Storia: la civiltà cretese

di Raffaele Raff tramite: O2O difficoltà: facile

Creta è un'isola non troppo estesa collocata nel Mar Mediterraneo orientale. Come tutte le isole del Mediterraneo è stata luogo di moltissimi eventi storici. La sua storia inizia tantissimo tempo fa, infatti i primi insediamenti risalgono al 6000 a. C. Circa. Gli abitanti dell'isola vivevano dei prodotti della terra, quindi di agricoltura, di allevamento (ovini e bovini) e di pesca. Con il passare dei secoli i Cretesi iniziarono a diventare degli abilissimi navigatori e arrivarono a toccare le coste italiane e del Nord Africa. Verso il 2500 - 2000 a. C. I metalli come l'oro, l'argento, il bronzo, lo stagno e il rame erano ricercato ovunque. Iniziò così il momento magico della della civiltà Cretese.

1 Le miniere Nell'isola di Creta non esistevano miniere, tuttavia gli abitanti erano in grado di navigare in tutto il Mar Mediterraneo. In pochi decenni Creta si creò un vasto impero marittimo e per secoli nessuno riuscì a contendere la supremazia alla flotta cretese. Le città che disponevano dei porti migliori, naturalmente diventarono le cittadine più ricche e forti, tra tutte dominò la città di Cnosso che divenne la capitale dell'isola, sede anche del noto palazzo reale denominato "labirinto" per la sua struttura estremamente complessa.

2 Il cataclisma Ma verso il 1450 a. C. Creta fu sconvolta da un terribile cataclisma che distrusse gran parte del suo territorio. La vicina isola di Thera (oggi denominata Santorini) esplose in seguito ad un'eruzione e i terremoti e i maremoti che ne susseguirono, ne devastarono l'intera parte centro - orientale. Di questa sciagura ne approfittarono subito i sovrani stranieri che si impossessarono non solo dell'isola ma anche della civiltà che ci viveva. I Cretesi tentarono numerose volte di ribellarsi ma senza ottenere alcun risultato.

Continua la lettura

3 La dominazione straniera Dopo cinquant'anni di dominazione straniera, Creta fu teatro dell'ennesima rivolta, la più nota sorta intorno all'anno 1400 a.  C.  Approfondimento Appunti di storia: gli ittiti (clicca qui) Quando i Cretesi si ribellarono occupando il cortile della reggia di Cnosso laddove risiedeva il re straniero, le fiamme fecero crollare le colonne e quindi le travi del soffitto della sua nobile dimora crollarono e tutto fu seppellito sotto un cumulo di macerie.  Ma tra il 1200 e il 1100 a.  C.  Una nuova invasione da parte dei Dori, che possedevano armi quasi invincibili, sottomise definitivamente l'isola e pose fine alla civiltà Cretese dopo circa 5000 anni di storia.  3300 anni più tardi lo studioso inglese Arthur Evans, scavando tra le rovine del palazzo di Cnosso riportò alla luce le testimonianze di quella inutile disfatta.

Storia: la dominazione araba in Sicilia La Dominazione Araba in Sicilia è uno di quegli eventi della ... continua » Storia: le invasioni barbariche Le invasioni barbariche sono state un periodo storico che si sviluppò ... continua » Storia: la Sicilia Borbonica Il diciottesimo secolo fu un periodo molto importante e determinante per ... continua » Appunti di storia: la civiltà egizia In questa guida daremo alcuni appunti di storia sulla grande civiltà ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Storia: il Colonialismo

Con Colonialismo si intende un fenomeno storico e politico che riguardò principalmente gli Stati Europei. Consiste nell'espansione accelerata dei confini nazionali fuori dalla propria ... continua »

Storia: l'Impero Ottomano

Impero Ottomano, conosciuto anche come Sublime Stato ottomano, fu un impero turco attivo nell'età medioevale e che rimase tale per circa 623 anni. Fu ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.