Tedesco: il discorso indiretto

di Ralf Bloom tramite: O2O difficoltà: media

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori a capire come poter parlare meglio il tedesco, ed in particolar modo, come eseguire il discorso diretto. Esistono due modi per riferire quanto una persona ha detto: riportare tra virgolette le parole esatte pronunciate, oppure mediante il discorso indiretto, cioè riportando quanto detto con qualche trasformazione che non ne cambia il senso, senza usare le parole testuali ma mantenendo il contenuto intatto. Così funziona in tutte le lingue. Di seguito, ecco come usare in tedesco il discorso indiretto.
Mettiamoci subito all'opera!
Buona lavoro e buon divertimento a tutti voi!

Assicurati di avere a portata di mano: vocabolario conoscenza di base buona volontà

1 Stile indiretto Lo stile indiretto in tedesco è introdotto sempre da espressioni come Er sagt (e), …lui dice/ha detto, S ie meint (e), …lei vuole/voleva dire..., Er behauptet (e), …lui afferma/ha affermato..., Sie gibt/gab an, …Lei indica/ ha indicato..., Er erklärt (e), …Lui spiega/ ha spiegato..., Sie erzählt (e), …Lei racconta/ ha raccontato..., Er stellt (e) fest, …Lui fa constatare/ ha fatto constatare..., Sie fragt (e), …Lei chiede/ ha chiesto...

2 Diretto e indiretto Per trasformare un discorso diretto in uno indiretto in tedesco, devi tener presente prima di tutto il cambio del pronome. Se necessario, si cambiano anche i complementi di luogo e di tempo, proprio come accade anche in italiano (Ha detto: Lei è stata qui ieri → Ha detto che lei era stata lì il giorno anteriore). In tedesco, il discorso indiretto si può esprimere all’ indicativo o al congiuntivo. Nel parlato si preferisce l’indicativo, nello scritto il congiuntivo. Quando si usa il primo, si deduce che si è d’accordo con chi ha pronunciato la frase; l’uso del secondo, invece, indica che si sta solo ripetendo quanto detto dall’altra persona, indipendentemente se le si crede oppure no, come accade negli articoli di giornale o nelle notizie alla tv e quasi sempre nella lingua scritta.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Discorso indiretto Nel discorso indiretto, puoi mettere le frasi dichiarative dopo la frase introduttiva senza congiunzione oppure usando dass.  Le frasi interrogative parziali nello stile indiretto sono introdotte dal pronome interrogativo Approfondimento Inglese: discorso diretto e indiretto (clicca qui) Invece, nelle frasi interrogative totali, cioè quelle senza il pronome interrogativo, il discorso indiretto suole essere introdotto da ob.  In caso di esortazioni, il discorso indiretto in tedesco preferisce il verbo modale sollen, mentre, se vuoi suonare particolarmente educato, scegli mögen.  Mentre il primo è usato per esprimere un ordine, per rendere un imperativo o per dare un consiglio, il secondo comprende anche il significato di "bisogna fare".  In caso di non essere sicuro, scegli di evitare sollen per scansare equivoci.
Ed ecco che in modo semplice e veloce, anche noi saremo in grado di poter eseguire il discorso diretto in tedesco, nel modo più scolastico perfetto!
In questo modo non avremo problemi di parlare in tedesco e di rapportarci con questa lingua, non sempre facile da parlare e capire!. 

Non dimenticare mai: Il tedesco è davvero bella come lingua! Alcuni link che potrebbero esserti utili: https://deutsch.lingolia.com/it/grammatica/costruzione-della-frase/proposizione-subordinata/discorso-indiretto

Spagnolo: discorso indiretto Il discorso indiretto è ciò che ci consente di riportare le ... continua » Tedesco: frasi affermative e interrogative Imparare le lingue è un bellissimo modo per passare il tempo ... continua » Come usare la punteggiatura nel discorso diretto Una delle tecniche narrative più frequentate si sostanzia sulla celebre espressione ... continua » Tedesco: i verbi modali In grammatica i verbi modali sono quei verbi che esprimono senso ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.