Tedesco: il doppio infinito

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il tedesco è la lingua ufficiale della Germania. Nonostante appartenga a questo paese la lingua viene parlata anche in altri Stati europei; inoltre è riconosciuta come lingua ufficiale, insieme all'italiano, anche in una nostra regione: in Trentino Alto Adige. Il tedesco, pur essendo ritenuto molto complesso da apprendere, non viene classificato tra le le lingue più difficili da imparare. Come in ogni lingua, la grammatica deve essere studiata con molta attenzione, in quanto possiede delle eccezioni: una tra queste è il doppio infinito. Con i passaggi seguenti andremo proprio a vedere in quali circostanze si deve utilizzare il doppio infinito e come inserirlo all'interno delle frasi.

27

Occorrente

  • Libro di grammatica tedesca
37

Conoscere il verbo

Cominciamo subito col dire che la lingua italiana non conosce questa forma, quindi cerchiamo di capire esattamente cosa è l'infinito doppio. Partendo dalla frase principale usando un aforisma semplice: "Non ho voluto farlo." "Ich habe es nicht tun wollen". Quindi, il verbo wollen, non è al participio passato: è come nella frase in italiano, ma è all'infinito. Infatti, leggendo la frase, notiamo che il passato prossimo dei verbi mussen, sollen, konnen, wollen, durfen, (verbi modali); lassen, sehen, horen unito ad un verbo all'infinito si fa con il doppio infinito.

47

Formare la frase

Tuttavia bisogna dire che nella lingua tedesca questo doppio infinito non viene utilizzato, così si preferisce sostituire l'uso nella lingua quotidiana, ovvero nella lingua parlata giornalmente, in particolar modo nei verbi modali. Queste forme sostituiscono il doppio infinito il Prateritum: "Non aveva potuto aiutarlo". Oppure "Er hatte ihm nicht helefen durfen", "Er durfte ihm nicht helfen". "Non ti ho sentito venire". "Ich habe dich nicht kommen horen". La costruzione della frase è essenzialmente questa: è importante esercitarsi per riuscire a utilizzarla correttamente.

Continua la lettura
57

Utilizzare la frase

Inoltre, è importante sapere che nella frase subordinata, il verbo coniugato deve essere posto alla fine. Quindi prendiamo in riferimento questa frase: "Er sagte dass er das nicht machen wollte. In questo caso il doppio infinito dipende dalla primaria. A questo punto, quindi, si trasforma così: "Io so che è voluto andare a mangiare con lui". "Ich weiss, dass er mit ihm hat essen gehen wollenn", mentre nella frase reggente, l'ausiliare deve essere inserito prima del doppio infinito, andando a sottolineare che il verbo ausiliare con il perfetto dei verbi modali va bene. Questa forma sicuramente è la più complicata, ma come in ogni cosa, basta un po' di pratica per riuscire a utilizzarlo facilmente all'interno delle frasi. Il doppio infinito nella lingua tedesca non è difficoltoso da imparare, specialmente per chi sta seguendo un corso e ha la possibilità di apprendere la lingua passo per passo. Inoltre, conoscere il tedesco ci tornerà utile non solo se ci recheremo in Germania, ma anche per comprendere meglio alcuni modi di dire che si usano in Trentino, non tralasciando il fatto che viene anche parlata in altri paesi europei come Lussemburgo, Austria, Svizzera.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Frequentare un corso di lingua tedesca
  • Esercitarsi nel comporre frasi
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Tedesco: il Plusquamperfekt

Il Plusquamperfekt, cioè più che perfetto, è un tempo verbale tedesco che corrisponde nella lingua italiana sia al trapassato prossimo che al trapassato remoto ed è composto dal preterito degli ausiliari sein e haben in unione al participio passato...
Lingue

Tedesco: il Präteritum

La lingua tedesca è sicuramente una della lingue più parlate al mondo, seconda soltanto all'inglese. Come per qialsiasi lingua, anche il tedesco si è evoluto nel corso degli anni. Ed ogni paese o regione ha il suo dialetto, ma ci sono delle regole...
Lingue

I verbi ausiliari in tedesco

La lingua tedesca presenta tre verbi ausiliari, a differenza dell'italiano che ha la forma essere ed avere: sein (essere), haben (avere) e werden (diventare). Imparare quali sono i verbi ausiliari del tedesco, è fondamentale per iniziare a comprendere...
Lingue

Tedesco: i verbi modali

Generalmente, in grammatica, i verbi modali o servili, hanno la funzione di precisare la relazione tra soggetto e verbo che ne consegue. Hanno anche il ruolo di esprimere senso di possibilità, obbligo, necessità, volontà, capacità e non vengono accompagnati...
Lingue

La struttura della frase tedesca

Il tedesco rappresenta una lingua indoeuropea, più specificamente si tratta di un idioma di origine germanica. In quanto tale, differisce sotto diversi punti di vista dalle lingue romanze o neolatine, come l'italiano. Anche l'inglese è una lingua di...
Lingue

10 consigli efficaci per imparare il tedesco con facilità

All'interno di una società multiculturale, essere in possesso di competenze linguistiche può aprire molte porte. La Germania è uno di quei paesi in cui sia i percorsi scolastici che le possibilità lavorative sono particolarmente interessanti, ma bisogna...
Lingue

I verbi modali in tedesco

La presente guida sulle lingue fornirà alcuni consigli per comprendere esattamente i verbi modali in tedesco. Generalmente questa lingua viene considerata abbastanza difficile e complessa, per colpa delle numerose differenze con l'italiano. Bisogna anche...
Lingue

Tedesco: i verbi irregolari

In questa guida cercheremo di mettere bene a fuoco le caratteristiche principali dei verbi irregolari in tedesco, tenendo presenti alcuni consigli che ci permettano di impararli, individuarli e infine riconoscerli all'interno di un dato testo. Chiaramente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.