Tecniche per affrontare il rientro a scuola

di Angelo Bra tramite: O2O

Per un adolescente non c'è periodo peggiore di quello che coincide con il rientro a scuola dopo le vacanze estive. Questo momento diventa spesso il vero e proprio incubo per tutti i ragazzi. Nostalgia dell'estate, voglia di rimanere a giocare, poco amore per i libri: sentimenti che, messi tutti insieme, rischiano davvero di creare un profondo stato di disagio. Ma niente paura. Con la strategia giusta si possono affrontare questi momenti con il sorriso sulle labbra. Ecco alcune tecniche per affrontare il rientro a scuola con estrema disinvoltura.

1 Pensare ai compagni di classe Una prima tecnica è quella di pensare a quanto siano mancati i propri compagni di scuola. Occorrerà dunque ricordare i bei momenti trascorsi insieme durante l'anno precedente, magari progettando qualcosa da poter realizzare insieme anche all'inizio del nuovo anno. Questo servirà senza dubbio da stimolo per rientrare in classe in modo divertente e propositivo.

2 Comunicare il proprio malessere Un altro modo molto positivo di prepararsi al rientro scolastico è quello di parlarne con i propri compagni e soprattutto con i propri genitori. Manifestare apertamente le proprie ansie per il rientro è sempre un atteggiamento positivo che aiuta. Non occorre quindi chiudersi in se stessi, ma comunicare anche agli altri il proprio disagio o malessere. Il genitore dovrà, dal canto suo, essere in grado di infondere positività ed ottimismo.

Continua la lettura

3 Andare a dormire prima La maggior parte degli studenti, giunto il momento di tornare a scuola, manifesta problemi legati a sonno e stanchezza.  Quando si torna a scuola, infatti, tornano anche le vecchie regole, come quella di dover andare a dormire presto e di svegliarsi di buon mattino Approfondimento 10 regole per tornare a scuola con il sorriso (clicca qui) Giocare d'anticipo, magari tornando a svegliarsi in anticipo già qualche giorno prima rispetto al ritorno a scuola, può dunque rappresentare un comportamento utile.  L'alunno si riabituerà così ai ritmi scolastici e noterà meno la differenza con il periodo estivo o di vacanza.

4 Studiare qualcosa durante l'estate Il ragazzo che solitamente torna a scuola poi, è un ragazzo che teme sempre di non essere preparato, magari perché durante il periodo di vacanza non ha studiato nulla né ha mai aperto un libro. Al momento del ritorno tra i banchi, questa mancanza viene vissuta con grande ansia e timore. Anche qui la tecnica migliore è quella di giocare d'anticipo, magari imponendosi, durante l'estate, di sfogliare qualche libro o di ripassare le lezioni studiate l'anno precedente. Ci si sentirà così già pronti ad affrontare la nuova, lunga avventura scolastica.

5 Pensare che presto andrà meglio Infine, un'ultima tecnica di solito molto efficace: pensate sempre che, dopotutto, solo i primi giorni di scuola saranno veramente difficili. Ma già dopo la prima settimana, tutto tornerà normale e nella piena routine scolastica. Si tratterà dunque solo di pazientare per i primi giorni, che potrete tuttavia trascorrere riabbracciando i vecchi compagni. Chissà quante cose avranno da raccontarvi e chissà quante novità avranno da comunicarvi! Tornate dunque a scuola con entusiasmo: un nuovo anno ricco di sorprese vi aspetta. Andare a scuola non significa solo studiare. Ma anche socializzare e conoscere persone nuove.

Consigli per organizzarsi per il rientro a scuola Dopo le vacanze inizia nuovamente il periodo scolastico in cui diventa ... continua » 10 consigli per affrontare il rientro a scuola È certo che un po' tutti aspettiamo con ansia l'inizio ... continua » 5 consigli per affrontare alla grande il ritorno a scuola Purtroppo le vacanze estive arrivate alla fine e inizia la scuola ... continua » Come affrontare il rientro a scuola dopo le vacanze estive Le vacanze sono agli sgoccioli e i nostri bambini ancora devono ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come cambiare scuola

Generalmente quando si conclude il ciclo della scuola secondaria di primo grado e necessariamente si deve cambiare scuola, ci si trova di fronte a una ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.