Regole per l'uso del congiuntivo

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La lingua italiana è tra le più affascinanti e complesse del mondo. La sua grammatica è ricca di regole e le forme verbali presentano molti modi e tempi. Apprendere queste regole è fondamentale per comunicare con un buon italiano. Tuttavia troppo spesso si fa fatica ad usare in modo appropriato i verbi. A farne le spese è soprattutto il congiuntivo, il cui uso sostituisce di frequente il condizionale, e viceversa. Un grave errore fin troppo comune. Per questo motivo analizzeremo le regole per l'uso corretto del congiuntivo nei passi a seguire.

26

I tempi semplici del congiuntivo

Il congiuntivo si compone di due tempi semplici più due composti. I tempi semplici sono il presente e l'imperfetto. La caratteristica che aiuta nel riconoscimento del congiuntivo è la congiunzione "che". In genere tale congiunzione precede soggetto e verbo. Nel caso del verbo "essere", il congiuntivo presente diventa "che io sia" nella prima persona singolare. L'imperfetto si compone aggiungendo delle desinenze specifiche alla radice del verbo. Nel congiuntivo presente del verbo "amare" avremmo "che io ami". La forma imperfetta diventa "che io amassi". Alla radice "am" si aggiunge la desinenza "assi".

36

I tempi composti del congiuntivo

Per coniugare i tempi composti del congiuntivo useremo l'ausiliare più participio passato. I tempi sono il passato e il trapassato. Nel passato l'ausiliare sarà al congiuntivo presente. Il risultato sarà perciò "Io sia tornato" o "Io abbia amato". Nel trapassato l'ausiliare sarà al congiuntivo imperfetto. In tal caso avremo dunque "Io fossi andato" o "Io avessi dormito".

Continua la lettura
46

L'uso del congiuntivo nelle subordinate

L'uso del congiuntivo può variare molto in base al contesto. Nelle subordinate oggettive accompagna quei casi in cui si esprime qualcosa di incerto. Più precisamente dei verbi che esprimono desiderio, dubbio/timore, pensieri o opinioni. La frase "Vorrei che tu vincessi la gara" esprime un desiderio. La frase "Temo che siano andati via" esprime timore. Oppure "Penso/credo che sia soddisfatto del risultato" esprime un parere e un pensiero personale. Il congiuntivo trova spazio anche nelle subordinate soggettive, concessive, comparative e relative. Le subordinate ipotetiche esprimono situazioni che potrebbero verificarsi. Come nella frase "Nel caso io SIA assente, lasciate un messaggio in segreteria".

56

Omettere il che

In alcuni casi è possibile omettere la congiunzione "che". Come nel caso in cui ad accompagnare il congiuntivo sia un verbo che esprime incertezza. La frase "Immagino (che) tu sia soddisfatto" può rinunciare al "che". Nell'esprimere volontà non è grammaticamente giusta la rinuncia al "che". Dunque non diremo mai "Voglio tu venga a casa mia, domani".

66

La subordinazione implicita

In una subordinata può capitare che il soggetto della frase principale corrisponda a quello della subordinata. Non bisogna commettere l'errore di usare il congiuntivo in questo caso. Una frase come "(io) credo che IO abbia ragione" è ridondante e sconsigliabile. Solo se i soggetti non coincidono è ammissibile il congiuntivo. "(Io) credo che TU abbia ragione" è una giusta formulazione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Come formare il periodo ipotetico in francese

Di questi tempi parlare due o più lingue è diventato di fondamentale importanza, soprattutto per le relazioni di lavoro e per chi vive e lavora all'estero. Non è infrequente infatti, soprattutto per le persone abituate a viaggiare molto, parlare più...
Superiori

Come Costruire Le Proposizioni Con "Cum Congiuntivo" In Latino

Il latino come si dice comunemente è una lingua morta, perché, come suggeriva una illustre linguista, morti sono coloro che la parlavano, ma non perché sia morta la lingua in sé. Ma In realtà noi studiamo documenti scritti in latino. E questo è...
Lingue

Francese: il congiuntivo

Se per le vostre vacanze estive o invernali avete deciso di fare un viaggio nei paesini della Francia, ma non avete molta dimestichezza con i verbi e soprattutto con il congiuntivo, non dovete crearvi nessun problema poiché come si evince dai passi successivi...
Superiori

Latino: come riconoscere e tradurre le proposizioni consecutive

La grammatica latina è uno degli scogli principali per gli studenti dei licei. Appena si inizia con i vari complementi è molto difficile tenere tutto bene a mente. Ma quando si passa all'analisi del periodo la situazione si complica ulteriormente. In...
Elementari e Medie

5 regole per non sbagliare il congiuntivo

Come voi lettori e lettrici ben saprete, uno dei tempi verbali più complessi da imparare è certamente il congiuntivo. Il congiuntivo è un modo verbale che indica eventi non oggettivi, surreali, insicuri o non rilevanti Il congiuntivo (non solo per...
Lingue

Francese: i verbi modali

Come in ogni lingua che si rispetti anche nel francese troviamo i verbi modali (anche detti servili), ed in questa guida vi saranno presentati i principali. Nel caso non vi ricordiate bene quali siano i verbi modali questo link vi rinfrescherà la memoria....
Lingue

Come tradurre i verbi difettivi in inglese

La lingua inglese ha una struttura totalmente differente dalla lingua italiana e di conseguenza anche le forme verbali. Sebbene sia una lingua abbastanza semplice da imparare per poter fare dei discorsi base, ci sono delle combinazioni con i verbi veramente...
Superiori

Latino: i congiuntivi indipendenti

Il latino era una lingua parlata anticamente in gran parte dell'Europa, soprattutto nella zona mediterranea. Oggi, invece, è una lingua che non viene più parlata in nessuna parte del mondo, ma ciononostante viene ugualmente insegnata in alcuni istituti,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.