Storia del brigantaggio in Italia

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L'Italia è un paese con una storia piuttosto lunga e travagliata. L'enorme quantità di eventi che si sono susseguiti durante i secoli, hanno contribuito a rendere il paese ciò che è adesso, a crearne l'identità attuale. Uno dei periodi più importanti e famosi nella nostra storia è quello dell'Unità d'Italia, che ha dato origine a moltissimi fenomeni che si sono ripercossi nella vita attuale. Tra questi possiamo annoverare il brigantaggio. Anche se ormai questa forma di criminalità è ben visibile in altra forma.
Ma cerchiamo di capire come ha avuto origine il brigantaggio ripercorrendone la storia e cercando di far luce su questo fenomeno. Con il termine brigantaggio, nato in ambito giornalistico a metà del 19° secolo, si indica con una certa approssimazione il fenomeno di massa responsabile degli atti criminali e banditeschi che sono accaduti nel Meridione tra il 1860 ed il 1870, vale a dire negli anni immediatamente successivi all'Unità d’Italia. Fenomeno di portata ampissima, il brigantaggio più conosciuto e studiato dalla storia è quello post-unitario, benché gruppi di banditi, dediti a rapine e saccheggi, operassero già da tempo in molte zone del Sud. Il fenomeno venne represso dal governo italiano, grazie all'uso dell’esercito e delle leggi speciali, con costi umani e sociali altissimi.

25

Le promesse disattese

Il brigantaggio post-unitario si sviluppò in tutto il Mezzogiorno nelle pieghe del malcontento popolare che si generò quando fu chiaro che le promesse legate all'unificazione italiana sarebbero state largamente disattese. Infatti, gran parte del consenso all'annessione si poggiava sulla speranza di concreti miglioramenti delle condizioni di vita delle classi più umili, specialmente attraverso la Riforma Agraria. Tra le forze che dettero man forte e sostennero le attività anti-italiane, e dunque sostennero il banditismo, c’era il Governo borbonico in esilio e, ufficiosamente, la Chiesa Cattolica: i primi auspicavano la restaurazione del Regno delle Due Sicilie; la seconda fomentava la povera gente, facendo leva sulla religiosità popolare da contrapporre al laicismo dello stato liberale italiano.

35

Le ragioni del brigantaggio

Il malcontento fu una ragione ma non la sola dello sviluppo del fenomeno. I primi fatti di sangue di una certa gravità iniziarono a registrarsi fin dopo il 1860 quando si andarono formando, a macchia d’olio ma in tutto il Meridione, delle bande di irregolari formate da individui dalle provenienze più disparate: ex soldati del Regno delle Due Sicilie, ex garibaldini e delinquenti abituali si univano in veri e propri piccoli eserciti che saccheggiavano i centri abitati. Ma non si trattava solo di saccheggio: spesso, durante questi assalti, venivano incendiati gli archivi comunali e massacrati i notabili del posto. Questa prassi venne letta come un attacco alla neonata unità nazionale e lo Stato decise di utilizzare l'esercito per risolvere il problema.

Continua la lettura
45

Effetti causati dall'utilizzo dell'esercito

L’utilizzo dell’esercito comportava, però, dei problemi di natura giuridica riguardo al rispetto dei diritti di libertà personale contemplati nello Statuto Albertino. Chi veniva arrestato con l’accusa di essere un brigante, veniva giudicato e spesso condannato dall'esercito stesso e non da un tribunale statale. Questa prassi venne superata tramite alcuni provvedimenti legislativi. In primo luogo nell'estate del 1862, i territori dell’ex Regno delle Due Sicilie vennero dichiarati sotto stato d’assedio; poi, per tenere sotto controllo il mondo rurale, nel 1863 venne impedita la transumanza, cosa che permise all'esercito di tenere sotto controllo buona parte della popolazione contadina impiegata nella pastorizia. Infine, sempre nel 1863, venne promulgata la Legge Pica, dal nome del suo estensore, che sospendeva, di fatto, i diritti costituzionali e dava pieni poteri all'esercito, al punto che chi veniva accusato di brigantaggio era processato da appositi tribunali militari.

