Storia: le Signorie in Italia

di A. C. tramite: O2O difficoltà: media

Tra la metà del 200 e gli inizi del 300 si assiste ad un fenomeno di grande importanza in Italia, il passaggio dalle istituzioni comunali al governo di un solo signore. Tutto questo succede con modalità e tempi diversi sul piano nazionale. La signoria è la risposta alla crisi interna del comune, infatti, nacque proprio nel momento in cui la lotta fra le fazioni comunali erano giunte ad un punto di non ritorno e rischiavano di compromettere l'esistenza del comune stesso. Il signore è dunque una sorta di pacifista, e cioè colui che mette pace alle guerre interne del paese anche perdendo la propria libertà. L'epoca delle Signorie in Italia ha origine tra il XIII ed il XV secolo a seguito del disfacimento dell'impero dominato da Federico II e della crisi dei comuni indeboliti da decenni di lotte, guerre tra guelfi e ghibellini, povertà dei popoli. È a questo punto che i comuni iniziano a mettere il potere nelle mani di famiglie ricche e potenti già importanti per la regione di riferimento attraverso la figura del podestà. I signori stabiliscono alleanze con alcuni vicini e linee di difesa con altri. Spesso nell'epoca quattrocentesca diventano magnati dell'arte e se a loro si devono tante ingiustizie e negazioni di diritti al popolo, si deve anche la bellezza delle nostre città di oggi e della consistenza presenza in Italia di opere d'arte. Vediamo quindi la storia delle signorie in Italia.

1 Le prime Signorie si formano alla fine del XIII secolo: è il caso di Verona e di Milano. Ceti aristocratici e borghesi iniziano a mettere il potere nella mani di un podestà che avrebbe il ruolo di mettere fine a lotte e controversie. Dal ruolo di podestà inizia la successione di tale carica ad altri appartenenti della stessa famiglia fino a che la famiglia assume per diritto il potere all'interno del Comune. Il Comune generalmente non sparisce dalla scena politica ma il suo potere diviene molto relativo e le decisioni sottoposte a quelle della famiglia dominante. Il Signore non deve sottostare alle leggi del Comune anzi diviene spesso il promulgatore di leggi. Quando una famiglia ottiene dall'Imperatore un titolo, ad esempio il titolo di vicario, duca o marchese, ha formalmente inizio la signoria su un determinato territorio.

2 Alla fine del Quattrocento l'Italia è divisa in grandi e piccoli regni come si vede da alcune mappe. Tra quelli più estesi gli Stati pontifici ed il Regno di Napoli occupano tutta l'Italia del sud. Il Regno di Sicilia è a se stante mentre la Sardegna è sotto al dominio spagnolo. Altra grande area a nord-est è quella della Repubblica di Venezia che arriva alle coste dell'attuale Croazia, mentre la Repubblica di Genova occupa la Croazia e la Corsica. Sono repubbliche anche le forme istituzionali di Siena e Firenze mentre Saluzzo è un piccolissimo marchesato. I ducati sparsi per la penisola sono quelli di: Milano, Mantova, Modena, Ferrara, Asti e Monferrato e Savoia.

Continua la lettura

3 Le Signorie più antiche in territorio imperiale sono quelle dei Della Scala a Verona, noti anche come Scaligeri, e dei Visconti a Milano.  A Milano in successione dominano i Della Torre, i Visconti ed infine gli Sforza.  Approfondimento Storia: la signoria dei Medici (clicca qui) A Mantova dominano i Bonacolsi prima ed i Gonzaga poi, ma prima di questi in epoca Imperiale e Comunale la famiglia più in vista era quella dei Canossa.  Nel territorio pontificio le Signorie sono molte: le più importanti sotto il profilo economico si rivelano quelle degli Este a Ferrara, Montefeltro ad Urbino, Malatesta a Rimini.  In Toscana sono i De Medici a dominare.  La Repubblica di Venezia ha invece il titolo di ducato e governa la Serenissima Signoria formata dal Doge, da un consiglio e dai giudici.

