Storia: l'Impero di Caterina II di Russia

di Ant Adi tramite: O2O difficoltà: media

Caterina II (Stettino 1729 - Pietroburgo 1769) detta "La Grande" è una delle figure femminili più importanti che la storia possa ricordare. Sotto il suo dominio l'impero russo conobbe forza e grandezza. Principessa tedesca, figlia di Cristiano Augusto d'Anhalt, ricevette alla nascita il nome di Sofia Augusta. Già nel periodo dell'adolescenza Caterina dette prova della sua grande vivacità intellettuale, amante della cultura, delle scienze e dell'arte, rifiutò l'educazione pessimistica di stampo luterano. La zarina Elisabetta la scelse come sposa del nipote ed erede al trono, il granduca Pietro, ed ella fu condotta in Russia nel 1744, dove entrò subito a far parte della chiesa ortodossa e ricevette il nome di Jekaterina (Caterina) Alekseevna. Caterina si sforzò fin da subito nell'imparare a essere una vera russa.

1 L'ascesa al potere di Caterina II Suo marito salì al trono nel 1762 con il nome di Pietro III. La sua mal politica, le continue stranezze e l'incapacità nel gestire le sorti di un Paese così esteso lo resero avverso a una buona parte della nobiltà che vedeva invece nella sua consorte un'altra possibilità di governo. Inoltre lo zar stava progettando di ripudiare la moglie e quindi quest'ultima si preoccupò di coltivare preziose amicizie e non si fece mancare anche molte avventure sentimentali, alcune delle quali le furono utili per l'ascesa al potere. Questo continuo disappunto nei confronti dello zar si raggruppò intorno alla futura imperatrice e il 9 luglio del 1762 Caterina si fece prestare giuramento dalle truppe, annunciò che avrebbe spodestato il consorte e preso il potere "per la difesa della fede ortodossa e per la gloria della grande Russia". Tutto ciò fu possibile grazie all'aiuto di Grigory Orlov, amante di Caterina, che guidò la cospirazione. Pietro III non oppose resistenza, abdicò il giorno dopo e fu relegato in una casa di campagna, dove probabilmente venne ucciso il 17 luglio 1762. Iniziò così l'ascesa al potere di Caterina. II trono durò ben trentaquattro anni. Fu uno dei più fervidi periodi della storia russa, sia per la politica interna adottata sia per per le aperture che l'imperatrice fece verso l'esterno. Seguendo l'esempio di Federico il Grande e Giuseppe II volle regnare da "despota Illuminata" aprendosi soprattutto alle ideologie dell'illuminismo francese. Fu in costante rapporto con Voltaire, d'Alambert e in particolare con Diderot. Attuò un processo di modernizzazione della Russia che a corte conobbe una vera e propria età dell'oro. Aprì varie scuole, protesse le scienze, incoraggiò l'installazione di tipografie. Chiamò a palazzo molti artisti straniere e fu lei stessa una letterata.

2 La svolta conservatrice di Caterina II Il regno di Caterina vide il primo vero sviluppo industriale che s'accompagnò però a uno sfruttamento della popolazione. Più della metà dei russi erano ancora servi della gleba e quindi sotto l'oppressione della nobiltà. La Russia era spaccata a metà: da una parte la nobiltà con tutti i suoi privilegi e dall'altra parte la popolazione che versava in uno stato di sottomissione, povertà e schiavitù. Scoppiò quindi una grande rivolta guidata da Pugacev, un cosacco del Don. Gli insorti riuscirono ad arrivare fino alle porte di Mosca. La sovrana, che fino ad allora aveva cercato di domare l'insurrezione con metodi illuminati, attuò il pugno duro e la soffocò nel sangue. Fino a quel momento c'era stata l'illusione che questa reggente potesse alleviare le pene delle masse contadine, ma dopo questo fatto tutto cambiò. La zarina, mentre nel resto d'Europa si lottava per far cessare i privilegi della nobiltà, nel 1785 rafforzò con una legge le amministrazioni locali. I nobili si videro conferire un ruolo ancora più importante e poteri maggiori. Caterina si allontanò così dagli ideali che l'avevano così attratta in gioventù, continuando a ignorare i problemi dei ceti più poveri.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 La politica espansionistica dell'imperatrice La politica imperialista di Caterina II mirò ad ampliare i confini della Russia a scapito di alcuni stati vicini come la Polonia e la Turchia.  Avvicinò la Russia alla Prussia, ambedue interessate a mire espansionistiche in Polonia e contribuì in maniera decisiva alla distruzione di questo regno, dopo che vi pose al trono uno dei suoi vecchi amanti Stanislao Poniatowski Approfondimento L'Europa e il dispotismo illuminato (clicca qui) Questo Paese fu letteralmente spazzato via nonostante le continue insurrezioni del popolo polacco.  Alla fine la Moldavia, la Valacchia, la Podolia, la Lituania e la Curlandia vennero annesse alla Russia.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: Caterina II di Russia Caterina II la Grande imperatrice di Russia Caterina II di Russia Caterina II di Russia Caterina II di Russia

Storia: il secondo impero francese Con il termine Secondo Impero francese nella storia si indica il ... continua » Storia: l'Impero austro-ungarico La storia dell'Impero Austro-Ungarico ha inizio nel 1867 quando venne ... continua » Storia: i grandi imperi Non esiste una data precisa e concordata alla quale far risalire ... continua » Storia: il comunismo in Russia La rivoluzione bolscevica del 1917 ebbe un'importanza centrale nella storia ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Storia: Anna Bolena

Personaggio storico, interessante ma anche controverso, Anna Bolena ha ispirato grandi opere letterarie, teatrali e cinematografiche. La sua storia prende le mosse dalla dinastia inglese ... continua »

Storia: l'Imperialismo giapponese

Il panorama mondiale dopo la rivoluzione industriale ha provocato grandi cambiamenti all'interno dell'intero contesto storico, principalmente dal punto di vista economico, sociale e ... continua »

Storia: Carlo Magno

Nell'anno 742 nacque Carlo Magno, un uomo che influenzò la storia. Negli anni che egli fu Re, fu autore della riforma politica che fece ... continua »

Storia: l'Impero bizantino

Il nome di Impero bizantino nasce dalla sua capitale Bisanzio (Costantinopoli) ed è il nome che viene attribuito all'Impero romano d'oriente, dopo la ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.