Tedesco: i pronomi personali

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Studiare le lingue permette di scoprire diverse culture e approfondire la conoscenza con popolazioni diverse. Approcciarsi ad una nuova lingua richiede il saper alcune nozioni fondamentali per la costruzione delle frasi e per una corretta pronuncia. Il tedesco è una lingua piuttosto difficile da imparare, conoscerne le basi è fondamentale. La lingua tedesca è una lingua che, a primo approccio, potrebbe sembrare molto complessa ma che, una volta capite le regole, si dimostra di facile comprensione. Essa ha molta affinità con il latino soprattutto per quanto riguarda la presenza dei casi che determinano specifici complementi o funzioni all'interno della frase. In questa semplice guida ci occuperemo dello studio dei pronomi personali in tedesco e di come usarli, attraverso pochi ma semplici passaggi e in maniera veloce e pratica.

27

Occorrente

  • Esercizio e pratica
37

I diversi casi del pronome

Il pronome è quella parte, all'interno della frase, che può essere utilizzata per sostituire un nome comune o proprio. Ad esempio in italiano "chiedo ad Anna" può essere sostituito con "chiedo a lei". In tedesco ci sono gli stessi pronomi personali che ci sono in italiano con l'unica aggiunta del pronome di terza persona singolare di genere neutro. Abbiamo qui la divisione di pronome personale soggetto al caso nominativo, dativo e accusativo e genitivo. Va detto anzitutto che in tedesco il soggetto non può mai essere sottinteso quindi, in caso di frase che in italiano avrebbe assenza di soggetto come "piove", in tedesco si utilizza il pronome personale terza persona singolare neutro "es regnet".

47

Caso nominativo e accusativo

Detto questo cominciamo ad analizzare i vari casi: per il nominativo abbiamo i pronomi classici che hanno funzione di soggetto all'interno della frase: ich, du, er, sie, es, wir, ihr. Si usa anche la forma di cortesia sie, che serve a dare del "lei" e il verbo che fa riferimento ad essa è la terza persona plurale. Passiamo ora all'accusativo, che fa riferimento al complemento oggetto, ma che per molti versi assomiglia all'inglese, dato che molti verbi che in italiano vorrebbero il complemento di termine, in tedesco vengono tradotti con l'accusativo, come nella frase "io chiedo a te" che in tedesco è tradotta "ich frage dich".

Continua la lettura
57

Caso dativo e genitivo

Per quanto riguarda il dativo, questo è il caso che indica solitamente il complemento di termine.
L'ultimo caso che ci rimane da sapere è il genitivo, che indica complemento di specificazione e che ormai è comunque caduto in disuso. Con questo abbiamo completato la carrellata di pronomi personali, il cui uso è praticamente identico a quello italiano. Si tratta, quindi, solo di avere buona memoria e fare tanto esercizio per impararli perché effettivamente il dover ragionare per casi all'inizio può essere un forte ostacolo per chi non è abituato. Imparare il tedesco richiede senza dubbio molto esercizio e pratica e, man mano che si andrà avanti, diventerà sempre più facile e naturale approcciarsi alla lingua.

67

Guarda il video

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come tradurre i pronomi relativi dal latino

Il compito del pronome relativo, in italiano così come in tutte le lingue del mondo, è quello di mettere in relazione tra di loro due tipologie di proposizioni. Come tradurre correttamente i pronomi relativi dal latino? Vediamolo insieme all'interno...
Lingue

Lingua tedesca: i complementi

La lingua tedesca fa parte delle lingue indoeuropee e, oltre ad essere la lingua nazionale della Germania, viene utilizzata anche in altre nazioni del centro dell'Europa, come il Belgio, l'Austria, il Lussemburgo e la Svizzera. Ma anche nella nostra penisola...
Lingue

Tedesco: frasi affermative e interrogative

Imparare le lingue è un bellissimo modo per passare il tempo ed accrescere la propria cultura. Infatti studiare una lingua significa anche avvicinarsi e comprendere meglio una determinata cultura, conoscere la storia e alcuni aneddoti di una particolare...
Lingue

Come declinare i pronomi in finlandese

La lingua finlandese è il gergo maggiormente parlato in Finlandia. Questa lingua risulta agglutinante e la grammatica viene basata sulla declinazione delle singole parole. Mentre, la posizione delle stesse sul messaggio informativo di ogni singolo termine....
Lingue

La forma interrogativa in tedesco

Il tedesco, si sa è una lingua alquanto complicata per chi si cimenta per la prima volta ad impararne le diverse forme. In questa guida, vi saranno descritti dei passi per cercare di semplificare nel migliore dei modi, la forma interrogativa, per renderla...
Lingue

Come fare la forma interrogativa in tedesco

Quando studiamo una lingua straniera, molto spesso incontriamo qualche piccola difficoltà a livello grammaticale. Soprattutto se ci avviciniamo allo studio delle lingue germaniche, troviamo delle regole abbastanza differenti da quelle della nostra lingua,...
Lingue

Appunti di sintassi tedesca

In Europa si parlano tante lingue, ma quelle che vanno per la maggiore sono tre o quattro. Una di queste è il tedesco, che viene riconosciuto quale lingua ufficiale di Germania, Austria, Belgio, Lussemburgo, Svizzera e Liechtenstein. Nel corso della...
Lingue

Tedesco: i verbi riflessivi

Nel tedesco, i verbi riflessivi, come nella grammatica italiana, sono quei verbi che stanno ad indicare un'azione o un sentimento che è stato compiuto dal soggetto in una determinata frase. Assumono la definizione di "riflessivi", poiché nelle frasi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.