55

I metodi dell'esercito

I metodi utilizzati dall'esercito furono brutali: esecuzioni sommarie, rastrellamenti, arresti, torture e deportazioni. Parecchie provincie del Mezzogiorno vennero dichiarate “sottostato di brigantaggio” e questo permise all'Esercito una capacità di manovra praticamente illimitata. Fin dal 1865 si poteva affermare che le bande più pericolose, numerose ed organizzate erano state debellate o distrutte. La guerra al brigantaggio venne dichiarata terminata nel 1870, quando venne revocato lo stato d’assedio in tutte le provincie italiane.
Il brigantaggio ha generato pesanti ripercussioni sul Meridione, generando alcuni fenomeni ancora oggi tangibili, e soprattutto gettando la parte Sud dell'Italia in uno stato di miseria ancora oggi ben visibile. Conoscerne la storia e capirne gli effetti è importante per poter prendere delle decisioni nell'immediato futuro e rimediare ad una situazione piuttosto disagevole. Anche se ci vorranno moltissimi anni prima che la situazione possa migliorare.
Alla prossima.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

La Prima Guerra d'Indipendenza in breve

Capire meglio ciò che siamo diventati oggi, le scelte dei nostri avi,, questo è il motivo per cui studiamo la storia; dopotutto, proprio tali scelte hanno decretato il destino e il disegno politico e sociale del nostro paese, l'Italia. È una lunga...
Elementari e Medie

La Spedizione dei Mille

La spedizione dei Mille è una delle pagine più gloriose ed interessanti della storia della penisola italica e non solo. Ha segnato infatti una nuova era per lo stato italiano ma anche per l'assetto del potere europeo. Dall'unione del regno delle Due...
Superiori

Giuseppe Garibaldi in breve

Giuseppe Garibaldi è una delle figure di spicco del Risorgimento italiano, noto soprattutto per il suo impegno nella lotta all'unità di Italia concretizzato con la spedizione dei Mille. È uno dei personaggi storici italiani più celebri al mondo, conosciuto...
Superiori

Storia: la Breccia di Porta Pia

Nel 1860, l'attuale Capitale d'Italia non apparteneva alla Penisola Italiana. A quei tempi Roma faceva parte del regno pontificio. Il territorio romano diventò una città italiana il 20 Settembre 1870, grazie ad un gruppo ben fornito di Bersaglieri e...
Elementari e Medie

La seconda guerra d'indipendenza nel 1859

Lo Stato Italiano è il risultato di tre Guerre d'Indipendenza.Ma per la definizione degli attuali confini si è dovuto attendere la fine della prima guerra mondiale.Trentino e Venezia Giulia sono entrati a far parte dell'Italia solamente in seguito ai...
Superiori

Storia: il Risorgimento

Con il termine Risorgimento in storia ci si riferisce a un periodo caratterizzato da una rivoluzione culturale, politica e sociale che, dopo diverse peripezie, portò all'Unità Italiana. Il Risorgimento rese l'Italia un Paese geograficamente unito e...
Maturità

Appunti di storia: l'unificazione tedesca

Con "unificazione tedesca" si vuol intendere un insieme di processi avvenuti nel corso del XIX secolo, che portarono alla formazione di un Impero tedesco. Già nel 1848, anno definito "Primavera dei popoli" a causa dell'ondata di moti rivoluzionari borghesi...
Superiori

Storia: la prima guerra d'indipendenza in Italia

1848. La storia della prima guerra d'indipendenza in Italia inizia con l'insurrezione dei democratici e repubblicani italiani, a seguito della notizia della caduta di Metternich e dei fatti di Vienna. Venezia si ribellò agli austriaci il 17 marzo, Milano...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.