4 La Signoria dei Visconti domina a Milano tra Medioevo e Rinascimento, dal 1277 al 1447. La figlia dell'ultimo Duca sposa uno Sforza e da qui la Signoria cambia nome. Tra i due casati la breve esperienza di tre anni della Repubblica Ambrosiana. I Visconti sono stati spesso in lotta con gli stati confinanti, specialmente con gli Scaligeri e la Serenissima e hanno creato appoggi con il Ducato gonzaghesco di Mantova e la famiglia Sforza di Cremona che è poi entrata nella successione del Ducato di Milano.

5 La signoria dei Medici domina Firenze e la Toscana per un lunghissimo periodo. La ricchezza della famiglia non nasce dall'origine nobile ma dall'attività mercantile che si trasforma in attività bancaria. Da Cosimo de' Medici a Lorenzo de' Medici detto il Magnifico, la signoria cerca di stabilire un rapporto diretto con le famiglie in vista ma anche con i sudditi in modo da stabilire un clima di fiducia utile al mantenimento del potere. Un potere comunque molto invidiato da chi non lo detiene. La dimostrazione viene dalla congiura messa in atto dalla famiglia dei Pazzi, la seconda per ricchezza a Firenze ma che al contrario dei Medici può esibire titoli nobiliari e cavallereschi. I Medici ne temono il potere e la mettono al bando da ogni possibile partecipazione al governo e la famiglia Pazzi organizza l'uccisione di Lorenzo e del fratello Giuliano con la complicità di famiglie nobili e personalità ecclesiastiche indebitate con le banche medicee. Riescono nell'intento di uccidere solo Giuliano e il potere dei Medici diventa ancora più forte.

6 Le Signorie perdurarono quindi per secoli e il loro termine avvenne per differenti motivi. Alcuni cacciati, come gli Scaligeri, altri confluiti in altre famiglie, come i Visconti, altri senza eredi o andati in rovina come i Gonzaga che vendettero all'estero le proprie collezioni. La mancanza di eredi e quindi l'unione con altre famiglie dissolse poteri e patrimoni. La decadenza della penisola nel XVII secolo con provincialismi, pestilenze ed epidemie, crisi del commercio, prepararono le regioni italiane all'Italia del periodo illuminista.

Storia: la Signoria di Lorenzo il Magnifico Lorenzo de' Medici aveva solo vent'anni quando suo padre morì ... continua » Storia: guelfi e ghibellini I Guelfi e i Ghibellini, erano le due fazioni opposte nella ... continua » La Signoria degli Sforza a Milano La Signoria degli Sforza fu una famiglia di Milano che acquisì ... continua » Storia: l'Italia Medievale Il Medioevo fu un periodo storico molto complesso il cui inizio ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

L'Unità d'Italia in breve

L'Unità d'Italia non fu facile e, gli avvenimenti storici che portarono a questa unione, si protrassero per gran parte del 1800. Caduto Napoleone ... continua »

Angelo Poliziano: vita e opere

Angelo Poliziano nacque nel 1454 a Montepulciano. Suo padre, dottore in legge e mercante, legato alla famiglia di Lorenzo de' Medici, nel 1464 viene assassinato ... continua »

Guida alla pittura romantica

La produzione pittorica italiana del primo Ottocento, che va sotto il nome di Romanticismo privilegia la scelta di soggetti storici, ispirati al medioevo italiano, o ... continua »

Scuole di russo a Milano

La lingua russa è di origini indoeuropee e discende direttamente dalle lingue slave. Nel corso degli ultimi anni, essa ha assunto una rilevanza crescente, diventando ... continua »

Storia: La Repubblica di Venezia

La Repubblica di Venezia possiede una storia affascinante. Tutti gli storici italiani ed internazionali hanno cercato di comprendere come quella città avesse conseguito enormi successi ... continua »

Niccolò Machiavelli: vita e opere

Niccolò Machiavelli è uno dei maggiori esponenti dell'intera letteratura italiana del Quindicesimo Secolo. La politica e gli eventi di questo secolo influenzarono non poco ... continua »

Storia: Federico Barbarossa

L'imperatore Federico I, detto Barbarossa, è stato uno dei più importanti sovrani della storia europea, durante il Medioevo. Vissuto nel XII secolo, è stato ... continua »

Storia: lo Stato Pontificio

Lo Stato Pontificio è un territorio politico-religioso governato dal Papa, cioè colui che è a capo della cristianità cattolica romana. Lo stato esiste dal 752 ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.