Come Declinare Correttamente Il Pronome Relativo Latino

di Irene Romeo tramite: O2O difficoltà: facile

In italiano, il pronome relativo introduce una frase subordinata e si esprime con "che, il quale, la quale, cui". Anche il latino ha il pronome relativo, ovvero un connettore che collega una secondaria alla principale. In questo caso "qui, quae, quod" svolgono una duplice funzione: mostrano che la preposizione subordinata da essi introdotta, rappresenta una più dettagliata qualificazione per il nome, con il quale concordano in genere e in numero. Inoltre, assumono una forma grammaticale che indica la funzione che compiono nella frase in cui sono collocati. Per una traduzione corretta, è bene conoscere le cinque declinazioni (-ae; -i; -is; -us; -ei) e tutti i casi (nominativo, genitivo, dativo, accusativo ed ablativo). In questa guida, vedremo insieme come declinare correttamente il pronome relativo latino.

Assicurati di avere a portata di mano: una buona conoscenza della grammatica italiana

1 Il pronome relativo concorda sempre in genere (maschile, femminile, neutro) e numero (singolare, plurale) del sostantivo o pronome a cui si riferisce. Il caso, invece, dipende dalla funzione logica che esso assume nella frase in cui si colloca. Per una questione di praticità, è bene imparare la declinazione cominciando prima dal nominativo, poi dal genitivo, il dativo, l' accusativo ed infine l' ablativo. Questo metodo, vi consentirà di memorizzare meglio, evitando di fare confusione.

2 Cominciamo quindi a declinare il singolare. Nominativo: qui, quae, quod; Genitivo: cuius, cuius, cuius; Dativo: cui, cui, cui; Accusativo: quem, quam, quod; Ablativo: quo, qua, quo. Per rendere più semplice la teoria, vediamo di fare qualche pratico esempio: "Volucris qui pipiat est passer meus", ovvero L'uccellino che cinguetta è il mio passerotto. In questo caso, il "qui" concorda in genere, numero e caso con il soggetto della frase principale.

Continua la lettura

3 Decliniamo adesso il plurale, servendoci dello stesso procedimento.  Nominativo: qui, quae, quae; Genitivo: quorum, quarum, quorum; Dativo: quibus, quibus, quibus; Accusativo: quos, quas, quae; Ablativo: quibus, quibus, quibus.  Approfondimento Come Declinare Correttamente Gli Aggettivi Della Seconda Classe Latina (clicca qui) Proviamo a trasformare la frase dell'esempio precedente al plurale.  Avremo: Volucri qui pipiant sunt passeri mei.

4 In conclusione, il pronome relativo introduce la proposizione relativa, che solitamente regge l'indicativo. In alcuni casi, però, può anche reggere il congiuntivo. Il complemento di compagnia, presenta la postposizione "cum" (quicum, quacum, quocum, quibuscum, ecc..). Le forme di quae (neutro plurale), quod (neutro singolare) quando vengono usati come pronomi, presentano forme associate con "res" (cuius rei, cui rei, e così via).

Come declinare gli aggettivi in tedesco Ogni lingua che decidiamo di studiare, prima o poi metterà davanti ... continua » Come declinare un nome latino Molti studenti del liceo classico che si ritrovano, per la prima ... continua » Come declinare gli aggettivi in Latino Nel latino, come in italiano, bisogna declinare l'aggettivo in base ... continua » Come declinare i pronomi in finlandese La lingua finlandese (suomen kieli) è l'idioma maggiormente parlato in ... continua »

Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Le 5 declinazioni latine

Il latino è una lingua flessiva, in cui le parti variabili del discorso sono soggette a mutamento nelle desinenze che indicano la funzione di ogni ... continua »

Tedesco: i casi

Il tedesco è una lingua il cui studio manda in crisi molti studenti a causa delle notevoli differenze con l' italiano. Una delle sue più ... continua »

Latino: sintassi dei casi

Il latino è una lingua molto antica che non viene più parlata oggi. Nonostante la sua importanza, in alcune scuole non viene studiato in quanto ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.