Tedesco: i verbi reggenti preposizione

di M. R. tramite: O2O difficoltà: media

In questa guida, pratica e veloce, potremo imparare per bene il Tedesco e nello specifico cercheremo d'approfondire i verbi reggenti preposizione, cercando di evitare grandi errori e sbagli, che finirebbero con il compromettere l'utilizzo stesso di questa lingua unica e speciale. Iniziamo subito con il dire che nella lingua tedesca, la grammatica si costituisce di quattro casi: nominativo, genitivo, dativo ed accusativo. Ognuno di essi serve per indicare la specifica funzione di un vocabolo all’interno della frase. Per la costituzione dei complementi, il tedesco usufruisce anche dei verbi reggenti preposizione. Il problema è che non esistono regole specifiche per il loro uso adeguato. Vi servirà molta pratica e la giusta conoscenza linguistica, per evitare di commettere errori. In questa guida, vi daremo delle delucidazioni in merito. L’argomento necessita di approfondite conoscenze di base. Vi consigliamo di porre estrema attenzione alla spiegazione. Buona lettura e buon divertimento a tutti coloro i quali, hanno deciso di eseguire questa guida, nella maniera più veloce possibile.

Assicurati di avere a portata di mano: Un buon manuale di grammatica tedesca

1 Come comporre l'Indicativo ed il Dativo Tedesco
Di solito, i verbi reggenti le preposizioni “in” e “an” usano l’accusativo. Lo stesso vale per “unter”, “über” e “auf”. Ma dovete tenere presenti le eccezioni. Per meglio delucidare l’argomento, vi proponiamo un esempio. In tedesco, potete trovare le seguenti situazioni:
Ankommen auf + accusativo (dipendere da qualcosa).
Bestehen auf + dativo (insistere su qualcosa).
Come potete notare, la preposizione auf regge sia l’accusativo che il dativo. Non esistono regole base. L’unico consiglio consiste nel memorizzare l’uso di ogni singola preposizione, attraverso appositi esercizi.

2 Come utilizzare le preposizioni Wie e Als in Tedesco Ricordate che, in tedesco, Wie e Als non sono preposizioni. Si tratta, infatti, di particelle comparative. In alcuni casi, però, possono sostituire la preposizione. Che cosa succede quando si utilizzano dopo i verbi reggenti? Semplice! Si accompagnano a sostantivi che seguono il caso del primo termine tedesco.
Ecco un esempio pratico:
Arbetein als (lavorare presso).
Kennen als (conoscere per).
Aussehen wie (avere l’aspetto di).
Behandeln wie (trattare in modo).

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Come utilizzare sich freuen nel Tedesco Nei verbi reggenti preposizione, un discorso a parte lo merita sich freuen.  In tedesco, può reggere ben tre preposizioni: an, auf e über Approfondimento Tedesco: le preposizioni che reggono l'accusativo (clicca qui) La particolarità è che tende a cambiare significato, a seconda della preposizione che lo precede.  Utilizzerete il costrutto “sich freuen an” per indicare un forte piacere per una determinata circostanza.  “Sich freuen auf”, invece, esprime gioia per una situazione che deve ancora avverarsi.  Nel caso vogliate manifestare piacere per un avvenimento già accaduto, vi basterà utilizzare “sich freuen über”.
Come potete notare, l’uso corretto dei verbi reggenti preposizione vi permette di esprimere diversi concetti.  La mancanza di regole prestabilite vi può sottoporre a rischio errore.  L’unico metodo per evitare sgradevoli imprecisioni consiste nella costante esercitazione.  Inoltre, vi consigliamo di memorizzare i costrutti più usati, così da acquisirli facilmente.  Ed ecco che in pochissimi passaggi, anche noi potremo essere in grado di utilizzare il meglio dei verbi tedeschi, nel modo più veloce e semplice possibile, evitando possibili errori ed anche sbagli, che finirebbero con il compromettere l'utilizzo perfetto, delle stesse forme verbali.

Non dimenticare mai: Esercitatevi nel tedesco scritto e parlato ed eseguite numerosi esercizi sulle preposizioni. L’acquisizione della lingua vi aiuterà a superare la difficoltà sui verbi reggenti proposizione. Alcuni link che potrebbero esserti utili: Tedesco: verbi, aggettivi e sostantivi con preposizioni

Tedesco: come tradurre il gerundio dall'italiano Il gerundio è un tempo verbale non presente nella lingua tedesca ... continua » Tedesco: i verbi di posizione Il Tedesco è la lingua più parlata dopo quella inglese. La ... continua » Tedesco: le preposizioni che reggono dativo e accusativo Al giorno d'oggi, riuscire ad imparare una lingua differente dalla ... continua » Tedesco: la costruzione di zu e l'infinito Il tedesco è la lingua ufficiale della Germania ed è diffuso ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Tedesco: verbi regolari

Nella lingua tedesca, non esistono i verbi regolari e i verbi irregolari, ma si hanno verbi deboli e verbi forti (ma anche verbi misti). In ... continua »

Tedesco: il Perfekt

A volte imparare le lingue straniere sembra essere difficile, ma con la giusta applicazione ed una certa attenzione, si riescono ad ottenere risultati alquanto soddisfacenti ... continua »

Tedesco: i verbi irregolari

In questa guida cercheremo di mettere bene a fuoco le caratteristiche principali dei verbi irregolari in tedesco, tenendo presenti alcuni consigli che ci permettano di ... continua »

Tedesco: i verbi modali

In grammatica i verbi modali sono quei verbi che esprimono senso di possibilità, obbligo, necessità, volontà e capacità e come tali sono sempre seguiti dal ... continua »

Imparare il russo: l'avverbio

State imparando il russo, ma avete difficoltà con l’avverbio? Non preoccupatevi, nulla di più facile! L’avverbio, infatti, è uno dei pochi termini della ... continua »

Lingua tedesca: i complementi

La lingua tedesca fa parte delle lingue indoeuropee e, oltre ad essere la lingua nazionale della Germania, viene utilizzata anche in altre nazioni del centro ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.