Storia: l'età dei totalitarismi

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Tra le tante culture che deve avere una persona nella vita o col tempo assumere, è quella riguardante la Storia: L'età dei totalitarismi. Le caratteristiche comuni dei totalitarismi sono il culto del leader, la presenza del partito unico, controllo dei mezzi d'informazione e mass media, l'ideologia unica, un capo carismatico, il controllo economico e il nemico oggettivo. Nello specifico esso tratta praticamente la storia antica e di tutto ciò che accadde con la presenza di Hitler, Benito Mussolini, Weimar in quell'epoca. Un cultura importante, soprattutto per coloro che amano tali età storiche.

26

Il 28 Ottobre del 1922

L'Italia come ben sapete tutti, uscita dalla Grande Guerra e dalla Conferenza di Parigi era un paese ferito nell'orgoglio. Questo sentimento, sfociato con l' occupazione di Fiume ad opera di Gabriele D' Annunzio, sarà la nascita del Partito Nazionale Fascista di Benito Mussolini, ex socialista, interventista, che fonda in piazza San Sepolcro i fasci di combattimento. Il 28 Ottobre del 1922 organizza la marcia su Roma, data che segna l'inizio della dittatura fascista in Italia. Il re rifiuta lo stato d' assedio e Facta si dimette, consegnando il governo nelle mani di Mussolini. La prima norma del nuovo governo è l'abolizione dei diritti dei lavoratori.

36

Hitler approfitta del successo mediatico per diffondere le sue idee

Il fallimento della guerra e della Repubblica di Weimar, porta alla nascita del Partito Nazionalsocialista Operaio di Adolf Hitler, noto per il tentativo di colpo di stato nel 1923 a Monaco. Hitler approfitta del successo mediatico per diffondere le sue idee, trovando il consenso popolare grazie anche alla sua abilità oratoria. Nell'incendio del Reichstag l'anno successivo vengono accusati i deputati comunisti, avversari politici dei nazisti e mandati alla pena capitale. Alle nuove elezioni i nazisti ottengono un consenso maggiore e Hitler abolisce la costituzione di Weimar.

Continua la lettura
46

Dopo la Rivoluzione russa del 1917

Dopo la Rivoluzione russa del 1917 e il rovesciamento del governo zarista, Lenin e i bolscevichi prendono potere. Alla sua morte avvenuta nel 1924 gli succede Josif Stalin, segretario generale del partito comunista sovietico, per quanto lo stesso Lenin preferisse Trockij, definendo il "russo d' acciaio" un pericolo per l' Unione Sovietica. Stalin eliminò tutti gli avversari politici deportandoli nei Gulag in Siberia e a Vorkuta; successivamente avviò un programma di autosufficienza economica basato sulla collettivizzazione delle campagne e sulla meccanizzazione dell'agricoltura.

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Solo uno studio approfondito e attento può farvi comprendere la storia dei totolitarismi
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Storia: l'URSS da Stalin a Lenin

La prima metà del '900 è stata caratterizzata da una serie di riforme in tutto il mondo, che hanno influito molto sulla "geografia politica" dell'epoca. In particolare, dopo la Grande Guerra, negli anni Venti del XX secolo, alcune nuove potenze iniziarono...
Superiori

la seconda guerra mondiale in pillole

In questa breve guida vi illustrerò brevemente la Seconda Guerra Mondiale, dividendo i fatti di primaria importanza in pillole, affrontando le diverse tematiche del conflitto e in particolare le politiche espansionistiche.Partiamo dal presupposto che...
Superiori

Storia: fascismo e nazismo

Nazismo e fascismo nascono basandosi sulle stesse ideologie e pertanto mostrano alcune caratteristiche comuni. Erroneamente spesso i termini vengono utilizzati come sinonimi l'uno dell'altro, le differenze tra le due ideologie sono determinanti e li rendono...
Superiori

Adolf Hitler: biografia

Il massimo esponente del nazismo tedesco, Adolf Hitler, fu un uomo piuttosto sanguinario, uccidendo migliaia di persone per ottenere la cosiddetta "razza pura". Proprio per la sua inumanità e durezza di carattere, il suo nome rimase impresso nella storia...
Superiori

Il Dopoguerra in Italia

La I Guerra Mondiale aveva fatto una strage di combattenti. La II Guerra Mondiale invece era stato un vero e proprio flagello molto più grave del precedente, infatti aveva fatto anch'essa una strage di combattenti ma anche delle popolazioni civili e...
Superiori

La Repubblica di Weimar

In seguito alla sconfitta nella Prima Guerra Mondiale dell'esercito tedesco e alla successiva fuga dell'Imperatore, sorse un nuovo Stato in Germania, la Repubblica di Weimar. Essa permarrà dal 1919 al 1933, lasciando strascichi dello splendore culturale...
Elementari e Medie

Le principali cause della seconda guerra mondiale

Gli anni che intercorrono tra il 1939 e il 1945 vedono il contesto mondiale macchiarsi delle indelebili tracce del conflitto più grande nella storia dell'uomo.  Nel testo che segue troverete una breve rassegna delle cinque principali cause che hanno...
Superiori

La Rivoluzione Russa: la nascita dell' URSS

La Rivoluzione Russa fu un evento a livello sociale e politico che caratterizzò la Russia dal 1917 sino al 1922, anno della nascita URSS. Essa portò a cambiamenti radicali nello stato russo e fece sminuire la figura dello zar. Fu anche una prova di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.