Tedesco: la costruzione participiale

di Giuseppina Lombardo tramite: O2O difficoltà: difficile

Con questa utile guida, affronteremo un argomento peculiare della lingua tedesca. Si tratta sostanzialmente di un tipo di costruzione del tedesco. In particolare di quello scritto: la costruzione participiale. Detta anche "attributiva" ed in tedesco "die Partizipialkonstruktion", la costruzione participiale prevede delle precise posizioni delle parole nella frase. Per cimentarsi in questo tipo di studio, occorrerà avere delle nozioni di base della grammatica tedesca. Ma, in linea di massima, possiamo semplicemente dire che la costruzione participiale richiede una specifica regola. Ossia, nella costruzione participiale, il participio presente ed il participio passato, con i relativi complementi, si usano come attributi del soggetto della frase. Ma, sempre e comunque, si posizionano prima del soggetto al quale si riferiscono. Vediamo nel dettaglio la costruzione participiale in tedesco.

Assicurati di avere a portata di mano: Conoscenze di base, studio e buona volontà.

1 Le declinazioni del participio presente e passato Per analizzare la costruzione participiale in tedesco, faremo alcune premesse. In questa lingua il participio presente ed il participio passato, usati come aggettivi, si declinano con le tre declinazioni dell'aggettivo. Per esempio: in italiano nella frase "la porta aperta...", troveremo la parola "aperta" come un participio passato usato come aggettivo. In tedesco tutto ciò si traduce come: "Die geöffnete Tür...". Ovvero, la posizione del participio sarà prima di quella del soggetto a cui si riferisce. Mentre la sua declinazione seguirà quella dell'aggettivo. Il participio presente e passato si potranno accompagnare con alcuni avverbi o complementi nella frase. Ma questi si collocherano sempre prima del participio stesso. Formeremo in tal modo la cosiddetta "Partizipialkonstruktion". Ad esempio, nella frase: "La brocca rotta di mio fratello" tradurremo "Der von meinem Bruder zerbrochene Krug". Infatti il complemento di specificazione si porrà fra l'articolo ed il sostantivo.

2 Gli usi del participio presente e passato nei verbi transitivi Per chiarire meglio la costruzione participiale in tedesco, vedremo gli usi del participio presente e passato nei verbi. In un verbo transitivo, l'uso del participio presente o passato (con la costruzione participiale) può cambiare il significato della frase. Intanto premettiamo che il participio presente si forma dalla radice dell'infinito + d. Esso sostituisce una frase attiva. Ad esempio la frase "das spielende Kind..." è in sostituzione della frase "das Kind, das spielt...". Significa: "il bambino che sta giocando", ovvero che compie un'azione attiva. Invece il participio passato sostituisce una frase passiva. Ad esempio: "die zerstörte Stadt..." sostituisce "die Stadt, die zerstört wurde...". Ovvero: "la città distrutta".

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Gli usi del participio presente e passato nei verbi intransitivi Per chiarire ancora la costruzione participiale in tedesco, vediamo stavolta gli usi del participio presente o passato nei verbi intransitivi.  In tal caso, si avranno rispettivamente le indicazioni di un'azione in corso e di un'azione già terminata.  Approfondimento Tedesco: verbi con prefisso separabile (clicca qui) Con l'esempio del sostantivo "die Suppe" (zuppa), potremo formare la frase "ein kochende Suppe".  Cioè una zuppa che sta cuocendo.  Infatti l'uso del participio presente del verbo "kochen" descrive un'azione in corso.  Contrariamente: "eine gekochtene Suppe" è una zuppa già cotta.  In questo caso si utilizzerà il verbo al participio passato.

4 La posizione del verbo nella frase Un concetto fondamentale della costruzione della frase in tedesco è la posizione del verbo. Esso si troverà sempre al secondo posto. Ciò è quindi valido anche per la costruzione partitiva. In tedesco, qualunque sia la lunghezza della frase, il verbo rimarrà al secondo posto. La costruzione attributiva si considera infatti tutt'uno con il soggetto. Si ingloberà ad esso, fra l'articolo e il sostantivo. Con lo studio e l'applicazione, la formazione della costruzione participiale in tedesco risulterà senz'altro più semplice. http://www.viaggio-in-germania.de/costruzioni-attributive.html.

Non dimenticare mai: Anche la lingua tedesca, ormai è diventata molto utile. Specialmente per chi decide di lavorare in ambito internazionale.

Tedesco: come tradurre il gerundio dall'italiano Il gerundio è un tempo verbale non presente nella lingua tedesca ... continua » L'aggettivo in francese Il francese è una delle lingue più affascinati e melodiche: una ... continua » Tedesco: il doppio infinito Il tedesco è la lingua ufficiale della Germania. Nonostante appartenga a ... continua » Come formare il participio presente e il gerundio in francese Il francese è una delle lingue più studiate e parlate in ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Tedesco: il futuro

Amici, ora ci occuperemo di un argomento che i più potrebbero giudicare barboso: mi sto riferendo al tempo futuro della lingua tedesca. Chiaramente si dovrà ... continua »

Tedesco: i verbi irregolari

In questa guida cercheremo di mettere bene a fuoco le caratteristiche principali dei verbi irregolari in tedesco, tenendo presenti alcuni consigli che ci permettano di ... continua »

Tedesco: i verbi di posizione

Il Tedesco è la lingua più parlata dopo quella inglese. La grammatica tedesca è semplice, molto precisa e si incontrano meno difficoltà rispetto alla lingua ... continua »

Tedesco: i verbi riflessivi

Nel tedesco, i verbi riflessivi, come nella grammatica italiana, sono quei verbi che stanno ad indicare un'azione o un sentimento che è stato compiuto ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.