalità tra i seni degli angoli di un triangolo e, le lunghezze dei lati ad essi opposti. Il teorema del coseno, invece, si occupa del rapporto tra i coseni degli angoli e le lunghezze dei lati ad esso adiacenti. Anche se a prima vista presentano una dimostrazione differente, e sono ritenuti due teoremi separati, essi non vanno in contrasto tra di loro, anzi si completano, al punto di essere spesso considerati come un unico teorema trigonometrico. Vediamo di saperne di più tramite sul Teorema del seno e coseno attraverso la loro dimostrazione.

25

Prendete in considerazione un triangolo generico ABC

Il teorema dei seni ci dice che, preso un triangolo generico ABC (avente lati AB, AC e BC e angoli a in CAB, b in ABC e c in BCA), sia BC/sen a=AC/sen b=AB/sen c. La proporzionalità diretta si esprime con la formula: 'BC: AC: AB=sen a: sen b: sen c'. Il teorema del coseno: preso in considerazione un triangolo generico ABC (avente lati AB, AC e BC e angoli a in CAB, b in ABC e c in BCA) sia AB^2=AC^2+BC^2 -2AC BC cos c. Procedete alla dimostrazione utilizzando il teorema di Pitagora. Tracciate l'altezza AH e otterrete 2 triangoli rettangoli ABH e AHC.

35

Tracciate l'altezza CH

Per il teorema di Pitagora AB^2=AH^2+BH^2. Rispetto al triangolo AHC è possibile calcolare che l'altezza AH=AC sen c. Inoltre, rispetto ABC, BH=BC-HC=BC-AC cos c. Sostituite gli ultimi valori ottenuti nella prima formula e vi converrà che AB^2=AC^2 sen^2 c +BC^2 + AC^2 cos^2 c - 2 BC AC cos c. Partendo da quanto ottenuto e applicando la relazione trigonometrica fondamentale (sen ^2 a +cos^2 a=1) è possibile affermare che AB^2=AC^2+BC^2 -2AC BC cos c. Procedete adesso alla dimostrazione del teorema dei seni. In un triangolo ABC tracciate l'altezza CH. Ne risultano 2 triangoli rettangoli ACH e BCH.

Continua la lettura
45

Applicate la proprietà transitiva

Applicando il teorema di Talete otterrete che CH=AC sen a e, per lo stesso motivo, CH=BC sen b. Si ottiene allora che AC sen a=BC sen b, da cui è possibile esprimere AC/sen b=BC/sen a. Tracciate ora l'altezza relativa al lato AC e chiamate il segmento risultante BK. Si ottengono anche in questo caso 2 triangoli rettangoli ABK e CBK. Applicando il teorema di Talete, otterrete che BK=AB sen a e, allo stesso modo, BK=BC sen c. Ne risulta allora che AB sen a= BC sen c. Da cui potete esprimere AB/sen c=BC/sen a. Per mezzo dell'altezza CH, avete dimostrato che AC/sen b=BC/sen a. Per mezzo dell'altezza BK, avrete dimostrato che AB/sen c=BC/sen a. Basta applicare ora la proprietà transitiva e otterrete che AC/sen b=BC/sen a=AB/sen c; l'ipotesi è dunque dimostrata.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Applicando il teorema di Talete, otterrete che BK=AB sen a e, allo stesso modo, BK=BC sen c.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come dimostrare il teorema dei seni

Il teorema dei seni (conosciuto anche come Teorema di Eulero) consente la risoluzione dei triangoli qualunque. Per riuscire a dimostrarlo in maniera efficace bisogna però possedere i "giusti" requisiti ossia le corrette nozioni di base. In questo senso...
Superiori

Come risolvere i rapporti trigonometrici

I rapporti trigonometriche possono essere utilizzati non solo per trovare la lunghezza dei lati di un triangolo rettangolo, ma anche per trovare la misura dei relativi angoli. I passi sono gli stessi di quelli che utilizziamo per risolvere un lato, ma...
Superiori

Teorema di Talete: dimostrazione

Il Teorema di Talete è comunemente attribuito al filosofo e matematico greco Talete di Mileto (640 circa a. C. – 547 circa a. C.). Questo teorema è relativo alla proporzionalità che si viene a creare in un fascio di rette parallele (rette equidistanti...
Superiori

Come calcolare le proiezioni dei cateti sull'ipotenusa

In un triangolo rettangolo, viene definito specificatamente cateto ciascuno dei due lati a ridosso precisamente all'angolo retto. Invece, il lato che risulta essere situato precisamente all'opposto dell'angolo retto, assume la denominazione di ipotenusa....
Università e Master

Teorema di Lagrange: dimostrazione

Quante volte abbiamo provato la dimostrazione di un teorema ognuno con il proprio modo di dare risultati diversi. Il Teorema di Lagrange nella sua dimostrazione non è così intuitivo per chi non dimostra conoscenze matematiche e geometriche. C'è chi...
Elementari e Medie

Come calcolare il cateto maggiore di un triangolo rettangolo

I triangoli rettangoli hanno un rapporto costante tra i quadrati dei due cateti e dell'ipotenusa, noto anche come teorema di Pitagora. I cateti sono le due parti che formano un angolo retto di novanta gradi, mentre l'ipotenusa è l'altro lato. È possibile...
Elementari e Medie

Teorema di Pitagora: dimostrazione e funzioni

Fin dalle elementare, con il primo approccio alla geometria, ci viene illustrato il Teorema di Pitagora, uno dei più antichi teoremi che tutt'oggi conosciamo. Riproposto in ogni scuola dopo le primarie, sia alle medie che alle superiori, rappresenta...
Superiori

Come risolvere un triangolo utilizzando il teorema dei seni

La matematica non è una materia molto amata dagli studenti italiani, almeno secondo le ultime statistiche. C'è la difficoltà del ragionamento e magari il poco tempo che viene dedicato alle spiegazioni non incoraggia gli studenti ad impegnarsi. Questa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.